Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Il Rumore non fa gol, una graphic Novel ricorda Giacinto Facchetti

Gaetano e Giacinto sono due tipi che parlano piano anche adesso, adesso che sono lontano. Ma in questo frastuono è rimasta un’idea, un eco nel vento, Facchetti e Scirea”. Così gli Stadio nella loro, intensa, canzone “Gaetano e Giacinto”, un brano che rende omaggio a due indimenticabili campioni di Juventus e Inter. Ed è proprio all’ex capitano e dirigente nerazzurro, a dieci anni dalla sua morte, che edizioni BeccoGiallo dedica un’avvincente graphic novel in bianco e nero – ma il neroazzurro, anche a livello cromatico non manca –, sceneggiata da Paolo Maggioni e Davide Barzi e disegnata da Davide Castelluccio. Titolo dell’opera: “Giacinto Facchetti, il rumore non fa gol” (237 pagine, 18 euro). Con prefazione di Giovanni Storti del trio comico Aldo, Giovanni e Giacomo (“quando ho visto giocare Facchetti ho sognato di essere lui. Purtroppo non sono riuscito a diventare grande e grosso così. Sulla velocità, invece, continuo a lavorarci”), questo corposo volume a fumetti ripercorre le gesta – dentro e fuori dal rettangolo verde di gioco – di un uomo “che voleva essere un esempio, non un simbolo: i simboli dividono, gli esempi no”, si legge sulla quarta di copertina.

facchetti1

Milano, 1965. Mario Bresciani è un giornalista sportivo del Corriere d’informazione. Del calcio ama il gioco, ma in particolare le storie degli atleti. Una passione contagiosa: suo figlio Pietro, che ha nove anni, lo segue in ogni stadio (“papà, ma San siro è grandissimo”, si stupisce). Ci sono anche loro, padre e figlio, tra gli ottantamila di San Siro, la sera della affascinante sfida tra Inter e Liverpool. Giacinto Facchetti (“Cipe”, questo il soprannome che gli dà Helenio Herrera) sigilla con uno splendido gol la rimonta che apre le porte alla seconda Coppa dei Campioni nerazzurra. Il talento di questo ragazzo nato a Treviglio (Bergamo) incanta chiunque: è sì il primo terzino d’attacco della storia del calcio, ma a colpire sono anche – anzi, soprattutto –  le sue doti di correttezza ed umiltà, figlie di una educazione semplice e solida (il padre, Felice, di professione ferroviere; la madre, Elvira, è una casalinga).

facchettibacilieri

Prende il via da qui un racconto incredibile, infarcito di spunti e dettagli interessanti. Una lettura che appassiona, inevitabilmente, i tifosi interisti ma desta curiosità anche tra chi sostiene altre squadre. Merito, oltretutto, di una cronologia minuziosa (stilata in collaborazione con il portale giacintofacchetti.org), e di una serie di testimonianze preziose, come le interviste al presidente del triplete nerazzurro Massimo Moratti – “grazie, Cipe, per aver onorato l’Inter. E con lei, noi tutti” – e a uno dei protagonisti sul campo, Marco Materazzi (“gli sarò sempre grato per avermi insegnato che calciatore e uomo sono la stessa cosa, si tengono insieme”). Ed ecco che nella graphic novel scorrono le immagini della Coppa Europa sollevata da Facchetti nel 1968, in una festa che unisce tutto il paese. Come nella notte di Italia-Germania 4-3, dove Facchetti è il capitano azzurro della partita del secolo. E via dicendo, perché il tempo trascorre e la carriera del Cipe va di pari passo con quella di Pietro, che in parallelo diventa giornalista come il papà. “Il rumore non fa gol”, perché non sono la confusione e la prepotenza a fare grande il giocatore. Facchetti ne è stato l’esempio, anche quando lui stesso ricordava, orgoglioso: “Ci sono giorni in cui essere interista è facile, altri in cui è doveroso e giorni in cui esserlo è un onore”.

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

41 anni di Zimbabwe: il calcio al tempo dell’Apartheid Il 18 aprile 1980 lo Zimbabwe, nuovo nome della colonia dell’ex Rhodesia Meridionale, otteneva l’indipendenza...

Calcio

Quando Divock Origi divenne uno Spot sulla sicurezza Compie oggi 26 Anni Divock Origi, l’attaccante belga del Liverpool che si rese protagonista di goal...

Calcio

Carlo Petrini: il coraggio di denunciare Il 16 aprile 2012 moriva Carlo Petrini, il calciatore che degli anni 70-80 ha vissuto sulla sua pelle...

Calcio

Piermario è caro al cielo Citato ogni volta da mio padre, quando avveniva una morte prematura per lui ingiusta. Ormai appartiene a Piermario. Piermario...

Calcio

Se lo Sport si inchina alla Fede: Calcio e Ramadan, un’integrazione difficile Nelle prossime settimane, per alcuni allenatori di diverse compagini, composte principalmente da...

Calcio

Helenio Herrera: Morte e Misteri dell’Inter del Mago Il 10 aprile 1910 nasceva Helenio Herrera, il Mago dell’Inter capace di vincere tutto. Della sua...

Calcio

Lo monetina di Alemao e gli altri misteri del Campionato 1989-90 L’8 aprile 1990 durante la partita tra Atalanta e Napoli, il centrocampista brasiliano...

Altri Sport

L’Aquila 12 anni dopo: storie di sportivi portate via da un terremoto Il 6 aprile 2009, alle ore 03:32 di notte, un terremoto di...

Calcio

Il “Best friulano”: Ezio Vendrame, la mezzala che sarebbe diventata un poeta  Ieri si è ricordata la scomparsa avvenuta il 4 aprile dello scorso...

Calcio

Fabrizio Frizzi e lo Sport: dal Bologna alla Nazionale Cantanti “Hai un amico in me. Un grande amico in me. Se la strada non...

Calcio

Giuseppe Chiappella: Firenze andata e ritorno Lombardo come Prandelli, tornò anche lui sulla panchina della Fiorentina. Giuseppe Chiappella scrisse pagine importanti della storia gigliata,...

Calcio

Sarnano, 1 Aprile 1944: Partigiani contro Nazisti 1 a 1 Il Primo Aprile 1944, in centro Italia, si sarebbe giocata una partita di calcio...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro