Quantcast
Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Il Milan cinese si affida agli “interisti” e le Bandiere non ci stanno

Il nuovo corso targato Cina del Milan non è cominciato nel migliore dei modi. Due sconfitte in tre gare e i primi dubbi sulla nuova gestione affidata al gruppo Sino-Europe Sports. La questione che sta tenendo banco, però, è a livello societario. I cinesi infatti hanno affidato l’alto management della squadra rossonera a due ex dirigenti interisti con Fassone nel ruolo di Amministratore Delegato e Mirabelli in procinto di diventare nuovo direttore sportivo. La scelta di affidare la ricostruzione dell’ormai ex club di Berlusconi a due ex neroazzurri ha fatto storcere il naso alla tifoseria e non solo. Sarebbe stata una scelta più gradita quella di far entrare nel Milan ex giocatori storici del compagine che portò i colori della squadra meneghina ai massimi livelli.

Dello stesso avviso le grandi bandiere milaniste. Se nella scorsa settimana era stato Maldini a chiedere prudenza sul giudizio del gruppo cinese, sottolineando come ci sia bisogno di tempo da una parte, ma allo stesso modo anche la necessità di rispetto e conoscenza della storia del calcio a Milano sponda rossonera, Demetrio Albertini, altra storica bandiera, ha espresso il suo “malessere” attraverso un Tweet che recitava “Io non sono interista” con una foto di uno stendardo all’interno di San Siro. Chiaro riferimento alla scelta di Fassone e Mirabelli. Anche Costacurta non c’è andato leggero, durante la trasmissione di Sky in cui è opinionista, in cui l’ex difensore scherzando, ma neanche troppo, ha suggerito alla dirigenza del nuovo Milan di non contattarlo, lasciando intendere che, alle condizioni attuali, la sua risposta sarebbe stata certamente un rifiuto.

Tempi duri quindi per il Milan, orfano da poco del suo Presidentissimo Berlusconi, ma già nella difficile condizione di dover dimostrare con i fatti e con le scelte, la buona gestione della nuova dirigenza del gruppo asiatico, cercando di convincere addetti ai lavori e tifosi. E per adesso non ci stanno riuscendo.

Avatar
A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facebook

Da non perdere

Calcio

Mauro Tassotti, il Djalma Santos bianco “Puoi togliere il ragazzo dal ghetto ma non il ghetto dal ragazzo”, dice Zlatan Ibrahimovic. Potremmo portare questa...

Calcio

Roberto Baggio: Genealogia del Divin Codino Sta avendo enorme successo il film da poco uscito su Netflix “Il Divin Codino”, dedicato alla vita di...

Calcio

Giacinto Facchetti: Tre, come Treviglio Tra i tanti primati del calcio italiano, ce n’è uno, sempre passibile di aggiornamenti, incrociando le dita, che gli...

Calcio

Lunedì 3 febbraio 1964. Una data importante nella storia gigliata. Non ci riferiamo alla conquista di scudetti o trofei, ma il giorno dopo il...

Calcio

Per cucire il filo di una memoria basta un Ago Il 30 Maggio 1994 moriva Agostino Di Bartolomei, indimenticabile Capitano della Roma dello Scudetto,...

Calcio

Juventus, grazie Pirlo ma ora lascia da “vincente” Il termine vincente è un termine che va usato con cautela. Stefano Pioli per la qualificazione...

Calcio

Il senso di Lukaku per la vita Compie oggi 28 anni Romelu Lukaku, il colosso belga dell’Inter. Le sue battaglie in campo sono lo...

Calcio

Inter – Liverpool, quando l’epica rimonta si giocò anche sugli spalti Il 12 Maggio 1965 a San Siro in occasione della semifinale di ritorno...

Calcio

Il Benfica e la Maledizione del “ballerino” Bela Guttmann Le maledizioni e le imprecazioni rappresentano una vera e propria caratteristica nel mondo calcistico attuale....

Calcio

Walter Zenga, l’uomo ragno tra i grattacieli di Boston Compie oggi 61 anni Walter Zenga, l’Uomo Ragno, storico portiere dell’Inter, ma anche della Sampdoria...

Calcio

Helenio Herrera: Morte e Misteri dell’Inter del Mago Il 10 aprile 1910 nasceva Helenio Herrera, il Mago dell’Inter capace di vincere tutto. Della sua...

Calcio

Giuseppe Chiappella: Firenze andata e ritorno Lombardo come Prandelli, tornò anche lui sulla panchina della Fiorentina. Giuseppe Chiappella scrisse pagine importanti della storia gigliata,...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro