Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Il “Destiny” della “Dynasty”: Andrea e John, cugini sì, amici mai

26 maggio 2017: la data in cui Andrea Agnelli potrebbe perdere la Juventus e guadagnare la Ferrari. Come? Fra giochi di potere, giustizia sportiva e intrecci familiari. Tutto inizia a luglio. Indagine antimafia in Piemonte. Sgominata una “cellula” della ‘ndrangheta calabrese. Fra i vari interessi, anche il calcio. Il processo si chiude. La vicenda legata ad Andrea Agnelli, no. Giuseppe Pecoraro, procuratore della FIGC, chiede e ottiene 5000 pagine dalla Procura di Torino. Quindi redige l’accusa. Andrea Agnelli è nell’occhio del ciclone. Ammette di conoscere i personaggi, ma ribadisce la propria posizione: non sapeva fossero ‘ndranghetisti. Urge un chiarimento: non vi sono reati commessi dalla Juventus. La società bianconera non rischia retrocessioni, penalizzazioni e scudetti. Andrea Agnelli invece potrebbe pagare in prima persona la “violazione dei principi di lealtà, correttezza e probità e dell’obbligo di osservanza delle norme degli atti federali”. Dipende da cosa ha scritto Pecoraro. Il procuratore ha redatto 20 pagine così convincenti da finire nelle scrivanie della Commissione Antimafia. Il Risultato? La FIGC potrebbe chiedere l’inibizione di Agnelli fino a 3 anni, anche se è realistico che la vicenda si risolva in una inibizione per sei mesi. Quanto basta, comunque, per non rappresentare più la società in Lega Calcio. Ed essere costretto così ad uscire di scena e passare la mano. A chi? E cosa ne pensano, a casa? Beh, la famiglia non è così unita. Andrea è ai ferri corti, e roventi, con John Elkann. Il cugino, spalleggiato dalla moglie Lavinia Borromeo, non è entusiasta del secondo matrimonio fra Andrea e l’attuale compagna Deniz Akalin. L’antipatia dei coniugi Elkann, fra l’altro, gli è già costata carissima. Il 15 aprile del 2016, il CDA Ferrari ha bocciato la candidatura di Andrea Agnelli, presentata sull’onda dei successi sportivi ottenuti con la Juventus.

In quel CDA è entrato Lapo Elkann, destinato ad uscirne. Uno scenario che riapre le porte di Maranello. Resta da capire come e quando avverrà il “dirottamento” di Andrea. Molto, se non tutto, è nelle mani del cugino John, che ha le chiavi della “cassaforte” di famiglia ed è in cerca di una soluzione con Sergio Marchionne. Certo, se la Juventus fallisse l’assalto alla Champions e Andrea fosse condannato dalla giustizia sportiva sarebbe tutto più facile… E il tifo? E la passione? Asfaltate dalla Ragion di Stato. John Elkann rivuole la Juventus. E la avrà. Chi sarà al suo fianco? Il ritorno di Alessandro Del Piero è un’ipotesi romantica, ma alla Juventus si è pragmatici. L’ex capitano ha poco “peso” politico. Prima deve mettere su i muscoli per reggere tutte le pressioni che gravitano sul mondo Juventus. Nel frattempo, ok a Marotta e Nedved. Assumeranno pieni poteri. Senza trascurare la figura di Alessandro Nasi. Chi è? Il cugino di John Elkann, molto amico di Lavinia Borromeo, nonché attuale compagno di Alena Seredova, ex del capitano Gigi Buffon destinato a un possibile (probabile) futuro in bianconero. Piccolo il mondo, a Torino, dove la “Dynasty”, non si fa mancare nulla.

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Luigi Barbesino, il mistero della morte del campione d’Italia caduto in guerra Tra le storie dimenticate della Serie A, c’è sicuramente quella di Luigi...

Calcio

Carlo Petrini: il coraggio di denunciare Il 16 aprile 2012 moriva Carlo Petrini, il calciatore che degli anni 70-80 ha vissuto sulla sua pelle...

Calcio

Ruud Krol a Napoli, anche libero va bene In una foto al porto di Napoli, in mezzo a due pescatori e con una grossa...

Calcio

Quando il “Falco” Marcelo Otero rifilò quattro goal alla Fiorentina Per celebrare i 50 anni compiuti oggi da Marcelo Otero vi proponiamo il racconto...

Calcio

Lo scorso 6 aprile è stato il trentesimo anniversario dal primo ritorno di Roberto Baggio a Firenze da avversario. Il ‘Divin Codino’ alla Juventus...

Calcio

Helenio Herrera: Morte e Misteri dell’Inter del Mago Il 10 aprile 1910 nasceva Helenio Herrera, il Mago dell’Inter capace di vincere tutto. Della sua...

Calcio

Lo monetina di Alemao e gli altri misteri del Campionato 1989-90 L’8 aprile 1990 durante la partita tra Atalanta e Napoli, il centrocampista brasiliano...

Calcio

Il “Best friulano”: Ezio Vendrame, la mezzala che sarebbe diventata un poeta  Ieri si è ricordata la scomparsa avvenuta il 4 aprile dello scorso...

Calcio

Giuseppe Chiappella: Firenze andata e ritorno Lombardo come Prandelli, tornò anche lui sulla panchina della Fiorentina. Giuseppe Chiappella scrisse pagine importanti della storia gigliata,...

Calcio

La storia di Alec Stock, esonerato due volte dall’irriconoscenza Il 30 Marzo 1917 nasceva Alec Stock, la cui storia rappresenta perfettamente la vita dell’allenatore...

Calcio

Ciao Mondo Sono già passati 3 anni da quando Emiliano Mondonico ci ha salutato dopo una dura battaglia contro il cancro. Un allenatore unico...

Calcio

Gaizka Mendieta, dai 90 miliardi ai dischi in finale di Champions League Ha compiuto ieri 47 anni Gaizka Mendieta, il centrocampista basco che dopo...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro