Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Quando Le Roi Michel Platini era praticamente dell’Inter

Quando Le Roi Michel Platini era praticamente dell’Inter

Siamo sul finire degli Anni Settanta. Sandro Mazzola ha smesso soltanto da pochi anni con il calcio giocato ma continua a lavorare (bene) per la sua amata Inter da dietro la scrivania.

Il figlio del leggendario Valentino granata si reca più di una volta in Francia per osservare da vicino le gesta di un ragazzo di cui si parla un gran bene in patria ma che è ancora poco noto al di fuori dei confini nazionali. Si tratta del futuro ‘Le Roi’, Michel Platini.

Mazzola ben presto si convince delle immense qualità a disposizione del giovane transalpino e raggiunge un accordo di massima con la sua società di appartenenza (che tuttavia si scoprirà poi ‘giocare’ su più tavoli): il Saint-Etienne. Platini giunge di nascosto alla Pinetina e si trova pure l’accordo per l’ingaggio. 

Nulla sembra poter bloccare un matrimonio su cui sembrano essere d’accordo proprio tutti. Bisogna solo aspettare la fine dell’embargo e poi sarà tutto fatto. Clamorosamente, però, il presidente nerazzurro Fraizzoli rinuncia.

Mesi di lavoro da parte di Sandro Mazzola vanno in fumo in pochi istanti.

Il motivo? A spiegarlo sarà lo stesso dirigente (ed ex bandiera sul campo) interista qualche tempo dopo: “Noi avremmo preso Platini per 80 milioni, riconoscendogli un ingaggio di 250 a stagione. Con la sua società Michel aveva ancora un anno di contratto, i dirigenti volevano aumentargli lo stipendio per alzare il parametro in vista di una cessione. Suggerimmo a Michel di non cadere nel tranello: avremmo provveduto noi a versargli i soldi mancanti nell’attesa della fine dell’embargo. Organizzavamo le amichevoli all’estero e invece di riportare il denaro in Italia, tramite giri avventurosi attraverso l’Europa, finivamo per depositarli in un conto parigino a nome di Platini. Dopo un anno, Fraizzoli, che era ligio, quadrato e regolare, si stancò del tran tran ai limiti della legge e perdemmo l’attimo. Quando incontro Platini, ancora mi prende in giro.”

La beffa più grande, comunque, si verificherà a partire dal 1982, quando Platini giungerà in Italia con la maglia degli odiati rivali juventini e dimostrerà di poter essere ritenuto tranquillamente uno dei giocatori più forti nella storia del calcio mondiale.

 

A cura di

Nato a Roma sul finire degli anni Ottanta, dopo aver conseguito il diploma classico tra gloria (poca) e insuccessi (molti di più), mi sono iscritto e laureato in Lingue e Letterature Europee e Americane presso la facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Tor Vergata. Appassionato, sin dall'età più tenera, di calcio, adoro raccontare le storie di “pallone”: il processo che sta portando il ‘tifoso’ sempre più a diventare, invece, ‘cliente’ proprio non fa per me. Nel 2016, ho coronato il sogno di scrivere un libro tutto mio ed è uscito "Meteore Romaniste”, mentre nel 2019 sono diventato giornalista pubblicista presso l'Ordine del Lazio

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Falcao, l’addio, la politica e il Papa Compie oggi 68 anni Paulo Roberto Falcao, l’ottavo Re di Roma, rimasto nella memoria dei tifosi giallorossi...

Calcio

Dario Fo: il Premio Nobel che amava il calcio “vecchie maniere” Il 13 Ottobre 2016 moriva Dario Fo, uno degli artisti italiani più stimati...

Calcio

La Cina nel pallone: il sogno di Xi Jinping per un Dragone Rosso Mondiale Il primo Ottobre si festeggia il 72esimo anniversario della nascita...

Calcio

Ronaldo: Manifesto di un Futurismo “fenomenale”  Compie oggi 45 anni, Luis Nazario de Lima, per tutti Ronaldo. Il Fenomeno che per il suo modo...

Calcio

C’era una volta l’U.S. Milanese, la terza forza di Milano L’8 Settembre 1928 l’Inter, per volere del Regime fascista, cambia la sua denominazione in...

Calcio

Chi era Gaetano Scirea Il 3 Settembre 1989 moriva Gaetano Scirea, un campione vero, uno sportivo d’altri tempi, tragicamente scomparso in un incidente stradale...

Calcio

Zavarov, lo ‘Zar’ che girava in Duna e sognava la pace Una squadra che da più di un anno deve porre rimedio all’addio al...

Calcio

E Bruno Giordano disse “no” alla Juve Compie 65 anni oggi Bruno Giordano, il bomber della Lazio e del Napoli. In attesa del calciomercato,...

Calcio

Anatolji Zinchenko, il calciomercato e la Guerra Fredda Tra le storie di calcio ai tempi della Guerra Fredda c’è anche quella di Anatolij Zinčenko e...

Calcio

Giacinto Facchetti: Tre, come Treviglio Tra i tanti primati del calcio italiano, ce n’è uno, sempre passibile di aggiornamenti, incrociando le dita, che gli...

Calcio

Ronaldo: Fenomeno, a tutti i costi Sono le 14,30 del 12 luglio 1998. Parigi. Non un città qualsiasi, né una giornata qualsiasi. In quel...

Calcio

Armando Picchi: cuore, sangue e anarchia Il suo nome nel cuore dei vecchi interisti è sinonimo di leggenda. Il suo ricordo è legato all’Inter...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro