Connect with us

Cerca articoli

Calcio

El Tigre Castillo, dall’arrivo al Genoa all’accusa di omicidio

Quella che stiamo per raccontarti è una delle storie più incredibili del calcio moderno. E’ il ritratto di Jairo Castillo detto El Tigre, talento colombiano tormentato dal pallone e dai guai giudiziari.

Questa è la storia di un fenomeno mancato, di un centravanti dallo sguardo truce, accolto come un eroe a Genova in un grigio e caldo pomeriggio di ottobre, prima di un mandato di cattura per omicidio.

Sei pronto? Riavvogliamo il nastro fino al 2001.

E’ il 3 ottobre. Un po’ a sorpresa al centro Sportivo di Pegli, sede di allenamento del Genoa Calcio, spunta El Tigre Castillo. Il colombiano è il sogno di un’estate rovente che si concretizza. Sono quasi le 18.00, è martedì. Un ragazzone di colore, decisamente sovrappeso, scende da una macchina lussuosa e attorno a lui una città in tilt. Già, perchè il 24enne di Tumaco è uno dei calciatori più promettenti della Colombia.

I numeri sono dalla sua parte: trenta gol messi a segno con le maglie dell’America de Cali e del Velez Sarsfield. Per la Serie B italiana è un vero lusso, tanto che il bomber – già nel giro della sua nazionale – era ambitissimo. Almeno duemila persona attorno lui, lo scortano eroicamente verso gli spogliatoi.

castillo1--473x264

Duemila genoani impazziti per l’acquisto che può rilanciare le ambizioni del club più antico di Italia.

Castillo è spaesato, distrutto dalla stanchezza e tormentato da alcuni guai giudiziari che lo hanno tenuto lontano dal campo per parecchio tempo. E si vede. La mancata attività fisica salta subito all’occhio: sei chili di troppo, sguardo perso nel vuoto e la maglietta che tira soprattutto sulla pancia.

El Tigre vuole dimenticare i guai e sogna la Serie A col Genoa, di cui conosce pochissimo. Gli addetti ai lavori lo descrivono come un potenziale boom per il calcio europeo: “Ha un dribbling terrificante ed è velocissimo. Lo vedrete”.

Le fantasie dei tifosi volano ad alta quota, ma Castillo non gioca una partita da più di tre mesi. Il viaggio verso Genova è massacrante: diciotto ore, da Cali a Bogotà, poi a Madrid ed infine l’arrivo a Milano col trasferimento in macchina in Liguria.

La sua avventura al Genoa può cominciare. Sul web circolano i primi video con le gesta tecniche di Castillo in Sudamerica. Il ragazzo fa paura, ma di paura ne ha tanta.

Il suo arrivo tardivo a Genova è dovuto alle indagini su un incidente stradale in cui sono morte due persone e tre sono rimaste ferite. El Tigre è tra gli imputati. L’attaccante vive un momento di crisi, ma si allena con la sua nuova maglia.

I tifosi sono molto caldi nei suoi confronti e aspettano con ansia i suoi affondi terrificanti sotto la Nord. I chili, lentamente, vanno giù ma il rendimento in allenamento è molto deludente.

Castillo non riesce a calarsi nella nuova realtà genoana. Il volto è segnato, la barba comincia a farsi più lunga e il suo sguardo è spaventoso. L’unica cosa che brilla è il suo orecchino d’argento all’orecchio sinistro.

L’avventura non decolla e un giorno, la routine del colombiano viene spezzata da un incredibile avvenimento: il Tribunale penale di Cali gli nega la libertà provvisoria e emette un ordine di cattura per omicidio e lesioni.

El Tigre è imperturbabile, ma dentro è morto. In punta di piedi abbandona Genova, torna a casa per la partita più difficile.

Una partita che Jairo Castillo ha vinto, ma che ha lasciato il segno.

La sua carriera calcistica prosegue in Sudamerica, dove colleziona presenze e anche qualche gol senza riuscire più a raggiungere la doppia cifra e il tanto sognato successo.

Questa è la storia di El Tigre e di quell’incredibile pomeriggio genovese condito di misteri, entusiasmi e di intrecci drammatici.

 

 

Avatar
A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Altri Sport

Jesse Owens: il nero che incantò Hitler Il 12 settembre 1913 nasceva Jesse Owens, leggendario corridore statunitense che alle Olimpiadi del 1936 nella Berlino...

Pugilato

E’con grande dolore e sgomento che scrivo questo articolo su Alessandro Mazzinghi. Lo scorso 22 agosto il cuore del grande pugile pontenderese ha cessato...

Calcio

Jock Stein, il destino del minatore che salì sul tetto d’Europa Il 10 Settembre 1985 ci lasciava Jock Stein, leggendario allenatore del Celtic Campione...

Calcio

Roberto Donadoni, gli Usa e una simulazione ‘da Oscar’ Compie oggi 57 anni Roberto Donadoni, splendido centrocampista d’attacco del Milan imbattibile, oggi allenatore. Per...

Calcio

C’era una volta l’U.S. Milanese, la terza forza di Milano L’8 Settembre 1928 l’Inter, per volere del Regime fascista, cambia la sua denominazione in...

Motori

Il campione firma un autografo, che non è soltanto l’ennesimo, stavolta. Sono da poco passate le 15, la sua penna disegna sul foglio, portogli...

Calcio

Vai col liscio! Casadei, balere, Riviera e Ricchiuti. Rimini e il calcio: i dolci ricordi dei ragazzi di Acori. Sogno biancorosso. Una favola semplice,...

Altri Sport

Fate lo Sport, non fate la guerra: Pierre De Coubertin e le Olimpiadi moderne Il 2 settembre 1937 moriva Pierre De Coubertin, padre delle...

Calcio

#Prequel, prima del Professionismo: Intervista a Nick “Dinamite” Amoruso In occasione dei suoi 46 anni compiuti oggi, vi riproponiamo l’intervista a Nick Amoruso nella...

Ultime Notizie Calcio

Dove eravamo rimasti? Dopo oltre tre mesi di astinenza causa pandemia da covid-19, il prossimo 20 giugno, salvo clamorose complicazioni, ripartirà finalmente il campionato...

Calcio

Mario Corso, il poeta maledetto del calcio italiano Avrebbe compiuto oggi 79 anni Mario Corso, il funambolo dell’Inter, soprannominato “Mandrake” per le sue doti...

Pugilato

La storia del Terribile Terry, il piccolo Mike Tyson di un secolo fa Nato il 9 marzo del 1880 col nome Joseph Terrence McGovern,...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro