Quantcast
Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Il governo mette in crisi l’autonomia dello Sport Italiano e il CIO richiama ufficialmente il Coni

[themoneytizer id=”27127-1″]

Il governo mette in crisi l’autonomia dello Sport Italiano e il CIO richiama ufficialmente il Coni

E’ un momento particolare per la vita del Paese, una crisi economica evidente, una politica imbarazzante ed un etica scomparsa. Tradotto significa un Paese allo sbando.

Un Paese che non studia e che non si confronta, un Paese dove gli emigranti sono molto di più degli immigrati. Un Paese alla deriva dove sono pochi i leader ad avere un’idea, che ragionino sul presente e abbiano la capacità di disegnare un futuro capace almeno di dare speranza ai nostri giovani.

Questi nostri giovani ormai abbandonati a loro stessi e alla loro disperata solitudine mascherata nei social, che si sballano nei week end per non pensare alle incertezze che hanno intorno.

Giovani che sono fortunati se riescono a fare uno stage a 800 Euro/mese; contratti di Apprendistato senza certezze che possono durare anni.

Imprenditori in ginocchio che non riescono a produrre perché i costi di produzione (quelli energetici ad esempio) e quelli del personale insieme al sistema fiscale non consentono di fare una sana impresa.

In un quadretto così preoccupante del sistema Italia l’attuale maggioranza di governo (forse ex considerati gli avvenimenti delle ultime ore)  a cosa pensa: …. “il Senato ha dato il via al disegno di legge con le deleghe al governo sull’ordinamento sportivo, collegato alla manovra di finanza pubblica”.

Nel Contratto di Governo Lega – 5   Stelle, al Punto 24 nella sostanza porta a Palazzo Chigi, alla nuova struttura Sport & Salute, le attività che da sempre sono state del Coni. Ovviamente la parte più interessante è quella che nel Disegno di Legge i 400 milioni che la legge di bilancio assegnava al Coni adesso li assegna alla nuova struttura Sport & Salute.

Non ho mai nutrito particolare simpatia per questo governo che a mio avviso non sarà ricordato nei prossimi anni come il migliore del dopoguerra, ma l’invasione nel mondo dello sport è intollerabile e pericolosa. 

Non so cosa facciano i parlamentari durante la giornata a parte insultarsi, ma davvero sono convinti che lo sport si regga sui finanziamenti dello Stato? Faccio solo un esempio del tanto bistrattato mondo del calcio verso il quale tutti sono pronti a gettare periodicamente montagne di fango. Il football nostrano dà un contributo diretto all’economia nazionale di Euro 742.000.000; 135.000.000 di Euro sono gli investimenti strutturali generando 98.000 posti di lavoro. Questa macchina può permettersi di trainare da sola il sistema sport in Italia.

Lo sport italiano così come nel resto del mondo, a parte rare eccezioni, è autonomo e lontano dalle stanze delle maggioranze governative. La Politica sportiva non può essere caratterizzata dalla politica di palazzo. La sua autonomia è la garanzia del fatto di essere realmente indipendente. Il CONI, recita il suo statuto, è emanazione del Comitato Olimpico Internazionale (CIO), è autorità di disciplina regolazione e gestione delle attività sportive nazionali. Il Comitato Olimpico Nazionale Italiano, Ente pubblico cui è demandata l’organizzazione e il potenziamento dello sport nazionale, promuove la massima diffusione della pratica sportiva.
Oggi il CONI è presente in 102 Province e 19 Regioni, riconosce 45 Federazioni Sportive Nazionali, 19 Discipline Associate, 14 Enti di Promozione Sportiva Nazionali e 1 territoriale, 20 Associazioni Benemerite.
A questi organismi aderiscono circa 95.000 società sportive per un totale di circa 11 milioni di tesserati.

Questa maggioranza decide di aprire un proprio sportello per la gestione delle risorse economiche sport italiano e subito il Comitato Olimpico Internazionale scrive al Coni.

Nella missiva si esprime “seria preoccupazione” per alcune disposizioni che “intaccherebbero l’autonomia del comitato olimpico italiano”. Dovesse arrivare una sospensione, Milano-Cortina 2026 decadrebbe. La speranza è che si riesca a superare questa ulteriore figuraccia internazionale. Sembra impossibile rischiare di fare fuori lo sport azzurro dalle Olimpiadi e fuori dalle competizioni internazionali. Che lo Sport e quindi il Coni torni rapidamente alla sua autonomia e che la Politica esca rapidamente dallo Sport. I politici non possono pensare allo sport come a una vetrina. I politici possono lavorare per lo sport se riescono a capire la sua importanza in termini di formazione, prevenzione ed inclusione sociale. Lavorassero per questo e lasciassero in pace un mondo che va per conto suo, non chiede nulla, contribuisce in maniera seria alle casse dello stato. La politica deve vigilare ma non gestire lo sport. Non è un concetto difficile ma ora più che mai bisogna ricordarlo.

[themoneytizer id=”27127-28″]

Enrico Fabbro
A cura di

Clicca per commentare

0 Comments

  1. Avatar

    Ehehe

    Settembre 10, 2019 at 9:51 am

    Articolo degno del segretario del CONI.

    E’ evidente come l’autore non conosca minimamente la politica sportiva e i rapporti interni del CONI e delle Federazioni.
    Chiacchiere in libertà, numeri e soldi buttati alla rinfusa per fare clamore.

    Mi chiedo sempre il perchè di tali articoli.

Leave a Reply

Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facebook

Da non perdere

Altri Sport

A tu per tu con Carolina Stramare, tra moda e sport A Tu per Tu con Carolina Stramare, Miss Italia 2019. Carolina è una...

Altri Sport

A tu per tu con Marco Di Paola, presidente della Federazione Italiana Sport Equestri In questo difficile e complesso momento che stiamo vivendo il...

Altri Sport

27 aprile 1993: Quando un Aereo consegna lo Sport alla storia Il 27 Aprile 1993 l’aereo su cui viaggiava la Nazionale di calcio dello...

Calcio Social

Nei primi giorni di aprile, Vivek Ranadivé, amministratore delegato dei Sacramento Kings, ha annunciato in una stanza su Clubhouse che tutti i membri della...

Altri Sport

La poesia “sbagliata” di Miguel: storia del desaparecido che amava correre e sognare Il 23 aprile 1985 a Buenos Aires si apriva il processo...

Allenamento

Cosa portare con te in palestra per un ottimo allenamento Hai scelto la palestra perfetta per te, cosa segue dopo? Bene, se vuoi che...

Integratori

Dieta e Integratori: ecco la bibbia per ogni sportivo Programmare settimanalmente dei momenti da dedicare all’attività fisica è diventato un aspetto sempre più presente...

Altri Sport

La rivoluzione del Surf: Shahla Yasini, la prima iraniana sulla cresta dell’onda Il primo aprile 1979 viene proclamata la nascita della Repubblica Islamica dell’Iran...

Calcio

Paolo List e gli altri: vittime innocenti della Sla, la malattia dei calciatori Il 28 Marzo 2016 moriva a soli 52 anni Paolo List,...

Altri Sport

Jurij Gagarin, il Cosmonauta che sognava le stelle e amava lo Sport Il 27 Marzo 1968 moriva Jurij Gagarin, il cosmonauta sovietico, primo uomo...

Altri Sport

Fosse Ardeatine: Anticoli e Gelsomini, storie di sportivi uccisi dai nazisti Il 24 marzo 1944 si consumò uno degli eventi più tragici del periodo...

Pugilato

Billy Collins e quel pugno “dopato” che ha distrutto la sua vita Il 6 marzo 1984 moriva il pugile di origini irlandesi Billy Collins,...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro