Connect with us

Cerca articoli

Calcio

El Tigre Castillo, dall’arrivo al Genoa all’accusa di omicidio

Quella che stiamo per raccontarti è una delle storie più incredibili del calcio moderno. E’ il ritratto di Jairo Castillo detto El Tigre, talento colombiano tormentato dal pallone e dai guai giudiziari.

Questa è la storia di un fenomeno mancato, di un centravanti dallo sguardo truce, accolto come un eroe a Genova in un grigio e caldo pomeriggio di ottobre, prima di un mandato di cattura per omicidio.

Sei pronto? Riavvogliamo il nastro fino al 2001.

E’ il 3 ottobre. Un po’ a sorpresa al centro Sportivo di Pegli, sede di allenamento del Genoa Calcio, spunta El Tigre Castillo. Il colombiano è il sogno di un’estate rovente che si concretizza. Sono quasi le 18.00, è martedì. Un ragazzone di colore, decisamente sovrappeso, scende da una macchina lussuosa e attorno a lui una città in tilt. Già, perchè il 24enne di Tumaco è uno dei calciatori più promettenti della Colombia.

I numeri sono dalla sua parte: trenta gol messi a segno con le maglie dell’America de Cali e del Velez Sarsfield. Per la Serie B italiana è un vero lusso, tanto che il bomber – già nel giro della sua nazionale – era ambitissimo. Almeno duemila persona attorno lui, lo scortano eroicamente verso gli spogliatoi.

castillo1--473x264

Duemila genoani impazziti per l’acquisto che può rilanciare le ambizioni del club più antico di Italia.

Castillo è spaesato, distrutto dalla stanchezza e tormentato da alcuni guai giudiziari che lo hanno tenuto lontano dal campo per parecchio tempo. E si vede. La mancata attività fisica salta subito all’occhio: sei chili di troppo, sguardo perso nel vuoto e la maglietta che tira soprattutto sulla pancia.

El Tigre vuole dimenticare i guai e sogna la Serie A col Genoa, di cui conosce pochissimo. Gli addetti ai lavori lo descrivono come un potenziale boom per il calcio europeo: “Ha un dribbling terrificante ed è velocissimo. Lo vedrete”.

Le fantasie dei tifosi volano ad alta quota, ma Castillo non gioca una partita da più di tre mesi. Il viaggio verso Genova è massacrante: diciotto ore, da Cali a Bogotà, poi a Madrid ed infine l’arrivo a Milano col trasferimento in macchina in Liguria.

La sua avventura al Genoa può cominciare. Sul web circolano i primi video con le gesta tecniche di Castillo in Sudamerica. Il ragazzo fa paura, ma di paura ne ha tanta.

Il suo arrivo tardivo a Genova è dovuto alle indagini su un incidente stradale in cui sono morte due persone e tre sono rimaste ferite. El Tigre è tra gli imputati. L’attaccante vive un momento di crisi, ma si allena con la sua nuova maglia.

I tifosi sono molto caldi nei suoi confronti e aspettano con ansia i suoi affondi terrificanti sotto la Nord. I chili, lentamente, vanno giù ma il rendimento in allenamento è molto deludente.

Castillo non riesce a calarsi nella nuova realtà genoana. Il volto è segnato, la barba comincia a farsi più lunga e il suo sguardo è spaventoso. L’unica cosa che brilla è il suo orecchino d’argento all’orecchio sinistro.

L’avventura non decolla e un giorno, la routine del colombiano viene spezzata da un incredibile avvenimento: il Tribunale penale di Cali gli nega la libertà provvisoria e emette un ordine di cattura per omicidio e lesioni.

El Tigre è imperturbabile, ma dentro è morto. In punta di piedi abbandona Genova, torna a casa per la partita più difficile.

Una partita che Jairo Castillo ha vinto, ma che ha lasciato il segno.

La sua carriera calcistica prosegue in Sudamerica, dove colleziona presenze e anche qualche gol senza riuscire più a raggiungere la doppia cifra e il tanto sognato successo.

Questa è la storia di El Tigre e di quell’incredibile pomeriggio genovese condito di misteri, entusiasmi e di intrecci drammatici.

 

 

A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Basket

Brandon Roy, il raffinato killer dalle ginocchia di cristallo Ha compiuto ieri 38 anni Brandon Roy, uno dei talenti più forti della NBA recente,...

Calcio

Sandor Kocsis, una storia nella Storia Continuiamo a commettere l’errore di giudicare la storia di una vita dalla sua durata, senza mai fermarci a...

Calcio

Mercoledì 18 giugno 1986: El Buitre è tutto qui. Quattro reti, quattro perle. Un poker di istantanee che racchiudono l’identikit calcistico di Emilio Butragueño....

Calcio

Storia di un pallone da calcio che è andato nello Spazio Il 20 luglio 1969 per la prima volta nella storia l’uomo raggiungeva la...

Calcio

René Houseman, “El Loco Impresentable” Ieri 19 luglio nasceva nel 1953 Renè Houseman, Campione del Mondo 1978 con la sua Argentina, scomparso  per un...

Altri Sport

Nadia Comăneci: una farfalla in cerca della felicità Ripetuto volteggio fra apice e baratro, la vita di Nadia Comăneci si è sviluppata quasi fosse...

Snooker

La caccia a Steve Davis non ha tregua anche se il nuovo sovrano, il GOLDEN BAIRN, ha già legittimato sul campo il sorpasso nei...

Calcio

Mandela Day: il calcio di Mandela nel carcere dove trascorse 18 anni ll 18 Luglio 1918 nasceva Nelson Mandela, il presidente sudafricano che è...

Calcio

Giacinto Facchetti: Tre, come Treviglio Tra i tanti primati del calcio italiano, ce n’è uno, sempre passibile di aggiornamenti, incrociando le dita, che gli...

Calcio

Pablo Neruda, il calcio e quel goal come un peso sulla coscienza Il 12 luglio 1904 nasceva a Parral, Cile, il poeta Ricardo Eliécer...

Altri Sport

Scandalo Festina: il doping piomba sul Tour de France 1998 L’oscurità dei pedali. Il ciclismo, disciplina favolosa ma al tempo stesso maledetta in talune...

Pugilato

Paulino Uzcudun, il “Toro Basco” Vissuto per quasi tutto il ventesimo secolo, Paulino Uzcudun fu il più grande peso massimo della storia di Spagna....

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro