Connect with us

Cerca articoli

Altri Sport

Il Giro torna in Sicilia: a Caltagirone tutti pazzi per la Corsa in Rosa

Wellens vince la Tappa 4 del Giro d’Italia, Dennis rimane in Maglia Rosa. Bagno di folla a Caltagirone con oltre tremila persone per l’arrivo.

Bagno di folla e grande spettacolo per la tappa numero 4 del Giro d’Italia, partita da Catania e conclusa nella città della ceramica, Caltagirone, in un tripudio di folla. Il corridore belga Tim Wellens ha vinto la quarta tappa del centunesimo Giro d’Italia, Catania-Caltagirone di 202 km. Il vincitore di tappa ha commentato così la sua vittoria: «Ho avuto la fortuna di avere compagni di squadra molto forti. Grazie a loro avevo un po’ di vantaggio all’inizio della salita. Non ho dovuto andare a tutta sin da subito, ho potuto aspettare gli ultimi 200 metri. Sono molto contento di aver vinto già alla quarta tappa, il resto del Giro sarà semplicemente un di più qualunque cosa succeda. Ora correrò senza stress».

Seconda vittoria al Giro per Tim Wellens dopo Roccaraso 2016. Wellens è l’autore delle ultime due vittorie del Belgio al Giro, ora a quota 161 successi di tappa e conta quattro podi di tappa nella corsa Rosa: due vittorie (Roccaraso 2016; Caltagirone 2018) e due secondi posti (Montecassino e Vittorio Veneto 2014). Un percorso tortuoso, quello della quarta tappa, Catania-Caltagirone, come commenta lo stesso vincitore: «Sapevamo che le strade erano tortuose in Sicilia e c’era un po’ di tensione nel gruppo fino al primo traguardo volante. Il nostro piano oggi era che tutti avrebbero corso per me. Abbiamo visto molti commenti su internet che dicevano che ero il favorito. Il risultato non potrebbe essere migliore. L’ultima tirata di Adam Hansen è stata molto forte. Tosh Van der Sande mi ha messo in una posizione perfetta a 500 metri dalla fine. Ho passato Enrico Battaglin ai 200 metri, ma solo dopo la linea sapevo di aver vinto la tappa. Due anni fa ho ottenuto con una fuga da lontano la mia prima vittoria al Giro d’Italia. Quella di oggi mi dà più emozioni: è più bello battere l’intero gruppo. Essere qui rilassati ora dopo questo successo rende le cose più facili per il resto del Giro. I miei compagni di squadra sono forti e potrebbero vincere altre tappe. Ormai so di essere un corridore da classiche valloni e da Lombardia, da corse a tappe di una settimana e da tappe dei grandi giri. La Generale non fa per me».

Al secondo e terzo posto della quarta tappa Catania – Caltagirone si sono classificati rispettivamente Michael Woods e Enrico Battaglin.

Rohan Dennis (BMC Racing Team) è ancora la Maglia Rosa di leader della classifica generale. «Per me conservare la Maglia Rosa oggi è un grande risultato» ha dichiarato la maglia rosa. «Mantenerla dopo la prima tappa italiana è speciale», continua la maglia rosa. «È fantastico per la BMC. È stato frenetico, con molte curve e molto pubblico nel finale. Qui la folla era enorme, specialmente in partenza ed in arrivo. Non ho apprezzato appieno l’incredibile atmosfera di Caltagirone perché ero a tutta ma è bello correre qui. Spero di conservare la Maglia Rosa per un altro paio di giorni. Domani potrebbe essere una tappa simile ad oggi ma l’Etna sarà la mia grande prova contro i favoriti della Generale per vedere a che punto sono nei grandi giri».

Primo podio al Giro per Michael Woods: finora il suo miglior risultato era stato un 5° posto a Peschici e Terme Luigiane l’anno scorso. Il Canada, nonostante abbia vinto il Giro nel 2012 con Ryder Hesjedal, sta ancora inseguendo il primo successo di tappa nella corsa Rosa.

5° podio di tappa al Giro per Enrico Battaglin: 2 vittorie (Serra San Bruno 2013; Oropa 2014); un secondo posto (Pescara 2013); 2 terzi posti (Savona 2014; Caltagirone 2018).

Per la terza volta negli ultimi cinque Giri d’Italia, il leader dopo la quarta tappa è australiano: Michael Matthews nel 2014; Simon Clarke nel 2015; Rohan Dennis quest’anno. Anche Matthews prese la Maglia Rosa alla seconda tappa e la tenne fino alla prima settima.

Un vero e proprio bagno di folla a Caltagirone, con oltre trentamila persone riversatesi sulle strade, per l’arrivo della quarta tappa del 101° Giro d’Italia di ciclismo.

«Una grande soddisfazione per tutti noi – commenta il sindaco Gino IoppoloUna splendida risposta da parte dell’intera comunità in termini di partecipazione ed entusiasmo. I riflettori dei media nazionali e internazionali sono stati a lungo puntati sulle bellezze impareggiabili della nostra città. Un eccezionale risultato che siamo impegnati a capitalizzare per farne un’occasione duratura di crescita per la nostra comunità».

«L’ingresso dei ciclisti nella città della ceramica – sottolinea il coordinatore delle tre tappe siciliane della Corsa rosa, il deputato regionale Anthony Barbagalloè stato da brividi, con la folla delle grandissime occasioni ad accoglierli e incitarli sino alla fine. E la conclusione, avvincente sino agli ultimissimi metri, è stata il degno epilogo di una tappa da ricordare».

La prima delle tre tappe siciliane del Giro si è aperta con una vibrante protesta da parte di alcuni sostenitori della Palestina che hanno rallentato la partenza della 4/a tappa (Catania-Caltagirone). Un gruppetto di manifestanti filo-palestinesi ha infatti sbandierato per le strade di Catania il proprio dissenso nei confronti di Israele alternando anche momenti di tensione fra polizia e manifestanti. Fra gli striscioni esposti c’era scritto “Israele assassina, Italia complice”.

RISULTATO FINALE

1 – Tim Wellens (Lotto Soudal) – 202 km in 5h17’34”, media 38,165 km/h

2 – Michael Woods (Team EF Education First-Drapac p/b Cannondale) s.t.

3 – Enrico Battaglin (Team Lotto NL – Jumbo) s.t.

CLASSIFICA GENERALE

1 – Rohan Dennis (BMC Racing Team)

2 – Tom Dumoulin (Team Sunweb) a 1″

3 – Simon Yates (Mitchelton – Scott) a 17″

Angela Failla
A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Altri Sport

L’indipendenza basca e il ciclismo: Iban Mayo e la macchia arancione L’indipendenza basca è un capitolo della geopolitica che ha legami con l’origine sconosciuta...

Altri Sport

Gimondi contro Merckx, la rivincita dell’Eterno Secondo nell’Inferno del Montjuïc Il 16 agosto 2019 ci salutava Felice Gimondi, eroico ciclista italiano. Per ricordarlo vi...

Altri Sport

Pronta a ripartire anche la stagione ciclistica 2020, compromessa integralmente dall’emergenza Covid, che è coincisa con l’inizio della stagione, con un calendario fitto che...

Altri Sport

L’ultimo arrembaggio del più famoso dei Pirati: Pantani e l’impresa nell’Inferno del Galibier Ieri erano esattamente 22 anni da quel 27 luglio del 1998...

Altri Sport

Gino Bartali, il fascismo e quel Tour de France che “salvò” l’Italia Il 18 luglio 1914 nasceva Gino Bartali, leggenda del ciclismo italiano e...

Calcio

Lo Sport secondo Andrea Camilleri Il 17 luglio del 2019 ci lasciava il grande scrittore siciliano Andrea Camilleri. Nato il 6 settembre 1925 a...

Altri Sport

Lo Sport secondo Ernest Hemingway Il 2 luglio 1961 si suicidava, a poco più di 60 anni di età, lo scrittore americano Ernest Miller...

Altri Sport

Spionaggio e ciclismo: come l’Affare Dreyfus portò alla nascita del Tour de France Il primo luglio 1903 prendeva il via la prima edizione del...

Viaggi e Turismo

In provincia di Siracusa, nell’estremo lembo meridionale della Sicilia, splende in tutta la sua bellezza un gioiellino dell’arte e della cultura barocca che prende...

Altri Sport

Matteotti e Bottecchia: il socialista e il ciclista e un tragico destino già scritto Il 10 giugno 1924 moriva, a soli 39 anni di...

Calcio

La C2 del Licata e le origini di “Zemanlandia” Dilectissima. Così nel XIII° secolo Federico II di Svevia appellò Licata, cittadina in provincia di...

Calcio

Era una voce e un volto storico del giornalismo sportivo, radiofonico e televisivo. Si è spento all’età di 77 anni Claudio Ferretti, “figlio d’arte”...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro