Connect with us

Cerca articoli

Storie di Sport

Il grande botto…mancato: Hernan Crespo alla Juventus (1996)

Siamo nell’estate del 1995. La Juventus, guidata da Marcello Lippi in panchina e dalla triade Moggi-Giraudo-Bettega ai piani alti, è reduce da una grande stagione che l’ha vista conquistare il double (Scudetto+Coppa Italia) in patria.

In Europa, invece, i bianconeri si sono dovuti accontentare della seconda piazza dopo aver perso la Finale di Coppa Uefa contro i connazionali del Parma.

La società torinese, pertanto, decide di muoversi pesantemente sul mercato a caccia di talenti che possano regalarle un ulteriore salto di qualità. Uno di questi gioca in Argentina, precisamente nel River Plate, ha vent’anni e di ruolo fa l’attaccante: si chiama Hernan Crespo.

La Juventus ha visionato diverse videocassette del centravanti e lo ha fatto pure visionare dal vivo dai propri osservatori: i responsi sono ampiamente positivi. Durante il precampionato, i bianconeri si recano in Sudamerica per una tournée e, guarda caso, affrontano anche il River Plate di Crespo.

La trattativa è ormai ad un passo dalla conclusione tanto che Lippi quando incrocia il bomber argentino gli dice “comincia ad imparare un po’ di italiano” e gli lancia un occhiolino che sa tanto di approvazione definitiva. Sembra tutto fatto ma a questo punto entra in scena un altro argentino che con la Juve ha giusto qualcosina a che fare: Omar Sivori.

‘El Cabezón’ parla con i dirigenti juventini e li mette in guardia: “Guardate che come Crespo in Argentina ci sono centinaia di punte”. Come a dire ‘lasciate stare’. i vertici del club piemontese iniziano a dubitare riguardo all’affare e alla fine fanno saltare tutto per la gioia dei tifosi del River. Mai errore risulterà più grossolano.

Nei mesi seguenti, infatti, Crespo trascina i suoi alla vittoria della Copa Libertadores, si laurea capocannoniere in patria e pure alle Olimpiadi del 1996. Il suo talento è definitivamente esploso. L’Italia, ancora una volta, chiama.

Stavolta è il Parma dei Tanzi a farsi sotto. In breve tempo, i gialloblu raggiungono un accordo di massima con il River.

Non appena trapela la notizia, tuttavia, in Argentina scoppia una sollevazione popolare: Crespo non si tocca. Perfino il presidente del paese sudamericano, Menem, tenta di scendere in campo per bloccare tutto ma è troppo tardi. Il River Plate ha ormai dato la sua parola al Parma e Crespo si imbarca alla volta dell’Italia dopo aver siglato un contratto di quattro anni.

 Il Belpaese sta per ammirare da vicino uno dei più grandi fuoriclasse degli anni a venire.

A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Pugilato

Carlos Monzon, la strada della violenza L’8 gennaio 1995 moriva Carlos Monzon, il pugile argentino campione del mondo dei pesi medi che con il...

Altri Sport

La poesia “sbagliata” di Miguel: storia del desaparecido che amava correre e sognare Dei trentamila desaparecidos che l’Argentina degli orrori ha strappato alla vita...

Calcio

Sentenza Bosman 26 anni dopo: storia dell’uomo che cambiò per sempre il calcio Ieri 15 Dicembre, ricorreva la data in cui la Corte di...

Calcio

Alberto César Tarantini: Corri uomo corri La vita l’ha vista fuggire troppe volte, molte delle quali senza preavviso. Forse per questo oggi gli riesce...

Calcio

Paulo Dybala: ‘La Joya’ di Laguna Larga che segna in nome del padre Compie oggi 28 anni Paulo Dybala, l’attaccante argentino della Juventus, che...

Calcio

“C’è del Marcio in Danimarca”. E l’Italia scoprì il sospetto di combine in Serie A L’8 novembre 1903 nasceva Luigi Allemandi, difensore dell’Italia Campione...

Calcio

1913-14: quando la Juventus divenne “lombarda” ed evitò la retrocessione Il primo novembre 1897 un gruppo di studenti del liceo classico Massimo D’Azeglio di...

Calcio

Dieci e non più dieci Germogliano i fiori, in mezzo ai rifiuti,  Per ogni rimbalzo che resta immacolato; Tra terra battuta, tra il fango e...

Calcio

Falcao, l’addio, la politica e il Papa Compie oggi 68 anni Paulo Roberto Falcao, l’ottavo Re di Roma, rimasto nella memoria dei tifosi giallorossi...

Pugilato

La storia di Oscar “Ringo” Bonavena Fisico massiccio, sguardo accattivante e folta chioma nera come la pece era questo Oscar Bonavena, argentino di Buenos Aires...

Calcio

Chi era Gaetano Scirea Il 3 Settembre 1989 moriva Gaetano Scirea, un campione vero, uno sportivo d’altri tempi, tragicamente scomparso in un incidente stradale...

Calcio

Zavarov, lo ‘Zar’ che girava in Duna e sognava la pace Una squadra che da più di un anno deve porre rimedio all’addio al...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro