Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Il PSG e le accuse di razzismo nello scouting

Il PSG e le accuse di razzismo nello scouting

Non era sufficiente al PSG il coinvolgimento nella vicenda Football Leaks, che ha portato sulle pagine dei giornali di tutta Europa (e non solo) le indiscrezioni sulle operazioni occulte del club dello sceicco qatariota Al Thani mirate a mitigare gli effetti del Fair Play finanziario. A Parigi, evidentemente, ci tengono a primeggiare anche negli scandali.

Pubblicità

Scouting e Razzismo

E così, a pochi giorni di distanza, un altro episodio è andato a minare la reputazione del club, questa volta con connotati ancor più sgradevoli: quelli della discriminazione. Stando, infatti, a quanto pubblicato in uno specifico report da Mediapart, una rivista di investigazione indipendente online, fino a pochi mesi fa nel PSG l’attività di scouting dei calciatori veniva effettuata non solo valutando le loro qualità fisiche e tecniche ma anche i loro dati razziali. Gli osservatori che visionavano giovani talenti utilizzavano come criteri di selezione non soltanto la capacità di colpire il pallone con entrambi i piedi, il colpo di testa, il dribbling, l’altezza e il peso: anche il colore della pelle veniva inserito nelle loro schede anagrafiche. Stando ai documenti visionati da Mediapart, i giovani calciatori venivano segnalati come francesi, neri, nord africani o delle Indie Occidentali.

 

Colpa di chi?

Come ha reagito la società all’indignazione sollevatasi dopo le rivelazioni di Mediapart? La linea difensiva è stata quella di assegnare la responsabilità del fatto a un singolo individuo, Marc Westerloppe, capo degli osservatori delle zone fuori Parigi del PSG fino a pochi mesi fa. Il quale, sulla questione, ha preferito non rilasciare alcuna dichiarazione.
Da quanto risulta dal report pubblicato, nel 2014 Westerloppe avrebbe dichiarato che nella squadra c’era bisogno di effettuare un “bilanciamento” dal momento che in giro per Parigi c’erano già troppi indiani e africani. Quel sistema di schedatura sembra essere stato utilizzato dal 2013 fino alla primavera di quest’anno, quando Westerloppe ha lasciato il club e il corpo degli osservatori di cui era a capo è stato aggregato in un più ampio team di scouting di giocatori applicato su tutto il territorio francese. Circostanza che, in qualche modo, rende formalmente sostenibile la dichiarazione rilasciata dal PSG in un comunicato ufficiale, nel quale si afferma che “La Direzione Generale del Club non era mai stata a conoscenza di un sistema di registrazione etnica all’interno di un reparto di recruiting”.

Le reazioni

Parole che, veritiere o meno, non hanno impedito all’opinione pubblica di commentare aspramente la vicenda, venuta paradossalmente alla luce a pochi mesi dalla vittoria del mondiale della Francia, celebrata anche come un successo dell’integrazione razziale. Agli occhi degli osservatori, i coni d’ombra restano però decisamente ampi, convergendo sulla tipica domanda che tutti si fanno in questi frangenti: come facevano i dirigenti a non sapere? E, in caso non sapessero, che capacità di controllo hanno dimostrato di avere sull’operato dei loro collaboratori?

Interrogativi che hanno ulteriormente aggravato il danno reputazionale già inflitto al PSG dallo scandalo Football Leaks e che, una volta di più, attivano l’allarme sulla necessità di prevedere sistemi di controllo efficaci che preservino il calcio dalle sue deviazioni più letali. la ricerca della vittoria senza valori e l’ignoranza.     

 

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Dall’El Dorado ai Narcos: Inferno e Paradiso dei Millonarios di Bogotà Cinco y baile. Dopo il quinto gol, si balla. C’è stata una squadra...

Calcio

Matthias Sindelar, il patriota anti Hitler Il 23 Gennaio 1939 moriva in circostanze misteriose Matthias Sindelar, il fenomeno austriaco che con il suo gesto...

Calcio

Rogerio Ceni, molto più che un portiere Quando si è piccoli e ci si affaccia per la prima volta al mondo del pallone, l’unico...

Altri Sport

“La Guerra meno lo sparo”: la stroncatura dello Sport secondo George Orwell Il 21 gennaio 1950 moriva lo scrittore inglese Eric Arthur Blair, da tutti conosciuto...

Calcio

Il Mistero Scaini: la triste storia di un ragazzo che non era Paolo Rossi Il 21 Gennaio 1983 se ne andava Enzo Scaini, il...

Calcio

Dino Viola, l’educatore Il 19 Gennaio 1991 moriva Dino Viola, indimenticabile presidente della Roma, che ha lasciato un segno indelebile nel cuore dei tifosi...

Basket

Don Haskins, il Martin Luther King bianco del Basket americano Il 18 Gennaio 2021 si festeggia negli Stati Uniti il Martin Luther King Day,...

Calcio

Luciano Re Cecconi: il tragico destino di un giocatore che veniva dal futuro Il 18 Gennaio 1977 se ne andava Luciano Re Cecconi, iconico...

Calcio

La faccia di Cyrille Regis, pioniere della lotta al razzismo Il 14 gennaio 2018 moriva Cyrille Regis, il calciatore che durante la sua carriera...

Calcio

Chiedi chi era Masinga Il nostro tributo a Phil Masinga, simbolo dei Bafana Bafana, che due anni fa ci lasciava a soli 49 anni....

Calcio

La cantina Nevio Scala: dalla panchina alle vigne Capolavoro in Emilia-Romagna. Tra calcio e buon vino Nevio Scala ha scritto un romantico romanzo di...

Calcio

A tu per tu con Ambra Lombardo tra calcio e spettacolo a Tiki Taka e non solo A tu per tu con la bellissima...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro