Connect with us

Cerca articoli

Sport & Diritti

Il solido tabù delle mestruazioni si rompe (un po’) nella piscina olimpica di Rio de Janeiro

“Ho il ciclo e mi sento debole, ma non è una scusa”. Così la nuotatrice cinese Fu Yuanhui, spiega l’insuccesso della sua frazione nella 4×100 mista che ha fatto scivolare tutta la squadra fuori dal podio olimpico.

Lo dice con naturalezza, così come dovrebbe essere, senza cercare espressioni meno dirette che da sempre si usano come se il ciclo fosse una vergogna. Le mestruazioni sono una cosa seria, scriveva la scrittrice Igiaba Scego in un articolo per Internazionale dello scorso gennaio indignandosi per un tabù che, di fatto, riguarda ogni parte di mondo. Delle mestruazioni si parla sotto voce sebbene ogni donna di questo pianeta sanguini in quei giorni e lo faccia perché il corpo funziona proprio in quel modo lì. Il cuore batte naturalmente, si respira naturalmente e altrettanto naturalmente le donne, una volta al mese, hanno le mestruazioni. E anche le sportive, quelle leonesse combattive, anche loro hanno il ciclo, anche loro soffrono per i dolori addominali, la spossatezza, i mal di testa e qualche volta quei giorni capitano proprio durante una competizione importante. È un tabù che va disintegrato.

Qualcosa si è mosso quando la tennista Heather Watson nel 2015 ha dichiarato alla BBC di aver perso la partita degli Open d’Australia contro Tsvetana Pironkova a causa del ciclo. Oggi è la nuotatrice cinese, forse inconsapevolmente, a buttare giù un altro pezzetto di questo muro.

A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Giovanni Paolo II, l’Atleta di Dio. Il 22 ottobre di 42 anni fa Karol Wojtyla dava inizio al suo pontificato. Fu il primo papa...

Altri Sport

Steven Bradbury: quando l’idolo della Gialappa’s rischiò di morire Compie oggi 48 anni Steven Bradbury, l’idolo della Gialappa’s che vinse per caso la medaglia...

Calcio

Dario Fo: il Premio Nobel che amava il calcio “vecchie maniere” Il 13 Ottobre 2016 moriva Dario Fo, uno degli artisti italiani più stimati...

Alimentazione

Sport e caffeina: quali benefici secondo la scienza  Il contributo della caffeina sulle attività sportive è confermato dalla scienza ed è stato ripreso anche...

Altri Sport

Un Gentiluomo chiamato Larry Lemieux: quando per vincere devi perdere Il 24 Settembre 1988 alle Olimpiadi di Seul, Larry Lemieux, un uomo che a...

Pugilato

Billy Collins e quel pugno “dopato” che ha distrutto la sua vita Il 21 settembre 1961 nasceva il pugile di origini irlandesi Billy Collins,...

Altri Sport

Jesse Owens: il nero che incantò Hitler Il 12 settembre 1913 nasceva Jesse Owens, leggendario corridore statunitense che alle Olimpiadi del 1936 nella Berlino...

Storie di Sport

Strage di Monaco, le colpe dei tedeschi Durante le Olimpiadi di Monaco 1972, nella notte tra il 5 e il 6 Settembre un gruppo...

Altri Sport

Fate lo Sport, non fate la guerra: Pierre De Coubertin e le Olimpiadi moderne Il 2 settembre 1937 moriva Pierre De Coubertin, l’uomo al...

Altri Sport

Edwin Moses, i passi di un dio Il nostro tributo al leggendario Edwin Moses nel giorno in cui compie 66 anni. Scrivere di sport...

Calcio

Gutendorf – Pfannenstiel: il giro del mondo in 80 squadre Quando Jules Verne pensò di raccontare l’impresa del gentiluomo inglese che voleva circumnavigare l’intero...

Azzardo

Il grande inganno dei Bonus di Benvenuto: quando il “regalo” è utile solo ai Bookmaker Sono messi in grandissima mostra, scritti grandi e con...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro