Connect with us

Cerca articoli

Sport & Diritti

Il solido tabù delle mestruazioni si rompe (un po’) nella piscina olimpica di Rio de Janeiro

“Ho il ciclo e mi sento debole, ma non è una scusa”. Così la nuotatrice cinese Fu Yuanhui, spiega l’insuccesso della sua frazione nella 4×100 mista che ha fatto scivolare tutta la squadra fuori dal podio olimpico.

Lo dice con naturalezza, così come dovrebbe essere, senza cercare espressioni meno dirette che da sempre si usano come se il ciclo fosse una vergogna. Le mestruazioni sono una cosa seria, scriveva la scrittrice Igiaba Scego in un articolo per Internazionale dello scorso gennaio indignandosi per un tabù che, di fatto, riguarda ogni parte di mondo. Delle mestruazioni si parla sotto voce sebbene ogni donna di questo pianeta sanguini in quei giorni e lo faccia perché il corpo funziona proprio in quel modo lì. Il cuore batte naturalmente, si respira naturalmente e altrettanto naturalmente le donne, una volta al mese, hanno le mestruazioni. E anche le sportive, quelle leonesse combattive, anche loro hanno il ciclo, anche loro soffrono per i dolori addominali, la spossatezza, i mal di testa e qualche volta quei giorni capitano proprio durante una competizione importante. È un tabù che va disintegrato.

Qualcosa si è mosso quando la tennista Heather Watson nel 2015 ha dichiarato alla BBC di aver perso la partita degli Open d’Australia contro Tsvetana Pironkova a causa del ciclo. Oggi è la nuotatrice cinese, forse inconsapevolmente, a buttare giù un altro pezzetto di questo muro.

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Dino Viola, l’educatore Il 19 Gennaio 1991 moriva Dino Viola, indimenticabile presidente della Roma, che ha lasciato un segno indelebile nel cuore dei tifosi...

Altri Sport

Momenti difficili per tutto il comparto degli sport invernali che stanno vivendo sulle loro spalle i danni causati dalla seconda brusca ondata di Covid...

Calcio

Pier Luigi Nervi, l’architettura al servizio dello sport Il 9 Gennaio 1979 moriva un maestro indiscusso della storia dell’architettura italiana, Pier Luigi Nervi, un innovatore nell’ambito...

Allenamento

Palestre e centri sportivi chiusi: il momento per rinnovare Una criticità legata alla diffusione del Covid e all’anno appena passato, quel 2020 che con...

Altri Sport

La poesia “sbagliata” di Miguel: storia del desaparecido che amava correre e sognare Dei trentamila desaparecidos che l’Argentina degli orrori ha strappato alla vita...

Eventi

I migliori film e documentari sui grandi dello sport Gli atleti che hanno lasciato il segno visti attraverso dieci produzioni per il grande e...

Storie di Sport

Julius Yego, da YouTube alla Leggenda Compie oggi 32 anni Julius Yego, il campione del giavellotto la cui vita ci spiega come nello Sport...

Altri Sport

Yvonne de Ligne: Omicidio sul Ghiaccio Le storie olimpiche  a volte si intersecano con vicende di altro genere, non ultime quelle della cronaca nera....

Altri Sport

Fate lo Sport, non fate la guerra: Pierre De Coubertin e le Olimpiadi moderne Il primo gennaio 1863 nasceva Pierre De Coubertin, l’uomo a...

Altri Sport

A tu per tu con Federico Mastrostefano, Campione mondiale di nuoto per salvamento A tu per tu con Federico Mastrostefano, campione del mondo nel...

Altri Sport

Edwin Moses, i passi di un dio Scrivere di sport equivale, anche perché ci piace e ci diverte, a profondere una serie di aggettivi;...

Altri Sport

Charlie Chaplin: storia di un atleta diventato il più grande comico di sempre Il 25 dicembre 1977 moriva quel genio artistico di Charlie Chaplin,...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro