Connect with us

Cerca articoli

Altri Sport

Il problema svizzero tra Tifosi e Politica

Svizzera, luogo neutrale. Non proprio. Anche i ticinesi, nel loro piccolo, si incazzano. Ed è guerra più o meno aperta fra gli ultras del cantone svizzero più italiano che c’è e Norman Gobbi, politico classe 1977, consigliere di stato e direttore del dipartimento delle istituzioni locale da 2011. Da una parte, la legge anti-hooliganismo. Dall’altra, l’accesa reazione della “Gioventù biancoblu” e del Bellinzona.

Un giro di vite troppo stretto
Tutto nasce dalla decisione di contrastare l’hooliganismo dilagante in alcune sacche del tifo ticinese attraverso un inasprimento dei controlli, anche utilizzando, fermi, identificazioni e perquisizioni anche a domicilio. L’ultima goccia, per i tifosi ticinesi, risale a qualche giorno fa, quando sono state fermate e identificate alcune persone della Gioventù Biancoblù e della tifoseria Ambrì storico centro svizzero dell’Hockey su ghiaccio. Una tifoseria non esattamente tranquilla, ma neanche violenta. Qualche contatto con i tifosi del Bayern Monaco e dello Schalke 04, e alcuni disordini in occasione di un match particolarmente sentito (contro il Losanna) da cui si è dissociata anche la stessa HCAP (Hockey Club Ambrì Piotta).  Al netto degli episodi, la curva Ambrì è ammirata dagli appassionati di tifo, e la squadra rappresenta un miracolo sportivo. Una puntata alla “Valascia”, sede degli appuntamenti casalinghi, offre uno spaccato di tifo e sport. Una curva che ha poco da invidiare alla Kop o alla Bombonera.

I tifosi lamentano perquisizioni, effettuate dalla polizia anche a domicilio, da cui al massimo sono emersi fuochi pirotecnici. In poche parole, la curva si sente assediata, da Norman Gobbi. E la risposta non si è fatta attendere.

Solidarietà ultras da Bellinzona

A pochi chilometri di distanza da Ambrì, specificatamente a Bellinzona, Gobbi è finito nel mirino della tifoseria locale che non si è fatta pregare con una risposta piccatissima e anche sopra le rime, legata a un episodio del passato.

Affissione non casuale. Gobbi agli occhi dei tifosi avrebbe più di qualche scheletro nell’armadio. In primis, un ululato rivolto, proprio in Valascia, a un giocatore di colore.

In precedenza, i Boys del Bellinzona avevano “ricordato” a Gobbi una decisione destinata a far discutere: l’obbligo di presentarsi con i documenti all’ingresso degli impianti sportivi. Idea che non è andata giù e dissenso manifestato attraverso un sarcasmo molto pungente. Lo striscione in questione si riferisce allo scandalo dei permessi scoppiato lo scorso anno. Gobbi, però, ne risultò estraneo.

Ma chi è Norman Gobbi?

Perché Norma Gobbi è così inviso alla tifoseria? Di certo la tolleranza dello stato svizzero di fronte a episodi di violenza o disordini commessi in occasione di eventi sportivi è molto più ferrea rispetto al nostro paese.

È altrettanto innegabile che i modi piuttosto thatcheriani dell’esponente della Lega Ticinese, possano generare qualche dissapore. Norman Gobbi ha sempre respinto al mittente tutte le accuse e la sua attività politica e non è mai stato indagato. Certo è chiacchierato, come tutti gli uomini di potere.

È recentemente finito sulle prime pagine ticinesi, complice anche una sua presenza ai veterani della p-26, organizzazione che ricalcherebbe la “Gladio”. Il politico ha risposto all’interrogazione promossa da Matteo Pronzini precisando che il governo ne fosse informato. Per quanto riguarda le perquisizioni, invece, il politico ha specificato che riguardano scelte autonome della polizia e della magistratura, chiudendo così il caso. La sensazione, però, è che gli alterchi dialettici possano continuare.

 

 

Luigi Pellicone
A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Altri Sport

Le Olimpiadi della Guerra Fredda: Mike Eruzione e il Miracolo sul Ghiaccio Compie oggi 66 anni Mike Eruzione, un nome che qui in Italia...

Calcio

La Strage allo Stadio Lenin di Mosca e l’insabbiamento del regime Il 21 Ottobre 1982 allo Stadio Lenin di Mosca, durante una partita di...

Calcio

Dario Fo: il Premio Nobel che amava il calcio “vecchie maniere” Il 13 Ottobre 2016 moriva Dario Fo, uno degli artisti italiani più stimati...

Calcio

Il Derby di Mostar tra nazionalismo, religione, politica e odio A Roma, molte volte, quando si gioca la partita tra Roma e Lazio, si...

Calcio

10.380 km di passione: Luch Vladivostok vs Baltika Kaliningrad, la trasferta più estrema al Mondo “Maciniamo i chilometri, superiamo gli ostacoli…”: è questa una...

Calcio

Dmitrij Šostakovič, il musicista ultras Il 9 Agosto 1975 moriva a Mosca il musicista e compositore russo Dmitrij Šostakovič. Nella sua vita, oltre alla...

Storie di Sport

Roger Federer: alla scoperta della persona più importante della sua carriera Compie oggi 39 anni Roger Federer, il fenomeno svizzero considerato da molti il...

Calcio

Il calcio italiano ripartirà a porte chiuse con le semifinali e la finale di Coppa Italia prima del ritorno della Serie A, il 20...

Calcio

29 maggio 1985, Heysel: lo spettacolo non doveva andare avanti Sono passati 35 anni dalla tragedia dello Stadio Heysel in quella maledetta Finale di...

Calcio

La Lega Serie A starebbe per proporre al Governo di ricominciare il campionato il 13 giugno con le 4 partite che erano state rinviate prima del...

Calcio

[themoneytizer id=”27127-1″] Simboli, colori e soprannomi: le storie e gli aneddoti più affascinanti della Bundesliga In attesa di scoprire il destino della nostra Serie...

Calcio

[themoneytizer id=”27127-1″] Arcadio Venturi, il Piombino e la Roma in Serie B. Un incubo divenuto leggenda Il 18 Maggio 1929 nasceva Arcadio Venturi, storico...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro