Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Il ruolo dell’uomo di Sport: semplice atleta o personaggio impegnato?

Si è sempre discusso su quello che deve fare o meno un atleta fuori dal campo. Non di certo sulla vita che deve condurre, che deve essere (più o meno) sempre sana per poter poi dare il meglio sul campo e negli allenamenti, ma tanto di come rapportarsi alla vita reale. Un atleta famoso, seguito da milioni di persone sui social Network, deve esprimersi su certi argomenti, oppure deve far finta di nulla e ostentare ricchezza e spensieratezza? Questa riflessione ci viene dopo l’episodio che ha coinvolto Claudio Marchisio che su Facebook ha postato la foto di una donna di origini africane in balia delle onde e in piena disperazione appena sbarcata sulle coste italiane dopo un altro viaggio della speranza, che nelle acque italiane è ormai diventata l’abitudine.

Bandiera – Il post di Marchisio è il post di una bandiera della Juventus. Un ragazzo nato e cresciuto nelle giovanili del club bianconero e ora uomo simbolo di una della squadre più forti d’Euorpa. Giovedì scorso Marchisio, colpito dall’ennesima tragedia sulle coste italiane, ha deciso di postare una foto: “Viaggi della speranza che finiscono in tragedia per molte persone! Ancora corpi senza vita nel #mediterraneo. Come la tragedia di Manchester, avvenuta pochi giorni fa, continuiamo a vedere, sentire e leggere notizie strazianti e storie assurde! Come sta cambiando il mondo?”. Questo il testo che il centrocampista juventino ha scritto a descrizione della foto. Un pensiero tutto sommato profondo che vuole avere uno sguardo sul mondo a 360 gradi e non solo su quello che in quei giorni teneva banco e cioè la tragedia di Manchester. Il problema poi però sono stati i commenti che tifosi e fan di Marchisio hanno deciso di lasciare sotto al post: c’è chi elogiava questa presa di posizione e chi ne criticava il contenuto e chi ancora invece rimproverava Marchisio di “impicciarsi” di cose extra calcio e di non pensare solo al rettangolo verde. Senza entrare nell’inutile diatriba di chi vuole accogliere o chi vuole respingere questi essere umani che arrivano in condizioni che di umano non hanno nulla, per sfuggire da situazioni ancora meno umane del viaggio che hanno sostenuto, il quesito che ci poniamo è questo: Cosa deve fare un personaggio importante dello sport? Impegnarsi nel sociale, cercare di dare una sua opinione, far vedere che non è così distante da quello che lo circonda, oppure far finta di nulla e regalare ai suoi tifosi solo attimi di spensieratezza?

Si è sempre detto che gli atleti prima di essere calciatori, tennisti e chi più ne ha e più ne metta, sono uomini, ragazzi. Allora perché criticare la scelta di un ragazzo che sul suo profilo decide di dire qualcosa che va un po’ fuori dagli schemi, che decide di dimostrare la sua sensibilità verso un argomento che molte volte somiglia solo ad un dato statistico? Forse anche questa potrebbe essere una diatriba infinita tra chi sostiene una o l’altra parte, ma la pochezza di alcuni commenti al post di Marchisio lascia veramente sbalorditi. Come nell’occasione del Tweet del cittadino honduregno Jorge Larios che la sera stessa degli attentati di Manchester si diceva dispiaciuto che tra le vittime non ci fosse Pep Guardiola o un altro catalano, i commenti sotto al post di Marchisio non rispettano di certo la volontà del calciatore. C’è chi scrive “Pensa alla Champions” oppure chi dichiara di voler togliere il “like” alla pagina perché il post è (testuale) una “cagata”. Forse la risposta al nostro quesito è che, qualsiasi cosa faccia, un personaggio famoso troverà sempre qualcuno che lo criticherà anche davanti a delle situazioni ed alcune opinioni che non dovrebbero scatenare discussioni perché rappresentano valori assoluti ed universali. Purtroppo con l’avvento dei social è diventato tutto molto relativo, ma a noi piace pensare che ogni atleta abbia delle emozioni ed una sensibilità che potranno essere espresse e condivise con il suo pubblico, senza che nessuno si senta in diritto di criticare la sua scelta.

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Commenti

3 Comments

  1. Avatar

    Pasquale

    Maggio 29, 2017 at 11:18 am

    Ogni persona umana ha nel suo DNA , emozioni, sentimenti e valori a cui richiamarsi, aldilà di essere calciatori, atleti, attori eccc. ….Marchisio non ha fatto altro che ascoltare il suo DNA …..elogio a questo UOMO!

    • Avatar

      Pietro

      Maggio 29, 2017 at 4:33 pm

      Marchisio! E’ lo stesso “campione” che alla vigilia dei mondiali aveva detto di essere leghista? Non vorrei che sia solo un ritorno di immagine per un “piccolo” uomo.

  2. Avatar

    Lucio Rossini

    Maggio 30, 2017 at 1:30 am

    …potessimo avere qualche Marchisio in piu’ in Italia, lo sport vivrebbe giorni migliori e sopratutto sentimenti piu’ nobili di quelli espressi in questi giorni in una radio di Bologna a proposito di calcio…..

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Lo scorso 6 aprile è stato il trentesimo anniversario dal primo ritorno di Roberto Baggio a Firenze da avversario. Il ‘Divin Codino’ alla Juventus...

Inchieste & Focus

Perché il Calcio non c’entra niente con lo Ius Soli Negli ultimi giorni è tornata in auge la questione Ius Soli, con le dichiarazioni...

Calcio

L’uso dei social di Marchisio aiuterà le generazioni future Con molta probabilità, nel 2050, quando la regola diventerà discutere dell’atleta che si espone per...

Calcio

113 anni di Inter, la squadra (quasi) mai stata in B Il 9 Marzo 1908 nasceva il Foot-Ball Club Internazionale, meglio conosciuto come Inter. La squadra...

Calcio

Le meteore della Serie A: El Uablo bianconero Juan Eduardo Esnaider Compie oggi 48 anni Juan Eduardo Esnaider, uno dei tanti “fenomeni parastatali” (come...

Calcio

Campioni di Politica: quando gli sportivi salgono al potere Provando a fare una rapida e poco approfondita considerazione socio-psicologica, non suona poi così strano...

Calcio

Helmut Haller: il giocoliere teutonico Il biondone di Augusta. Helmut Haller: un teutonico consacrato in Italia. Lo stivale è diventato presto casa sua. Lui,...

Calcio

Roberto Baggio: Genealogia del Divin Codino Quest’anno le candeline da spegnere sono cinquataquattro. Se provi ad affiancare le immagini di quando accarezzava palloni deliziando...

Calcio

Pato firma per l’Orlando City. Sundas di American Group Sport Management esprime la propria soddisfazione: “Un grande colpo per l’MLS e per Orlando” Alexandre...

Calcio

Aldo Agroppi, comunque granata Se nelle stracittadine anche gli occhi di Paolino Pulici diventavano granata, un altro cuore torinista che sentiva il derby della...

Calcio

Cesare Maldini: il simbolo di un calcio che non c’è più Il 3 aprile 2016 ci lasciava Cesare Maldini, compianto allenatore di un calcio...

Calcio

Quando Cristiano Ronaldo fu ad un passo dalla Serie A Compie oggi 36 anni Cristiano Ronaldo, attuale attaccante della Juventus che, molti anni prima...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro