Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Tifosi del Celtic – Uefa, un rapporto difficile:10 provvedimenti in 5 anni

Martedì 6 dicembre 2016; il Celtic dell’ex tecnico del Liverpool Brendan Rodgers va a giocarsi le residue speranze di qualificazione in Europa League all’Etihad Stadium contro il super Manchester City di Pep Guardiola (in campo, comunque, con un ampio numero di riserve).

Un risultato che per gli scozzesi sarebbe, ad ogni modo, più che prestigioso, dal momento che sin dal principio era apparsa impresa assai ardua quella di provare ad ottenere la qualificazione per gli Ottavi di Finale di Champions League in un girone con Barcellona e, appunto, Citizens.

La gara si mette subito bene per i bianco-verdi, che passano in vantaggio al minuto numero 4 grazie a Patrick Roberts. Durano poco, tuttavia, le speranze dei cattolici di Glasgow, raggiunti già all’ottavo minuto di gioco dal promettentissimo Kelehi Iheanacho. La gara non vedrà altri acuti e finirà così: 1-1.

Il Celtic, però, esce lo stesso con un (triste) record dalla serata mancuniana; i propri tifosi, infatti, si sono segnalati all’interno dell’impianto del City per aver acceso diversi fumogeni e, soprattutto, per aver tentato di venire a contatto con alcuni tifosi di casa.

Un comportamento che ha portato la UEFA ad avviare il decimo provvedimento disciplinare negli ultimi cinque anni nei confronti del club allenato attualmente da Rodgers; il caso verrà esaminato dal massimo corpo governativo del mondo del calcio il 23 febbraio del 2017. La speranza, in casa Celtic, è che non si arrivi alla chiusura del Celtic Park per le prossime gare europee (un rischio in essere a causa, principalmente, delle ripetute sanzioni comminate nei confronti della società).

In questa stagione, ad esempio, si tratta già della seconda occasione in cui i tifosi bianco-verdi ‘costringono’ il proprio club a difendersi dalle pene imposte dalla UEFA: nell’Agosto scorso, infatti, il Celtic fu obbligato a pagare 10,000 euro di multa dopo che i sostenitori scozzesi avevano mostrato una bandiera palestinese sugli spalti durante l’incontro di Champions contro gli israeliani dell’Hapoel Be’er Sheva. Una sanzione che destò polemiche relative ai limiti della libertà di espressione, rappresentata appunto dall’esposizione della bandiera dello Stato medio orientale.

A scagliarsi contro i suoi ex tifosi anche Mark Wilson (96 presenze con il Celtic tra il 2006 ed il 2012, oggi al Dumbarton): “I fan del Celtic dicono di essere I migliori del mondo perché seguono la squadra ovunque, in ogni condizione climatica ed in gran numero. Però, mi chiedo, che senso ha fare tutto ciò se poi alla fine con I comportamenti dentro gli stadi costringi il tuo club a pagare ogni volta multe salate?

Secondo me, la società dovrebbe proibire di seguire il Celtic a tutti i tifosi che commettono azioni di disturbo anche negli stadi di altre squadre. Bisogna mandare un segnale forte all’esterno“.

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Sadio Mané, i pantaloncini più belli che (non) avevo – Dai un pesce a un uomo e lo nutrirai per un giorno; insegnagli a...

Calcio

Bert Trautmann: Giocare e vincere con il collo rotto Tutto comincia in una zona borghese di Brema nel 1923, nella quale il giovane Bernhard...

Calcio

La Tigre Arkan e un sogno chiamato Champions League Il 15 Gennaio del 2000 moriva Željko Ražnatović, meglio conosciuto come la Tigre Arkan, il...

Calcio

Rod Stewart ama il Calcio alla follia Rod Stewart compie oggi 76 anni. L’ eterno musicista britannico in carriera ha venduto più di 100...

Calcio

Il Derby di Mostar tra nazionalismo, religione, politica e odio A Roma, molte volte, quando si gioca la partita tra Roma e Lazio, si...

Calcio

Stan Bowles: il più grande talento che non avete mai visto Compie oggi 72 anni Stan Bowles, un calciatore il cui nome non potrebbe...

Calcio

Quando Pavel Nedved poteva “tradire” la Juve per andare all’Inter Il 22 dicembre 2003 veniva assegnato il Pallone d’oro a Pavel Nedved, fenomeno ceco e...

Calcio

Lazio: qualificarsi agli ottavi di Champions League non è sufficiente per essere una grande squadra Anche le vittorie possono insegnare. Come le sconfitte. È...

Calcio

Dario Fo: il Premio Nobel che amava il calcio “vecchie maniere” Il 10 dicembre 1997 il drammaturgo e attore Dario Fo ritira a Stoccolma...

Basket

La Legge Len Bias: quando per cambiare le regole ci deve scappare il morto Il passaggio dall’infanzia all’adolescenza e infine all’età adulta è lastricato...

Calcio

Deportivo Palestino, il club cileno che gioca per i diritti dei palestinesi Il 15 novembre 1988  Yasser Arafat, presidente dell’OLP, proclama unilateralmente l’Indipendenza dello...

Calcio

Kasper non ha paura Compie oggi 34 Kasper Schmeichel, il portiere danese del Leicester che ha dovuto convivere tutta la sua carriera con la...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro