Connect with us

Cerca articoli

Storie di Sport

Il grande botto…mancato: Hernan Crespo alla Juventus (1996)

Siamo nell’estate del 1995. La Juventus, guidata da Marcello Lippi in panchina e dalla triade Moggi-Giraudo-Bettega ai piani alti, è reduce da una grande stagione che l’ha vista conquistare il double (Scudetto+Coppa Italia) in patria.

In Europa, invece, i bianconeri si sono dovuti accontentare della seconda piazza dopo aver perso la Finale di Coppa Uefa contro i connazionali del Parma.

La società torinese, pertanto, decide di muoversi pesantemente sul mercato a caccia di talenti che possano regalarle un ulteriore salto di qualità. Uno di questi gioca in Argentina, precisamente nel River Plate, ha vent’anni e di ruolo fa l’attaccante: si chiama Hernan Crespo.

La Juventus ha visionato diverse videocassette del centravanti e lo ha fatto pure visionare dal vivo dai propri osservatori: i responsi sono ampiamente positivi. Durante il precampionato, i bianconeri si recano in Sudamerica per una tournée e, guarda caso, affrontano anche il River Plate di Crespo.

La trattativa è ormai ad un passo dalla conclusione tanto che Lippi quando incrocia il bomber argentino gli dice “comincia ad imparare un po’ di italiano” e gli lancia un occhiolino che sa tanto di approvazione definitiva. Sembra tutto fatto ma a questo punto entra in scena un altro argentino che con la Juve ha giusto qualcosina a che fare: Omar Sivori.

‘El Cabezón’ parla con i dirigenti juventini e li mette in guardia: “Guardate che come Crespo in Argentina ci sono centinaia di punte”. Come a dire ‘lasciate stare’. i vertici del club piemontese iniziano a dubitare riguardo all’affare e alla fine fanno saltare tutto per la gioia dei tifosi del River. Mai errore risulterà più grossolano.

Nei mesi seguenti, infatti, Crespo trascina i suoi alla vittoria della Copa Libertadores, si laurea capocannoniere in patria e pure alle Olimpiadi del 1996. Il suo talento è definitivamente esploso. L’Italia, ancora una volta, chiama.

Stavolta è il Parma dei Tanzi a farsi sotto. In breve tempo, i gialloblu raggiungono un accordo di massima con il River.

Non appena trapela la notizia, tuttavia, in Argentina scoppia una sollevazione popolare: Crespo non si tocca. Perfino il presidente del paese sudamericano, Menem, tenta di scendere in campo per bloccare tutto ma è troppo tardi. Il River Plate ha ormai dato la sua parola al Parma e Crespo si imbarca alla volta dell’Italia dopo aver siglato un contratto di quattro anni.

 Il Belpaese sta per ammirare da vicino uno dei più grandi fuoriclasse degli anni a venire.

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

113 anni di Inter, la squadra (quasi) mai stata in B Il 9 Marzo 1908 nasceva il Foot-Ball Club Internazionale, meglio conosciuto come Inter. La squadra...

Calcio

Le meteore della Serie A: El Uablo bianconero Juan Eduardo Esnaider Compie oggi 48 anni Juan Eduardo Esnaider, uno dei tanti “fenomeni parastatali” (come...

Calcio

La Dittatura di Videla e quella protesta attaccata ad un palo Molti al mondo sono i modi di protestare. Alcuni tranciano come il cordone...

Calcio

Helmut Haller: il giocoliere teutonico Il biondone di Augusta. Helmut Haller: un teutonico consacrato in Italia. Lo stivale è diventato presto casa sua. Lui,...

Calcio

Roberto Baggio: Genealogia del Divin Codino Quest’anno le candeline da spegnere sono cinquataquattro. Se provi ad affiancare le immagini di quando accarezzava palloni deliziando...

Calcio

Pato firma per l’Orlando City. Sundas di American Group Sport Management esprime la propria soddisfazione: “Un grande colpo per l’MLS e per Orlando” Alexandre...

Calcio

Aldo Agroppi, comunque granata Se nelle stracittadine anche gli occhi di Paolino Pulici diventavano granata, un altro cuore torinista che sentiva il derby della...

Calcio

Quando Cristiano Ronaldo fu ad un passo dalla Serie A Compie oggi 36 anni Cristiano Ronaldo, attuale attaccante della Juventus che, molti anni prima...

Calcio

C’era una volta un Leone con un Mitra: Batigol Se non fosse per l’intensità dello sguardo, caratterizzato da profondi occhi chiari, sarebbe difficile per...

Calcio

Quando Messi stava per andare al Como Oggi, insieme a Cristiano Ronaldo, è unanimemente riconosciuto come il calciatore più forte in attività. Qualcuno porta...

Calcio

La disfatta argentina ai Mondiali di Francia ’98 Francia ’98: la delusione di un’Argentina paradossalmente piccola. L’ultimo Mondiale del secolo si gioca in terra...

Calcio

Quando James Rodriguez stava per andare al Bari Nell’estate del 2014 il colombiano James Rodriguez, dopo un grande Mondiale in Brasile disputato con la...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro