Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Quando Pavel Nedved poteva “tradire” la Juve per andare all’Inter

Quando Pavel Nedved poteva “tradire” la Juve per andare all’Inter

Il 22 dicembre 2003 veniva assegnato il Pallone d’oro a Pavel Nedved, fenomeno ceco e attuale vicepresidente della Juventus, dopo aver giurato amore a bianconeri malgrado la retrocessione in b per calciopoli. Ma ci fu un momento in cui  fu a un passo dagli acerrimi nemici di sempre, l’Inter. Ecco come andò.

Estate 2009. In questo caso, la storia di un trasferimento clamoroso non andato a buon fine non riguarda un giovane divenuto poi campione o un talento già esploso destinato a cambiare casacca al culmine delle propria carriera; stavolta, il racconto interessa un calciatore ormai ritirato dall’attività agonistica che decise di non ‘tradire’ quella che ormai riteneva la propria squadra del cuore passando ai nemici di una vita. Si tratta di Pavel Nedved e del suo rifiuto all’Inter di José Mourinho.

Il ceco, a trentasette anni, decide che è arrivato il momento di dire basta col calcio giocato ed alla fine della stagione 2008/2009 annuncia di voler appendere gli scarpini al chiodo. Il popolo juventino accoglie la notizia con un misto di tristezza ed emozione. Nedved, giunto a Torino nel lontano 2001, era infatti stato uno dei pochi a scegliere di rimanere anche in Serie B con i colori bianconeri addosso dopo il cataclisma provocato da Calciopoli.

Nonostante l’età non più verde, l’esterno di Cheb ha dimostrato di essere ancora fisicamente integro, nonché decisivo sul campo, nel corso dell’ultimo campionato: 7 gol messi a segno e tante giocate di alta classe (come al solito).

La Juventus prova a convincere quindi Nedved a continuare ma non si giunge ad un accordo soddisfacente per entrambe le parti in causa. Mino Raiola, storico agente del ceco, per la vicenda-rinnovo litiga pure furiosamente con l’Ad bianconero Blanc. Le porte di Torino sono ormai inesorabilmente chiuse.

A questo punto, però, interviene qualcun altro per tentare di far tornare il Pallone d’Oro del 2003 sui proprio passi: José Mourinho. Durante una cena a casa di Massimo Moratti, il tecnico portoghese dice a Nedved:Vieni da noi e vinciamo la Champions”. Ecco il tasto su cui battere: la coppa dalle grandi orecchie. Il cruccio più grande nella comunque eccezionale carriera di Nedved, costretto a saltare la Finale tra Juventus e Milan nel 2003 per una sciocca ammonizione ricevuta nella Semifinale di ritorno contro il Real Madrid.

Nedved diventa ora titubante e decide così di parlare della situazione con alcuni membri della famiglia Agnelli; l’idea di tradire la Juventus è troppo difficile da mandare giù per il talento ceco. Qualcuno a Torino gli dice “vai pure”, altri “se vai mi spezzi il cuore”.

Alla fine, Pavel Nedved decide di restare fedele ai colori bianconeri e ritirarsi, nonostante il fisico gli permetterebbe ancora di andare avanti come minimo per un’altra stagione.

Come è andata a finire, poi, lo sappiamo tutti. Un anno dopo l’Inter di Mourinho alza al cielo di Madrid la Champions League dopo una straordinaria Finale targata Milito. Una grande beffa, a posteriori, per Nedved.

Una scelta che ancora oggi Mino Raiola gli rinfaccia tra il serio ed il faceto.

A cura di

Nato a Roma sul finire degli anni Ottanta, dopo aver conseguito il diploma classico tra gloria (poca) e insuccessi (molti di più), mi sono iscritto e laureato in Lingue e Letterature Europee e Americane presso la facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Tor Vergata. Appassionato, sin dall'età più tenera, di calcio, adoro raccontare le storie di “pallone”: il processo che sta portando il ‘tifoso’ sempre più a diventare, invece, ‘cliente’ proprio non fa per me. Nel 2016, ho coronato il sogno di scrivere un libro tutto mio ed è uscito "Meteore Romaniste”, mentre nel 2019 sono diventato giornalista pubblicista presso l'Ordine del Lazio

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Serie A: il prossimo anno sarà un campionato equilibrato? Il pallone non si ferma. Con la sbornia della vittoria agli Europei ancora da smaltire...

Calcio

Giacinto Facchetti: Tre, come Treviglio Tra i tanti primati del calcio italiano, ce n’è uno, sempre passibile di aggiornamenti, incrociando le dita, che gli...

Calcio

Ronaldo: Fenomeno, a tutti i costi Sono le 14,30 del 12 luglio 1998. Parigi. Non un città qualsiasi, né una giornata qualsiasi. In quel...

Calcio

Armando Picchi: cuore, sangue e anarchia Il suo nome nel cuore dei vecchi interisti è sinonimo di leggenda. Il suo ricordo è legato all’Inter...

Calcio

Quando Messi stava per andare al Como Compie oggi 34 anni Leo Messi, il fenomeno argentino che in ogni sessione di mercato entra nei...

Calcio

Quando Zinedine Zidane poteva andare al Milan Compie oggi 49 anni Zinedine Zidane, il fenomeno franco algerino, attuale allenatore del Real Madrid, con il...

Calcio

Mario Corso, il poeta maledetto del calcio italiano Il 20 giugno 2020 ci salutava Mario Corso, il funambolo dell’Inter, soprannominato “Mandrake” per le sue...

Calcio

Nel calcio attuale degli anni 2020 le trattative si fanno sui social con alcuni like o commenti sospetti. È il caso di Cristiano Ronaldo,...

Calcio

Roberto Baggio: Genealogia del Divin Codino Sta avendo enorme successo il film da poco uscito su Netflix “Il Divin Codino”, dedicato alla vita di...

Calcio

La nascita della Coppa dei Campioni Si giocherà questa sera la finale di Champions League 2020-21 tra Manchester City e Chelsea. Per l’occasione vi...

Calcio

Francesco Totti: le tappe indimenticabili della storia del Capitano Il 28 Maggio 2017 si ritirava Francesco Totti, l’eterno Capitano della Roma. Riviviamo tutte le...

Calcio

Manchester United – Bayern Monaco, gli ultimi minuti dell’ultima Champions del XX Secolo Il 26 maggio 1999 al Camp Nou di Barcellona va in...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro