Connect with us

Cerca articoli

Storie di Sport

Il grande botto…mancato: Edgar Davids alla Roma (2002/2003)

Durante l’estate del 2002, il “pitbull” juventino Edgar Davids entra in rotta di collisione con la società bianconera. L’olandese manifesta a più riprese la propria intenzione di trasferirsi nella Capitale, dove Fabio Capello lo accoglierebbe a braccia aperte, ritenendolo l’unico tassello mancante in mezzo al campo per far fare il salto di qualità alla sua Roma.

Nei caldi giorni della trattativa, il tecnico di Pieris non nasconde in alcun modo il forte desiderio di avere il centrocampista tra le proprie fila, arrivando anche a scontrarsi verbalmente con il presidente Franco Sensi.

Capello rilascia dichiarazioni pesanti, affermando, riguardo al possibile arrivo di Davids: “Ho chiesto solo quel giocatore e se volessimo davvero lo potremmo comprare”. L’allenatore friulano aggiunge poi che “vista la situazione lottiamo per il quarto posto dal momento che gli altri si sono rinforzati e noi no”, concludendo con un perentorio: “Nella testa continuo a pensare al primo posto, ma in realtà siamo da quarto“.

La risposta del presidente del terzo scudetto giallorosso non si fa attendere e il clima in casa Roma si fa davvero rovente. Più di qualcuno ipotizza che si possa arrivare addirittura ad una clamorosa rottura prima dell’inizio della nuova stagione quando Sensi afferma: “Se Capello porta la Roma al quarto posto, non so se arriva a fine campionato e poi Capello su Davids non può dire niente perché un giorno lo vuole e il giorno dopo ci ripensa”.

Alla fine tutto rientra, con Sensi che svela pubblicamente l’offerta rifiutata dalla Juventus (“13 milioni di Euro più la metà di D’Agostino e tutto Lanzaro”) e Capello che fa un passo indietro, allineandosi al pensiero della società e dichiarando: “La speranza è l’ultima a morire, ma credo che noi dobbiamo stare attenti ai conti, ai bilanci. Se riterremo giuste le richieste della Juve acquisteremo Davids, altrimenti no, perché le follie non dobbiamo farle. Saremmo gli unici ad andare fuori mercato, una sciocchezza. Ventidue milioni più Lima? Non ci siamo”.

Dopo esser stato a meno di un passo da Trigoria, quindi, Davids alla fine di quella sessione di calciomercato rimane a Torino; le voci su un suo approdo in giallorosso, tuttavia, tornano in auge dopo qualche tempo.

Ad un anno di distanza, infatti, Davids si appresta ad iniziare la stagione 2003/2004 ancora con la maglia juventina addosso ma con il contratto in scadenza e Franco Sensi rilascia un’intervista in cui afferma: “Il giocatore ha fatto capire chiaramente che verrebbe da noi volentieri. Avrebbe 30 anni, è vero, ma può sostenere ancora tre stagioni ad alto livello. Se l’anno prossimo sarà libero di scegliere la sua destinazione, proveremo a prenderlo: andrebbe a formare un centrocampo formidabile, insieme a Emerson e Dacourt”.

Il 21 settembre del 2003 allo stadio “Delle Alpi” di Torino va in scena Juventus-Roma, gara valevole per la terza giornata del campionato 2003/2004. La gara si conclude 2-2 e il giorno dopo molti quotidiani sportivi nazionali rilanciano la notizia che tra la Roma e Davids stavolta sia davvero tutto fatto. Qualcuno scrive addirittura di aver visto l’olandese fermarsi a parlare fuori dallo stadio torinese al termine del match con dei futuri compagni di squadra romanisti per comunicare loro la propria decisione di raggiungerli 12 mesi dopo.

In realtà la storia andrà poi in maniera totalmente diversa. L’anno seguente, infatti, alla Roma accade un vero e proprio terremoto tecnico, con le improvvise dimissioni di Fabio Capello, destinazione Juventus, e le cessioni eccellenti di Samuel ed Emerson per ripianare pesanti debiti presenti nel bilancio.

Il ‘pitbull’ olandese sceglie così di accettare la corte di Moratti e sposare la causa interista, dove, tuttavia, avrà poi scarsa fortuna. Davids-Roma: un matrimonio che evidentemente proprio non s’aveva da fare.

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Commenti

2 Comments

  1. Avatar

    guido

    Novembre 4, 2016 at 1:09 pm

    a corollario della certosina ed esatta ricostruzione vorrei aggiungere due cose:
    1) nella trattativa per davids la juve, oltre ai due citati, richiese aquilani e un certo De Rossi;
    2) le cessioni furono dovute alla fallita trattativa con i russi (poi ci furono soros e l’arabo)
    guido

  2. Avatar

    guido

    Novembre 4, 2016 at 1:09 pm

    a corollario della certosina ed esatta ricostruzione vorrei aggiungere due cose:
    1) nella trattativa per davids la juve, oltre ai due citati, richiese aquilani e un certo De Rossi;
    2) le cessioni furono dovute alla fallita trattativa con i russi (poi ci furono soros e l’arabo)
    guido

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Erno Erbestein, storia di un uomo che sapeva allenare Per il Giorno della Memoria vi raccontiamo la storia di Erno Erbstein, leggendario allenatore del...

Calcio

Quando Messi stava per andare al Como Oggi, insieme a Cristiano Ronaldo, è unanimemente riconosciuto come il calciatore più forte in attività. Qualcuno porta...

Calcio

Andrej Kanchelskis, storia di una sfortuna infinita Compie oggi 52 anni Andrej Kanchelskis, il calciatore russo arrivato in Italia per spaccare il mondo, finito...

Calcio

Dino Viola, l’educatore Il 19 Gennaio 1991 moriva Dino Viola, indimenticabile presidente della Roma, che ha lasciato un segno indelebile nel cuore dei tifosi...

Calcio

Luciano Re Cecconi: il tragico destino di un giocatore che veniva dal futuro Il 18 Gennaio 1977 se ne andava Luciano Re Cecconi, iconico...

Calcio

Quando James Rodriguez stava per andare al Bari Nell’estate del 2014 il colombiano James Rodriguez, dopo un grande Mondiale in Brasile disputato con la...

Calcio

Calcio e corruzione: Gegio Gaggiotti e i suoi capolavori Il 16 gennaio 1924 nasceva Eugenio Gaggiotti, l’uomo che è considerato il “pioniere” delle combine...

Calcio

Mario Jardel e quei saluti calorosi sotto la curva sbagliata Con il calciomercato invernale nel vivo, riviviamo la storia di un bomber dal grande...

Calcio

Neve, Black out e colpi di pistola: i 5 episodi del Derby di Roma che (forse) non conoscete Il derby non è mai una...

Calcio

Chiedi chi era Masinga Il nostro tributo a Phil Masinga, simbolo dei Bafana Bafana, che due anni fa ci lasciava a soli 49 anni....

Calcio

A tu per tu con Igor Protti, lo Zar del Goal Abbiamo intervistato Igor Protti, bomber che ha militato in diverse squadre quali Rimini,...

Calcio

La cantina Nevio Scala: dalla panchina alle vigne Capolavoro in Emilia-Romagna. Tra calcio e buon vino Nevio Scala ha scritto un romantico romanzo di...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro