Connect with us

Cerca articoli

Inchieste & Focus

Il caso Russia-Turchia colpisce anche il calcio

L’abbattimento del Su-24 dell’aviazione russa da parte dell’ F16 della difesa turca al confine sud occidentale con la Siria ha portato a livelli di tensione geopolitica roventi. Non bastassero le sanzioni imposte dall’ Unione Europea  e degli Stati Uniti verso la Russia in seguito alla guerra in Ucraina e conseguente annessione della Crimea, si aggiunge anche la rottura che si è creata tra Putin ed Erdogan.

 Il sovrano russo ha fatto sapere di non voler parlare con il Presidente turco, fintanto che quest’ultimo non abbia avanzato ufficialmente le scuse per questo incidente che è tutto fuorché diplomatico. E, d’altra parte, Erdogan è convinto di aver agito nel giusto, avendo l’aereo russo oltrepassato i confini siriani finendo nei radar turchi. Il tutto tradotto nel rifiuto da parte del Leader russo di incontrare il suo corrispettivo turco durante la “Conferenza ONU sui cambiamenti climatici” di Parigi di questi giorni.

 In questo contesto, Putin è andato  giù pesante, presentando delle sanzioni economiche e l’interruzione dei rapporti commerciali tra i due paesi. I risvolti di questa decisione hanno portato alla sospensione del flusso di importazione di alcuni prodotti di origine turca, così come la cancellazione delle rotte dei voli charter dalla Russia e viceversa. Allo stesso modo, è stato indicato agli operatori turistici di non offrire più i pacchetti turistici verso Ankara, Istanbul e gli altri territori facenti parte dello Stato in procinto di entrare all’interno dell’UE.

Infine, è stato raccomandato alle società russe di non assumere dipendenti provenienti dalla Turchia, lasciando “salvi” coloro che sono già impiegati sotto contratto. Tali decisioni hanno avuto effetto su tutti i livelli e in tutti i settori. Compreso, naturalmente, il calcio.

Attraverso le parole del Ministro dello Sport, Vitaly Mutko, intervenuto all’emittente radiofonica R-Sport, è stato vietato, per il prossimo calciomercato di Gennaio, alle squadre che militano nei campionati russi, compresa la Serie A (Russian Premier League), di poter ingaggiare giocatori turchi. La lega, in procinto di essere interrotta per la consueta pausa invernale, tuttavia, vanta un solo giocatore in una compagine russa, Goekdeniz Karadeniz, centrocampista del Rubin Kazan.

Ma Mutko sembra essere sicuro che altri giocatori turchi non parteciperanno, neanche in futuro, al torneo nazionale, facendo sembrare il tutto una minaccia velata.

La situazione tra Russia e Turchia sta assumendo connotati davvero pericolosi per gli equilibri mondiali, in un territorio situato ai confini delle zone più calde di questo periodo storico. Il calcio, e le decisioni ad esso connesse, rappresenta solo lo specchio di questo traballante momento in cui lo sport dovrebbe avere il solo ruolo di distrazione o svago, piuttosto che essere uno strumento per aumentare le tensioni.

social banner

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

1 Comment

1 Comment

  1. Pingback: La crisi Russia-Turchia sul campo di calcio: la t-shirt pro-Putin di Tarasov | Io Gioco Pulito

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Andrej Kanchelskis, storia di una sfortuna infinita Compie oggi 52 anni Andrej Kanchelskis, il calciatore russo arrivato in Italia per spaccare il mondo, finito...

Altri Sport

“La Guerra meno lo sparo”: la stroncatura dello Sport secondo George Orwell Il 21 gennaio 1950 moriva lo scrittore inglese Eric Arthur Blair, da tutti conosciuto...

Altri Sport

La poesia “sbagliata” di Miguel: storia del desaparecido che amava correre e sognare Dei trentamila desaparecidos che l’Argentina degli orrori ha strappato alla vita...

Altri Sport

Andrej Kuznecov, ricordo di una stella cadente È una notte come tante sull’autostrada A14. E come tante altre volte, il silenzio è rotto dal...

Calcio

Lev Yashin: storia dell’invincibile Ragno Nero Il 17 Dicembre 1963 Lev Yashin, fenomenale portiere russo, vinceva il Pallone d’Oro davanti a Gianni Rivera e...

Calcio

Luigi Burlando, il “ragazzo del ’99” che meravigliò l’Italia Il 12 Dicembre 1967 moriva Luigi Burlando, l’atleta italiano che rappresenta un unicum nel panorama...

Calcio

La partita nella piazza Rossa che decise il destino del calcio in Russia Quando si viene a Mosca non si può rinunciare ad una...

Calcio

Illustrazione di David Diehl Oleg Blokhin, l’oro dell’URSS Compie oggi 68 anni Oleg Blokhin, leggenda del calcio sovietico e pallone d’oro del 1975. Per...

Altri Sport

Le Olimpiadi della Guerra Fredda: Mike Eruzione e il Miracolo sul Ghiaccio Compie oggi 66 anni Mike Eruzione, un nome che qui in Italia...

Calcio

La Strage allo Stadio Lenin di Mosca e l’insabbiamento del regime Il 21 Ottobre 1982 allo Stadio Lenin di Mosca, durante una partita di...

Calcio

Predrag Pasic: una scuola calcio per resistere alla Guerra Compie oggi 62 anni Predrag Pasic, l’ex calciatore dell’ex Jugoslavia, che è voluto tornare in...

Calcio

Il viaggio di Javi Poves: la storia di un calciatore anti-sistema Ha compiuto da poco 34 anni Javi Poves, il talento spagnolo che a...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro