Connect with us

Cerca articoli

Basket

Il San Lorenzo si riprende la Storia: dopo 32 anni, il basket torna a Boedo

San Lorenzo è Boedo, Boedo è il San Lorenzo.

E del suo ritorno nel quartiere a cui appartiene per identità e storia, della sua vuelta a Boedo, abbiamo già parlato abbondantemente.

Alle 21, ora argentina, dello scorso lunedì 24 Ottobre, il San Lorenzo è tornato a Boedo.

Trentadue anni dopo l’ultima volta, una squadra professionistica del Ciclòn ha giocato una gara ufficiale in Avenida La Plata.

E, ironia della sorte, la nuova era de los Cuervos si è aperta proprio come si era chiusa: giocando a pallacanestro.

Nel dicembre 1979, quando il Gasometro chiudeva i battenti sotto la pressione della Dittatura, nella palestra San Martin, qualche passo più in là, si continuava infatti a giocare a basket.

E si continuò fino al 1984, anno della chiusura della San Martin.

Un distacco così forte, quello fra il basket e Boedo, da far scomparire addirittura la squadra fra il 1986 ed il 1992. E trovare il ritorno nel professionismo solo nel 2012 ed il primo scudetto la scorsa stagione.

Non che mancasse la tradizione, anzi. Pur senza risultati a livello nazionale, il basket a Boedo contava, ogni anno, quasi trentamila partecipanti fra corsi, squadre ufficiali ed iniziative di vario genere (fonte: Clarin.com).

san-lorenzo1 san-lorenzo2

Con la gara contro Bahia, vinta 72-57, il basket è tornato a Boedo e con lui tutto il sentimento di una delle realtà sociali e sportive più amate e conosciute al mondo.

Il Polideportivo Roberto Pando è stato il primo impianto sportivo inaugurato nel nuovo centro sportivo del San Lorenzo. I lavori, cominciati nel marzo 2015, sono costati trentadue milioni di pesos per un palazzetto di 2050 posti a sedere.

L’abbiamo costruito al cento per cento con i nostri soldi, senza chiedere quote aggiuntive ai nostri soci. Credo sia la dimostrazione per i tifosi di tutte le squadre che tutte le società, lavorando bene ed in maniera onesta, possono non solo far sopravvivere un club ma farlo crescere” ha dichiarato il presidente Matias Lammens.

Una serata emozionante per tutti.

Qui ci sono duemila tifosi ma sono quasi quattro milioni ad essere emozionati per questo ritorno, come me” ha raccontato invece lo speaker della serata.

A confermarlo anche Marcelo Tinelli, vicepresidente del club: “è la celebrazione di tanti anni di impegno e lavoro per tornare a Boedo”.

I titoli sono importanti ma qui si parla della storia e dell’identità di ognuno di noi, ed è una cosa di cui non si può fare a meno” ha poi aggiunto.

Ora non resta che attendere il ritorno del calcio al Viejo Gasometro, previsto per il 2018.

Un passo alla volta il San Lorenzo si sta riappropriando della propria storia.

sanlorenzo

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

0 Comments

  1. Avatar

    Alberto Luis

    Novembre 8, 2016 at 5:16 pm

    Felicitaciones a todos los hinchas de SAN LORENZO, però quiero decirles algo, en el articulo el periodista escribiò que es un Club conocido en todo el MUNDO…
    EN TODO EL MUNDO ?…EN VEZ LES DIGO QUE EL SAN LORENZO ES CONOCIDO DA UN PAR DE ANOS PORQUè ES EL EQUIPO DE PAPA FRANCESCO !, ES EL HINCHA MAS IMPORTANTE AL MUNDO…
    SINO ES UN EQUIPO DE UN SANTO ! Y NADA MAS, LOS CONOCEN SOLO EN ARGENTINA.
    lOS EQUIPOS MAS CONOCIDOS DE ARGENTINA SON BOCA, RIVER, ESTUDIANTES Y INDEPENDIENTE, LOS
    OTROS CLUBES, LOS CONOCE SOLO SUS HINCHAS Y ESTAN ADENTRO DEL BARRIO DE PERTENENCIA…SALUDOS PARA TODOS…DE UN HINCHA DE BOCA QUE VIVE EN ITALIA DESDE 41 ANOS.

    DEMAS LOS CONOCEN SOLOSUS MADRES…

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Storie di Sport

Storia di Jimmy Butler, quando il Basket ti toglie da sotto un ponte Ha compiuto ieri 31 anni Jimmy Butler, il giocatore NBA la...

Basket

Don Haskins, il Martin Luther King bianco del Basket americano Il 7 Settembre 2008 moriva a El Paso, in Texas, Don Haskins, leggenda del...

Basket

Alphonso Ford: l’ultimo palleggio del Puma Il 4 Settembre 2004 moriva Alphonso Ford, uno dei più forti cestisti che abbiamo potuto ammirare nel basket...

Basket

Krešimir Ćosić, la leggenda del Fenomeno che disse di No alla Nba Spiegarlo ai giovani di oggi forse è quasi impossibile, però c’è stato...

Basket

Kobe e Gianna: come te lo immagini il paradiso? Avrebbe compiuto oggi 42 anni Kobe Bryant, la leggenda dei Los Angeles Lakers recentemente scomparso...

Basket

Compie oggi 34 anni Brandon Roy, uno dei talenti più forti della NBA recente, la cui ascesa è stata fermata solo da una serie...

Basket

Darko Milicic: l’arte di darsi la zappa sui piedi Compie oggi 35 anni Darko Milicic, il talentuoso centro serbo che ha deciso di abbandonare...

Basket

La Legge Len Bias: quando per cambiare le regole ci deve scappare il morto Il passaggio dall’infanzia all’adolescenza e infine all’età adulta è lastricato...

Basket

Dirk Nowitzki: quando il Basket incontrò la matematica Compie oggi 42 anni Dirk Nowitzki, il fenomeno tedesco che in NBA ha fatto la storia...

Basket

Predrag Stojakovic, il miglior tiro che non sia mai entrato Compie oggi 43 anni Predrag Stojakovic, uno delle mani più educate della Storia Nba....

Basket

Mahmoud Abdul Rauf: il cecchino del Mississippi che ce l’aveva con gli Stati Uniti Le forti prese di posizione degli sportivi durante questi giorni...

Basket

Drazen Petrovic: poesia sospesa tra Mozart e Nietzsche Il 7 Giugno 1993 ci lasciava tragicamente Drazen Petrovic, uno dei migliori interpreti della pallacanestro mondiale....

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro