Connect with us

Cerca articoli

Altri Sport

Il Giro d’Italia del 1940: Fausto Coppi e i ragazzi della Bemberg

Il Giro d’Italia del 1940 fu l’ultimo prima dell’ingresso italiano nel secondo conflitto mondiale, e non vide al via nessuna squadra straniera. La guerra imperversava in Europa già da otto mesi quando il 17 maggio la corsa scattò da Milano con una tappa per velocisti che prevedeva l’arrivo a Torino. Furono dunque soltanto sei  le squadre ufficiali che iscrissero i sette corridori previsti allora dal regolamento. La Bianchi, che presentava come capitano Giovanni Valetti, vincitore dei due Giri precedenti, e i grandi rivali della Legnano, guidati da Gino Bartali e di cui fa parte un giovanissimo Fausto Coppi, classe 1919, destinato a diventare, ma ancora nessuno lo sa, il suo storico rivale. E poi la Gloria, l’Olympia, la Lygie e la Gerbi. Assente anche la Frejus, che pure era la squadra con cui Valetti aveva vinto il Giro nel 1938 e nel ’39.

Gli iscritti sono in tutto quarantadue, due soli gli stranieri, entrambi dell’ Olympia, lo svizzero Diggelmann e il lussemburghese Didier.  e così gli organizzatori come già avevano fatto nel 1939, per poter aumentare i partecipanti, aprono  alla categoria dei Gruppi Sportivi, formazioni meno organizzate, composte da soli cinque atleti, che possono comunque ricevere assistenza meccanica comune e scambiarsi al bisogno le biciclette, in modo da raggruppare e far partecipare anche tanti ciclisti rimasti senza squadra che da indipendenti avrebbero avuto parecchie difficoltà a competere nel Giro. Saranno dieci i gruppi ad iscriversi, portando così il totale dei corridori a novantuno. Sono espressione di realtà le più diverse: società ciclistiche, come la SC Binda di Cittiglio, fondata nel 1929 proprio dal grande ciclista  Alfredo Binda, corpi militari, organizzazioni fasciste, altri dopolavoro aziendali, la squadra lei giornale Il Littoriale, il quotidiano sportivo romano dell’epoca.

Tra loro figurerà anche il gruppo del Dopolavoro Aziendale Bemberg di Gozzano, coi suoi cinque atleti: Giovanni Destefanis, Mario De Benedetti, Spirito Godio, Giuseppe Colombara e Achille Colombo. Il nome dell’azienda tessile tedesca Bemberg è legato a quello di Gozzano dal 1927, quando fu aperta la fabbrica sul territorio comunale. Fabbrica che si specializzò poi nella produzione del Cupro, una speciale fibra realizzata con gli scarti della lavorazione del cotone, che si rivelò ideale per ottenere fodere resistenti e di qualità.  

Per la vittoria assoluta di quell’edizione della corsa rosa era attesa una lotta tra il vincitore del ’38 e del ’39 Giovanni Valetti della Bianchi e Gino Bartali della Legnano, ma  fu una nuova stella a brillare, quella di un altro piemontese, l’indimenticato Campionissimo Fausto Coppi, che vinse a soli 21 anni il suo primo Giro.

(Foto Anna Maria Vinzia)

I ragazzi della Bemberg si comportarono molto bene, la loro punta Destefanis durante l’undicesima tappa da Firenze a Modena attaccando sulla discesa dell’Abetone riuscì a conquistare la maglia bianca, che allora premiava il leader tra i corridori che non facevano parte delle squadre ufficiali ma dei gruppi, e fu in grado di mantenerla fino all’arrivo, domenica 9 giugno, sempre a Milano, classificandosi anche ottavo assoluto.

 

(Foto Accendiamolamemoria.it)

 Godio fu costretto al ritiro proprio a Modena dove giunse fuori tempo massimo per una caduta, e anche Colombo non arrivò a tagliare il traguardo finale. De Benedetti e Colombara però riuscirono a concludere anche loro il Giro permettendo così al Dopolavoro Bemberg di conquistare  il terzo posto nella classifica riservata ai gruppi. Non ci fu tempo per festeggiare: la mattina seguente, 10 giugno 1940, Benito Mussolini annunciò dal balcone di Palazzo Venezia di aver dichiarato guerra a Francia e Gran Bretagna, del Giro si sarebbe riparlato nel 1946.

 

La Bemberg non gareggiò più tra i professionisti, mentre Destefanis passò alla Bianchi e continuò a gareggiare nelle poche corse comunque organizzate nel periodo bellico. Dopo la guerra nel 1947, fu fedele gregario di Coppi. Aprì poi un negozio di biciclette e morì più che novantenne nel 2006 ad Agliano Terme in provincia di Asti.

Da qualche giorno è disponibile su Amazon Kindle in formato e-book un libro che racconta tutti questi avvenimenti cui ho lavorato per un anno consultando le fonti originali dell’epoca. E se è stato facile per quel che riguarda le vicende di Coppi, Bartali e soci per ricostruire il Giro dei ragazzi della Bemberg ci è voluto molto più tempo  e accurate ricerche sui giornali locali. Se le vicende trattate in questo articolo vi hanno incuriosito andatevelo a vedere!

Foto

 

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Altri Sport

Le Origini del Giro delle Fiandre Si corre domani alle ore 10 l’edizione 2021 del Giro delle Fiandre, una delle Classiche Monumento del ciclismo....

Altri Sport

Cosa significa essere Gianni Mura Lo scorso 21 marzo è stata ricordata la scomparsa di Gianni Mura, maestro di giornalismo e non solo, che...

Altri Sport

La storia di Beñat Intxausti: Morto e risorto, sempre in bici Compie oggi 35 anni Beñat Intxausti, il ciclista la cui storia ci insegna...

Altri Sport

Milano – Sanremo: le origini del Mito Si corre domani l’edizione 2021 della Milano-Sanremo, una delle leggendarie classiche monumento. Per l’occasione vi raccontiamo le...

Altri Sport

Scandalo Festina: il doping piomba sul Tour de France 1998 L’oscurità dei pedali. Il ciclismo, disciplina favolosa ma al tempo stesso maledetta in talune...

Altri Sport

Velokhaya: i pedali d’oro dell’Accademia che toglie i bambini dalle strade del Sudafrica Khayelitsha. Sudafrica. Anno 2003. In pochi possono immaginare che la Velokhaya...

Altri Sport

Alfredo Martini, il “Grande Vecchio” della bicicletta Nel 1982 Italia campione del mondo nel calcio e nel ciclismo. Otto anni dopo terza in entrambi...

Altri Sport

Mistero Pantani: storia di una morte ancora tutta da chiarire Ieri abbiamo ricordato Marco Pantani, in occasione della ricorrenza della sua morte che ancora...

Altri Sport

L’ultimo arrembaggio del più famoso dei Pirati: Pantani e l’impresa nell’Inferno del Galibier Il 14 Febbraio 2004 ci lasciava Marco Pantani, in circostanze ancora...

Altri Sport

A tu per tu Gilberto Simoni, sempre in vetta Abbiamo avuto il piacere di intervistare Gilberto Simoni, campione di ciclismo. “Gibo” che ha trionfato...

Altri Sport

Gastone Nencini, la fibra di un Campione Il Primo Febbraio 1980 ci lasciava Gastone Nencini, leggendario ciclista italiano vincitore tra le altre cose di...

Calcio

Bloody Sunday: Irlanda del Nord, il Derby di Belfast tra Religione, Politica e pallone Il 30 gennaio 1972 a Derry, Irlanda del Nord, un...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro