Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Quando James Rodriguez stava per andare al Bari

Quando James Rodriguez stava per andare al Bari

Nell’estate del 2014 il colombiano James Rodriguez, dopo un grande Mondiale in Brasile disputato con la maglia della sua nazionale, è approdato al Real Madrid per la cifra da capogiro di 80 milioni di euro. Il trasferimento ai Blancos lo rese il quarto giocatore più costoso della storia, il terzo maggiormente pagato dal Real Madrid ed il giocatore colombiano più costoso di sempre (superò Radamel Falcao ed i suoi 60 milioni di euro). Dopo una parentesi fatta di alti e bassi, passò alla corte di Carlo Ancelotti nel Bayern Monaco, ma dopo due anni poco convincenti tornò nella capitale spagnola, ai margini della squadra e con poche presenze all’attivo, salvo poi ritrovare l’allenatore italiano in Inghilterra all’Everton.

E pensare che qualche anno fa avremmo potuto ammirare il fantasista sudamericano nella nostra Serie A; per portarlo nel Belpaese ci voleva poco più di qualche spicciolo (calcisticamente parlando).

E’ il 2010 e a Banfield (città a 14 km da Buenos Aires) i tifosi della squadra locale si stanno godendo, già da un paio di anni, le giocate di un grande talento dal sinistro fatato. Il cognome è Rodriguez ma per tutti ben presto diventa semplicemente ‘James’.

Gianni Di Marzio, da sempre eccellente esperto in materia di fenomeni in erba (vedi Maradona), segnala il ragazzo in Italia, in particolare ai dirigenti della Juventus. I bianconeri, allenati da Gigi Delneri, tuttavia, nell’estate del 2010 spendono molto per “campioni” come Krasic e Martinez; la società torinese non se la sente quindi di tirare fuori altri cinque milioni di euro, per giunta per un giovane sconosciuto proveniente dall’altra parte del mondo.

James Rodriguez, peraltro, non entrerebbe neppure a far parte della rosa bianconera a disposizione di Del Neri dal momento che tra Juventus e Bari (quando la trattativa sembra sul punto di poter decollare) viene trovato un accordo di massima per ‘dirottare’ il calciatore dall’allora allenatore dei galletti, Gian Piero Ventura.

Alla fine, il tecnico biancorosso resta a bocca asciutta poiché la Juventus decide di declinare gentilmente la proposta di Di Marzio senior. Ci perdono tutti, visto quello che dirà la storia.

James Rodriguez, comunque, nel corso di quell’estate lascia ugualmente l’Argentina per fare il grande salto in Europa. C’è il Porto a decidere che vale la pena fare un investimento pari a cinque milioni per il ragazzo.

Tecnicamente ed economicamente si tratta di un’operazione da standing ovation. ‘James’ ripagherà, infatti, la società lusitana con 31 gol in tre anni e tanti colpi da lustrarsi gli occhi, venendo infine ceduto a peso d’oro (insieme al compagno Joao Moutinho) per oltre 70 milioni di euro.

Matteo Luciani
A cura di

Nato a Roma sul finire degli anni Ottanta, dopo aver conseguito il diploma classico tra gloria (poca) e insuccessi (molti di più), mi sono iscritto e laureato in Lingue e Letterature Europee e Americane presso la facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Tor Vergata. Appassionato, sin dall'età più tenera, di calcio, adoro raccontare le storie di “pallone”: il processo che sta portando il ‘tifoso’ sempre più a diventare, invece, ‘cliente’ proprio non fa per me. Nel 2016, ho coronato il sogno di scrivere un libro tutto mio ed è uscito "Meteore Romaniste”, mentre nel 2019 sono diventato giornalista pubblicista presso l'Ordine del Lazio

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Le meteore della Serie A: El Uablo bianconero Juan Eduardo Esnaider Compie oggi 48 anni Juan Eduardo Esnaider, uno dei tanti “fenomeni parastatali” (come...

Calcio

Helmut Haller: il giocoliere teutonico Il biondone di Augusta. Helmut Haller: un teutonico consacrato in Italia. Lo stivale è diventato presto casa sua. Lui,...

Calcio

Roberto Baggio: Genealogia del Divin Codino Quest’anno le candeline da spegnere sono cinquataquattro. Se provi ad affiancare le immagini di quando accarezzava palloni deliziando...

Calcio

Pato firma per l’Orlando City. Sundas di American Group Sport Management esprime la propria soddisfazione: “Un grande colpo per l’MLS e per Orlando” Alexandre...

Calcio

Aldo Agroppi, comunque granata Se nelle stracittadine anche gli occhi di Paolino Pulici diventavano granata, un altro cuore torinista che sentiva il derby della...

Calcio

Quando Cristiano Ronaldo fu ad un passo dalla Serie A Compie oggi 36 anni Cristiano Ronaldo, attuale attaccante della Juventus che, molti anni prima...

Calcio

Dall’El Dorado ai Narcos: Inferno e Paradiso dei Millonarios di Bogotà Cinco y baile. Dopo il quinto gol, si balla. C’è stata una squadra...

Calcio

Quando Messi stava per andare al Como Oggi, insieme a Cristiano Ronaldo, è unanimemente riconosciuto come il calciatore più forte in attività. Qualcuno porta...

Calcio

Günter Netzer, Sigfrido a centrocampo Uno spiraglio di sole, nonostante l’ombra di Franz Beckenbauer: per il calcio tedesco e per una pretesa rivalità che...

Calcio

Quando Pavel Nedved poteva “tradire” la Juve per andare all’Inter Il 22 dicembre 2003 veniva assegnato il Pallone d’oro a Pavel Nedved, fenomeno ceco e...

Calcio

Lazio: qualificarsi agli ottavi di Champions League non è sufficiente per essere una grande squadra Anche le vittorie possono insegnare. Come le sconfitte. È...

Calcio

Sentenza Bosman 25 anni dopo: storia dell’uomo che cambiò per sempre il calcio Il 15 Dicembre 1995 la Corte di Giustizia dell’Unione Europea emette...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro