Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Il sacrificio umano della Roma

[themoneytizer id=”27127-1″]

Il sacrificio umano della Roma

dal Fatto Quotidiano del 18 Giugno 2019

Il lutto si addice ad Elettra ma anche alla Roma che celebra – dopo il campionato disastroso, l’esclusione dalla Champions, lo stadio fantasma, il cupo addio di Daniele De Rossi -, il funerale definitivo: quello della gestione americana. Officiante, e insieme auto vittima sacrificale, Francesco Totti che nell’immolarsi nel giorno in cui avrebbe “voluto morire” annuncia la possibile resurrezione in quel di Trigoria, magari con una “nuova proprietà”. Non proprio nell’anno del poi, a leggere controluce (ma mica tanto) alcuni passaggi della fluviale conferenza stampa. Ospitata, non a caso, nelle sale di quel Coni, il cui presidente Giovanni Malagò è già candidato da misteriose cordate a guidare la Roma del futuro. Ipotesi di acquisizione del club duramente contestate dagli attuali vertici societari che con l’accusa nemmeno tanto velata di turbative sul titolo rischiano di trasformare lo scontro Totti- Pallotta nella guerra atomica.

Dal che si deduce la natura soprattutto politica di un addio-arrivederci condotta da un numero 10 in tutti i sensi, capace di parlare come pochi il linguaggio della trasparenza. Forse in alcuni passaggi terra-terra ma proprio per questo implacabile nel mettere in fila i tanti sassolini e macigni accumulati in questi due anni da dirigente inutilizzato. E  che adesso si dovranno digerire tutti coloro che lo hanno escluso dalle decisioni che contano, a cominciare dall’uomo nero (ma sarà davvero così?) Franco Baldini. Micidiale, Totti, soprattutto nel fare emergere, per contrasto, la pochezza imprenditoriale della Pallotta company responsabile di avere buttato nel cestino, per non dire peggio, un gioioso brand universale come quello dell’unico, vero Capitano. Meritandosi la disistima non solo dei tifosi feriti nei sentimenti ma anche – qualcuno già immagina – del business internazionale di cui a ragione si sentono parte.

Purtroppo sfiancati da questa infinita quaresima gli appassionati giallorossi (parlo per me) vorrebbero tanto che una fine così tormentata della Totti story impedisse almeno un tormento senza fine. Per questo dopo aver sottoscritto l’altro ieri un insensato abbonamento mi iscrivo alla modalità Proietti. E dunque non accarezzo più sogni di gloria ma come Gigi “mi accontenterei, diciamo, di una squadra interessante”. Quanto a Francesco non sopportavamo più di vederlo inquadrato sugli spalti silenzioso e triste perché lo sentivamo lacerato dal desiderio di rompere e da quello di restare. Alla fine ha scelto molto soffrendo e, in fondo, ha scelto anche per noi. Che abbiamo rotto ogni legame con chi non ha saputo rispettare la nostra storia. Ma che restiamo e resteremo legati a quella maglia come lo resteranno Francesco e Daniele. Perché questo, a loro e a noi, non ce lo può togliere nessuno.

[themoneytizer id=”27127-28″]

 

A cura di

Giornalista professionista dal 1968, sono stato responsabile della redazione romana del Corriere della sera, vicedirettore de L’Espresso, direttore de L’Unità e, nel 2009 fondatore e direttore de Il Fatto Quotidiano e dal 2015 presidente di Editoriale Il Fatto spa. Ho scritto libri (Non aprite agli assassini, Senza cuore e, di recente, Io gioco pulito), ho sempre tifato Roma, mi sono sempre battuto per la libertà di stampa. E continuerò a farlo.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Chilavert non si giudica dalla copertina Compie oggi 56 anni José Luis Chilavert, leggendario portiere del Paraguay. Per celebrarlo vi raccontiamo un aneddoto davvero...

Calcio

21-6-1978, Argentina-Perù: Marmellata rosso sangue Se è vero che ogni edizione della Coppa del Mondo ha avuto il suo sottoscala, lo sgabuzzino dove si...

Calcio

Calcio e totalitarismo: Quali squadre tifavano i dittatori? Il 25 luglio 1943 terminava il Regime Fascista, ponendo fine alla dittatura di Benito Mussolini, un...

Calcio

149 a 0: quando una sconfitta ti regala un posto nella storia del calcio Il Madagascar, al giorno d’oggi, è conosciuto per essere la...

Calcio

Ubaldo Matildo Fillol, una vita tra i guanti Compie oggi 71 anni Ubaldo Matildo Fillol, leggendario portiere argentino campione del Mondo con l’Albiceleste nel...

Calcio

René Houseman, “El Loco Impresentable” Ieri 19 luglio nasceva nel 1953 Renè Houseman, Campione del Mondo 1978 con la sua Argentina, scomparso  per un...

Calcio

Mandela Day: il calcio di Mandela nel carcere dove trascorse 18 anni ll 18 Luglio 1918 nasceva Nelson Mandela, il presidente sudafricano che è...

Calcio

Giacinto Facchetti: Tre, come Treviglio Tra i tanti primati del calcio italiano, ce n’è uno, sempre passibile di aggiornamenti, incrociando le dita, che gli...

Calcio

Le meteore della Serie A: Adrian Pit, 41 minuti per entrare nella storia della Roma Compie oggi 38 anni Adrian Pit, l’esterno romeno che...

Calcio

La chiamarono la Guerra del Calcio Il 14 Luglio 1969 iniziava quella che viene definita la “Guerra del Calcio” tra Honduras e El Salvador....

Calcio

Ronaldo: Fenomeno, a tutti i costi Sono le 14,30 del 12 luglio 1998. Parigi. Non un città qualsiasi, né una giornata qualsiasi. In quel...

Calcio

La C2 del Licata e le origini di “Zemanlandia” Dilectissima. Così nel XIII° secolo Federico II di Svevia appellò Licata, cittadina in provincia di...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro