Quantcast
Connect with us

Cerca articoli

Storie di Sport

Il grande botto…mancato: Hernan Crespo alla Juventus (1996)

Siamo nell’estate del 1995. La Juventus, guidata da Marcello Lippi in panchina e dalla triade Moggi-Giraudo-Bettega ai piani alti, è reduce da una grande stagione che l’ha vista conquistare il double (Scudetto+Coppa Italia) in patria.

In Europa, invece, i bianconeri si sono dovuti accontentare della seconda piazza dopo aver perso la Finale di Coppa Uefa contro i connazionali del Parma.

La società torinese, pertanto, decide di muoversi pesantemente sul mercato a caccia di talenti che possano regalarle un ulteriore salto di qualità. Uno di questi gioca in Argentina, precisamente nel River Plate, ha vent’anni e di ruolo fa l’attaccante: si chiama Hernan Crespo.

La Juventus ha visionato diverse videocassette del centravanti e lo ha fatto pure visionare dal vivo dai propri osservatori: i responsi sono ampiamente positivi. Durante il precampionato, i bianconeri si recano in Sudamerica per una tournée e, guarda caso, affrontano anche il River Plate di Crespo.

La trattativa è ormai ad un passo dalla conclusione tanto che Lippi quando incrocia il bomber argentino gli dice “comincia ad imparare un po’ di italiano” e gli lancia un occhiolino che sa tanto di approvazione definitiva. Sembra tutto fatto ma a questo punto entra in scena un altro argentino che con la Juve ha giusto qualcosina a che fare: Omar Sivori.

‘El Cabezón’ parla con i dirigenti juventini e li mette in guardia: “Guardate che come Crespo in Argentina ci sono centinaia di punte”. Come a dire ‘lasciate stare’. i vertici del club piemontese iniziano a dubitare riguardo all’affare e alla fine fanno saltare tutto per la gioia dei tifosi del River. Mai errore risulterà più grossolano.

Nei mesi seguenti, infatti, Crespo trascina i suoi alla vittoria della Copa Libertadores, si laurea capocannoniere in patria e pure alle Olimpiadi del 1996. Il suo talento è definitivamente esploso. L’Italia, ancora una volta, chiama.

Stavolta è il Parma dei Tanzi a farsi sotto. In breve tempo, i gialloblu raggiungono un accordo di massima con il River.

Non appena trapela la notizia, tuttavia, in Argentina scoppia una sollevazione popolare: Crespo non si tocca. Perfino il presidente del paese sudamericano, Menem, tenta di scendere in campo per bloccare tutto ma è troppo tardi. Il River Plate ha ormai dato la sua parola al Parma e Crespo si imbarca alla volta dell’Italia dopo aver siglato un contratto di quattro anni.

 Il Belpaese sta per ammirare da vicino uno dei più grandi fuoriclasse degli anni a venire.

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facebook

Da non perdere

Calcio

Nel calcio attuale degli anni 2020 le trattative si fanno sui social con alcuni like o commenti sospetti. È il caso di Cristiano Ronaldo,...

Calcio

Roberto Baggio: Genealogia del Divin Codino Sta avendo enorme successo il film da poco uscito su Netflix “Il Divin Codino”, dedicato alla vita di...

Calcio

Juventus, grazie Pirlo ma ora lascia da “vincente” Il termine vincente è un termine che va usato con cautela. Stefano Pioli per la qualificazione...

Calcio

Chi era Gaetano Scirea Avrebbe compiuto oggi 68 anni Gaetano Scirea, un campione vero, uno sportivo d’altri tempi, tragicamente scomparso in un incidente stradale...

Calcio

Don Mario De Ciantis: un prete al calciomercato Una preghiera e una trattativa. Don Mario De Ciantis: dall’altare alle stanze del calciomercato. Signore e...

Calcio

A modo suo: “El Trinche” Carlovich L’8 maggio 2020 ci salutava, vittima di una rapina, “El Trinche” Carlovich, iconico giocatore argentino che ha sempre...

Calcio

Superga 72 anni dopo: il Mito del Grande Torino e il legame con l’America Latina Il 4 Maggio 1949 alle 17.03 il trimotore con...

Calcio

Quando Ezequiel Lavezzi era del Genoa ma finì al Napoli Compie oggi 36 anni Ezequiel Lavezzi, il Pocho che ha fatto innamorare Napoli ma...

Calcio

Zavarov, lo ‘Zar’ che girava in Duna e sognava la pace Compie oggi 60 anni Oleksandr Zavarov, l’uomo scelto dalla Juve per rimpiazzare Platini,...

Altri Sport

La poesia “sbagliata” di Miguel: storia del desaparecido che amava correre e sognare Il 23 aprile 1985 a Buenos Aires si apriva il processo...

Calcio

El Clásico de Avellaneda: Rivalità, manichini e la maledizione dei sette gatti neri Lo scorso fine settimana si è giocata una delle partite più...

Calcio

Lo scorso 6 aprile è stato il trentesimo anniversario dal primo ritorno di Roberto Baggio a Firenze da avversario. Il ‘Divin Codino’ alla Juventus...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro