Connect with us

Cerca articoli

Storie di Sport

Il grande botto…mancato: Quando Ancelotti si oppose a Baggio: ” Dove lo metto nel mio 4-4-2?” (1997)

“Se avessi la macchina del tempo, tornerei indietro e Baggio eccome se lo prenderei”. Così parlò Carlo Ancelotti. Era il 2009 e l’allenatore emiliano riconobbe con schiettezza come, fino ad allora, l’errore più grande della sua carriera fosse stato il rifiuto all’acquisto di Roberto Baggio quando era sulla panchina del Parma a metà anni Novanta.

Agli occhi della maggioranza dell’opinione pubblica, una scelta clamorosa e controversa ancora oggi. Per capire meglio come fu possibile, ritorniamo a quel luglio 1997, entrato nei libri di storia dello sport per l’oro di Annarita Sidoti nella 10 km di marcia ai Mondiali di Atene, la vittoria ai Giochi del Mediterraneo dell’Under 21 di Marco Tardelli e l’urlo a pugni chiusi di Marco Pantani in cima all’Alpe d’Huez.

In quei giorni, Roberto Baggio attraversava uno dei periodi più opachi della sua carriera. Il biennio al Milan si era consumato fra uno scudetto al primo colpo, ma costellato da troppe polemiche per le troppe sostituzioni riservatigli da Capello, e un secondo anno disastroso. I rossoneri avevano disputato la peggior stagione dal loro ritorno in serie-A: undicesimo posto in campionato, fuori al primo turno di Champions League, umiliazione interna (1-6) per mano della Juventus (ancora però non si sapeva che il calcio doveva uscire dalle farmacie…), uno spogliatoio frammentato e due grandi allenatori (Tabarez e Sacchi) incapaci di trasformare la deriva di un gruppo a fine corsa in un’onorevole passo d’addio. In questo marasma, Baggio fu uno dei pochi a salvarsi, soprattutto considerando l’esiguo minutaggio avuto per i problemi personali con l’ex ct azzurro.

Per il riscatto, Berlusconi e Galliani richiamarono Capello, che subito sentenziò come nel suo Milan non ci sarebbe stato spazio per Baggio. Che però voleva giocare perché nel 1998 ci sarebbe stato il Mondiale in Francia. Si fece allora avanti il Parma, arrivato secondo a due soli punti dalla Juventus e prossimo al preliminare di Champions League. I gialloblu volevano compiere il definitivo salto di qualità sulla scena nazionale e internazionale, dunque quale miglior occasione per riuscirci se non con l’ingaggio del calciatore italiano più forte in circolazione?

L’accordo fu presto trovato: a Baggio, due miliardi e mezzo a stagione per tre anni; al Milan, si dice, ne sarebbero andati sei. Era il 9 luglio e mancava solo la ratificazione dell’affare quando da dentro Collecchio si levò una voce di dissenso: quella di Carlo Ancelotti, l’allenatore di quel Parma. I suoi ragazzi avevano conquistato il miglior risultato nella storia del club con un’esemplare interpretazione del 4-4-2 di sacchiana memoria, eletto definitivamente a stella polare con la cessione di Zola al Chelsea perché incompatibile con Chiesa e Crespo. Incagliata nella bassa classifica, da quel momento la squadra aveva rimontato fino a sfiorare lo scudetto.

Come il fantasista sardo, anche Baggio era un trequartista. E per stare nel 4-4-2, avrebbe dovuto adattarsi a fare il quarto centrocampista o la seconda punta. Ma, soprattutto, avrebbe dovuto giocarsi il posto alla pari con i compagni. Queste, in sintesi, le convinzioni esposte da Ancelotti al presidente Tanzi. A proposito: ma non è che la proprietà, più che al calciatore, era interessata al marchio visto che il volto di Baggio sarebbe stato uno straordinario testimonial per i prodotti Parmalat? Dopotutto, i suoi problemi col Milan erano noti da tempo e se interessava l’atleta, perché pensarci soltanto al termine di una campagna acquisti impostata, e a ragion veduta, sul 4-4-2? L’arrivo di uno con le sue qualità avrebbe invalidato quella strategia e comportato inevitabili scombussolamenti tecnici. La riprova si ebbe a Bologna, dove Baggio approdò dopo aver tratto il Parma d’impiccio, e d’impaccio, con la consueta classe: “Se devo combattere per un posto in attacco, resto al Milan”.

Con i rossoblù di Ulivieri, Roby segnò ventidue reti, fu il miglior marcatore italiano e spiccò il volo per il Mondiale. Ma nel girone d’andata, nemmeno le sue magie tennero lontano dalla zona retrocessione un collettivo collaudato e ribattezzato “la cooperativa del gol”. E non c’è da stupirsi. Perché gli equilibri, in una squadra, sono sempre molto delicati.

A cura di

Classe 1982, una laurea in "Giornalismo" all'università "La Sapienza" di Roma e un libro-inchiesta, "Atto di Dolore", sulla scomparsa di Emanuela Orlandi, scritto grazie a più di una copertura, fra le quali quella di appassionato di sport: prima arbitro di calcio a undici, poi allenatore di calcio a cinque e podista amatoriale, infine giornalista. Identità che, insieme a quella di "curioso" di storie italiane avvolte dal mistero, quando è davanti allo specchio lo portano a chiedere al suo interlocutore: ma tu, chi sei?

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Serie A: il prossimo anno sarà un campionato equilibrato? Il pallone non si ferma. Con la sbornia della vittoria agli Europei ancora da smaltire...

Calcio

Giacinto Facchetti: Tre, come Treviglio Tra i tanti primati del calcio italiano, ce n’è uno, sempre passibile di aggiornamenti, incrociando le dita, che gli...

Calcio

Le meteore della Serie A: Adrian Pit, 41 minuti per entrare nella storia della Roma Compie oggi 38 anni Adrian Pit, l’esterno romeno che...

Calcio

Chiedi chi era Masinga Il nostro tributo a Phil Masinga, simbolo dei Bafana Bafana, scomparso 2 anni fa, che oggi avrebbe compiuto 52 anni....

Calcio

Quando Messi stava per andare al Como Compie oggi 34 anni Leo Messi, il fenomeno argentino che in ogni sessione di mercato entra nei...

Calcio

Quando Zinedine Zidane poteva andare al Milan Compie oggi 49 anni Zinedine Zidane, il fenomeno franco algerino, attuale allenatore del Real Madrid, con il...

Calcio

Pierino Prati, il mestiere di far goal Il 22 giugno 2020 ci lasciava Pierino Prati, l’attaccante del Milan e della Roma, campione d’Europa con...

Calcio

Manu Chao, la passione per il calcio con il Genoa nel cuore Il 21 giugno 1961 nasceva, nella città di Parigi, José Manuel Arturo...

Calcio

Mario Corso, il poeta maledetto del calcio italiano Il 20 giugno 2020 ci salutava Mario Corso, il funambolo dell’Inter, soprannominato “Mandrake” per le sue...

Calcio

Nel calcio attuale degli anni 2020 le trattative si fanno sui social con alcuni like o commenti sospetti. È il caso di Cristiano Ronaldo,...

Calcio

Mauro Tassotti, il Djalma Santos bianco “Puoi togliere il ragazzo dal ghetto ma non il ghetto dal ragazzo”, dice Zlatan Ibrahimovic. Potremmo portare questa...

Calcio

Il Campionato Romano di Guerra: il calcio a Roma durante e dopo l’occupazione nazista Il 5 giugno 1944 a Roma si respirava un’aria nuova...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro