Connect with us

Cerca articoli

Sport & Diritti

Il simbolo delle Paralimpiadi di Rio è Marcia Malsar che cade e si rialza

Iniziano con qualcosa di altamente simbolico i Giochi Paralimpici di Rio de Janeiro: Marcia Malsar, una delle ultime tedofore, in diretta dallo stadio Maracanà, mentre cammina sorretta dalla sua stampella, cade. Tutto il pubblico applaude, si mette in piedi. I due tecnici accorsi immediatamente la aiutano soltanto a riprendere la torcia in mano, a rialzarsi ci pensa da sé. Ed ecco il primo momento di vera emozione di questa paralimpiade.

Marcia Malsar, affetta da disabilità agli arti inferiori, è stata la prima atleta brasiliana a mettere al collo una medaglia d’oro paralimpica, vincendo i 200 metri nel 1984 a New York. Quattro anni più tardi vincerà un argento nei cento metri.

Probabilmente senza tutta quella pioggia nello stadio, l’ex atleta non sarebbe nemmeno caduta, e la sua camminata, il suo nome, non sarebbero stati così chiacchierati. Nonostante ciò, la sua scivolata può essere presa come il simbolo di questi Giochi, un momento in cui questi atleti si mettono in gioco con una forza meravigliosa, lottano contro i freni del loro corpo e riescono ad ottenere ottimi risultati.

Sono pochi i limiti che non possono essere superati, ce lo insegnano questi atleti qui. Guardare per credere.

Avatar
A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Altri Sport

Charlie Chaplin: storia di un atleta diventato il più grande comico di sempre Il 16 aprile si celebra il Charlie Chaplin Day per ricordare...

Altri Sport

A tu per tu con Fiona May, la Regina del Salto in lungo Momenti frenetici quelli che si stanno vivendo all’inizio di questa primavera...

Interviste

A tu per tu Roberto Cammarelle, il signore del ring Partita con l’accensione del simbolico braciere a Fukushima l’edizione numero trentadue dei Giochi Olimpici...

Altri Sport

Gelindo Bordin e l’impresa impossibile di Seul 1988 Compie oggi 62 anni  il maratoneta Gelindo Bordin, l’atleta che vinse un incredibile oro alle Olimpiadi...

Altri Sport

Jesse Owens: il nero che incantò Hitler Il 31 marzo 1980 nasceva Jesse Owens, leggendario corridore statunitense che alle Olimpiadi del 1936 nella Berlino...

Altri Sport

A tu per tu con Giovanni “Johnny” Pellielo, la Leggenda del Tiro a Volo Fasi decisive per il mondo dello sport in generale che...

Pugilato

Teófilo Stevenson: tutto l’oro di Cuba  Il 29 marzo 1952 nasceva a Cuba, Teófilo Stevenson, leggendario pugile caraibico che durante tutta la sua vita...

Calcio

Paolo List e gli altri: vittime innocenti della Sla, la malattia dei calciatori Il 28 Marzo 2016 moriva a soli 52 anni Paolo List,...

Calcio

Sennasempre: la storia in una maglia Testo: Ettore Zanca Illustrazione: Enrico Natoli Nel giorno in cui avrebbe compiuto 61 anni, vi raccontiamo l’impatto che...

Interviste

A tu per tu con Sara Simeoni, la donna volante Ci sono dei momenti e delle sensazioni legati con un filo invisibile e impressi...

Calcio

Vampeta, il ‘vampiro’ nerazzurro affogato nel mare della perdizione Compie oggi 47 anni Marcos André Batista Santos, meglio noto come Vampeta, il brasiliano che...

Altri Sport

A tu per tu con Antonio Rossi, la Leggenda della canoa azzurra In questo marzo pazzo condizionato gravemente dalle varianti Covid e dalla imminente...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro