Quantcast
Connect with us

Cerca articoli

Inchieste & Focus

Il Cannibale nei guai: La Procura Belga indaga su Merckx per presunta corruzione

“In questo mondo di ladri, in questo mondo di eroi” intonava Antonello Venditti nel lontano 1998 a cavallo tra i processi in corso contro i ladri di Tangentopoli e le gesta di grandi eroi come Marco Pantani che in due mesi riusciva ad aggiudicarsi, ultimo nella storia, l’accoppiata Giro- Tour. Com’è andata a finire al Pirata purtroppo lo sappiamo, e il doppio filo doppio che lega i grandi del ciclismo alle vicende umane più svariate sembra non avere fine. Ora è Eddy Merckx, il cannibale, a finire nel mirino della magistratura belga per una presunta corruzione legata ad un’irregolare fornitura di biciclette alla polizia di Bruxelles e alla municipalità.

Storia vecchia relativa agli anni 2006-07 riemersa come un fulmine a ciel sereno nella vita travagliata del campione settantunenne, di recente visto sugli schermi del giro di mamma rai, colpevole secondo la procura belga di aver sfruttato delle informazioni riservate da un poliziotto, anche lui coinvolto nell’inchiesta, che avrebbero favorito la sua azienda dell’epoca, la Eddy Merckx Cycles, nell’ottenere l’appalto per la fornitura. In aggiunta il campione belga avrebbe ricompensato l’ufficiale corrotto scontandogli una bici in fibra di carbonio regalandone una alla moglie, accuse pesanti che se confermate porterebbero costare addirittura la reclusione al cannibale. Viene quasi da sorridere vista l’irrisorietà delle cifre in questione che si aggirerebbero intorno ai 15.000 euro, ma su argomenti del genere la magistratura belga è bel lontana da quella nostrana coinvolta in cialtronerie ben più copiose e un campione come Merckx ha dalla sua l’aggravante di essere uno il simboli viventi dello sport nazionale belga, che proprio in questi giorni ha riassaporato per qualche giorno il profumo sopito della maglia gialla grazie all’impresa d’altri tempi di Greg Van Avermaet. Merckx ovviamente non ha nulla da dire in proposito e attende gli sviluppi di un’inchiesta che contesta reati ben più gravi, il filone che lo riguarda è ben poca cosa a detta dello stesso Procuratore, quali le sospette forniture di veicoli e sistemi di sicurezza.

Le Immagini a doppio filo della vita dell’atleta Merckx lupo macchina da guerra trionfatore in 5 Giri, 5 Tour, 1 Vuelta, 7 Sanremo 3 Roubaix, 2 Fiandre, 5 Bastogne Liegi e potremmo continuare all’infinito, ci scorrono davanti accompagnandoci per mano in quella camera d’albergo di Savona dove nel 1969 l’agnello sacrificale giurava in lacrime di non aver mai assunto alcunché di dopante nonostante le controanalisi lo avessero inchiodato ed estromesso dalla corsa Rosa. Colpevole o innocente? Dopato o non dopato? Corrotto o non corrotto? In attesa dell’ennesimo referendum sulla sua vita consigliamo a Eddy un sano pellegrinaggio proprio nella nostra capitale al Santuario del Divino Amore dove è custodita dal 1975 una delle bici pluri-vincitrici da lui donata come ex-voto insieme a più disparati oggetti che i devoti del culto di Maria hanno affidato alla sua beata clemenza. In questo mondo di ladri, in questo mondo di eroi…

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Altri Sport

Matteotti e Bottecchia: il socialista e il ciclista e un tragico destino già scritto Il 10 giugno 1924 moriva, a soli 39 anni di...

Altri Sport

Le Origini del Giro: La storia della mitica Corsa Rosa Inizia domani alle ore 12 l’edizione 104 del Giro D’Italia, con partenza da Torino...

Altri Sport

Gino Bartali, il fascismo e quel Tour de France che “salvò” l’Italia Il 5 maggio 2000 ci lasciava Gino Bartali, leggenda del ciclismo italiano...

Altri Sport

Bradley Wiggins, una vita in fuga Compie oggi 41 anni Bradley Wiggins, l’ex ciclista inglese, la cui storia sembra uscita da una biografia di...

Altri Sport

A tu per tu con Paolo Bettini, il Grillo più veloce del mondo In questa pazza stagione agonistica, che si sta svolgendo rigidamente a...

Altri Sport

Le Origini della Parigi-Roubaix: Théodore Vienne e “quel progetto diabolico” Ieri si sarebbe dovuta disputare l’edizione 2021 della Parigi – Roubaix, una delle cinque...

Altri Sport

Le Origini del Giro delle Fiandre Si corre domani alle ore 10 l’edizione 2021 del Giro delle Fiandre, una delle Classiche Monumento del ciclismo....

Altri Sport

Cosa significa essere Gianni Mura Lo scorso 21 marzo è stata ricordata la scomparsa di Gianni Mura, maestro di giornalismo e non solo, che...

Altri Sport

La storia di Beñat Intxausti: Morto e risorto, sempre in bici Compie oggi 35 anni Beñat Intxausti, il ciclista la cui storia ci insegna...

Altri Sport

Milano – Sanremo: le origini del Mito Si corre domani l’edizione 2021 della Milano-Sanremo, una delle leggendarie classiche monumento. Per l’occasione vi raccontiamo le...

Altri Sport

Scandalo Festina: il doping piomba sul Tour de France 1998 L’oscurità dei pedali. Il ciclismo, disciplina favolosa ma al tempo stesso maledetta in talune...

Altri Sport

Velokhaya: i pedali d’oro dell’Accademia che toglie i bambini dalle strade del Sudafrica Khayelitsha. Sudafrica. Anno 2003. In pochi possono immaginare che la Velokhaya...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro