Quantcast
Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Il Calcio è anche questo

Sì, ok, è immorale. Il calcio. Pieno di gente che pensa solo ai soldi, il calcio. Di arrivisti senza scrupoli e di furbi. Chissà che cosa succede, nel calcio. Perchè dare una colpa e basta, additare e basta è facile. Ci si chiama fuori, si sta in disparte rispetto ad una marea di gente che chissà cosa ci trova, ah, dimenticavo, c’è la violenza, tanta violenza. Nel calcio. Sembra il non voler ammettere qualcosa spostando il problema. Però, ecco, però. Però poi scopri pagine di romanzo in giocatori insospettabili, gente capace di piangere e commuoversi, aiutare, esserci.
Giocatori che scappano dai riflettori, per fare in modo di poter aiutare senza che si sappia. Oppure che si sappia, che importa, tanto è sotto gli occhi di tutti. Lo è stato sotto gli occhi di tutti, il momento commovente che c’è stato a Barcellona. 7 agosto. Trofeo Gamper. I Blaugrana giocavano contro la Chapecoense, o meglio quello che pian piano si sta ricostruendo di una squadra che è stata squarciata dai morsi di un disastro aereo a Medellin, lo scorso novembre. I giocatori brasiliani sono scesi in campo con la maglia speciale, fatta di un fondo bianco e 71 stelle, 71 guardiani delle loro sorti, dal cielo dove si trovano, 71, le vittime di quella tragedia evitabilissima, bastava un pieno di benzina.
.
.
Ma il prima è stato da brividi, tre giocatori sopravvissuti sono scesi in campo per primi, Ruschel, che è anche tornato a giocare con la fascia di capitano, nonostante una lesione vertebrale, che al momento dell’applauso di uno stadio non ha trattenuto le lacrime, Ruschel che ha abbracciato Messi e gli ha chiesto la maglia. E se guardate la foto, quello che appare con più deferenza non è Ruschel, è Lionel che guarda basso, con rispetto. E poi loro due, gli autori del calcio d’inizio simbolico, Neto e il secondo portiere Jackson Follmann, che è sceso in campo in divisa. Perchè ha una protesi e non può giocare più come voleva, ma che non molla. Intanto è parte della squadra, perchè se qualcosa, di bello o atroce unisce, unisce per sempre, poi non vuole abbandonare il sogno e si impegnerà per giocare nella nazionale brasiliana paralimpica. Il portiere del Barcellona Ter Stegen gli ha promesso che vuole aiutarlo nella realizzazione del suo sogno, per una volta si para in due dalla stessa parte.
.
.
Un’ultima cosa, Il Barcellona ha devoluto metà dell’incasso alla “Chape”, ma si erano mobilitati anche molto prima, per dare una mano, quasi immediatamente dopo quel tragico giorno di novembre. Già, immorale, scandaloso, ormai in mano al dio denaro, questo calcio. Ma capace ancora di non morire, capace di raccontare storie di redenzione e resurrezione, sportiva e umana. Perchè non lo ammetteremo mai, ci fa male dirlo, ma è quanto di più vicino alla vita possa esserci, nasci e giochi a calcio per strada, ovunque e comunque tu sia. Perchè la vita è così, corrotta, sporca, inguardabile, poi vedi meglio e scorgi una bellezza struccata seducente e bellissima. E ci credi ancora. Ci. Credi. Ancora.

 

Ettore Zanca
A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facebook

Da non perdere

Altri Sport

I rivoluzionari dello Sport: Bill James, l’inventore dell’algoritmo vincente Il 17 giugno 2003 veniva pubblicato il libro “Moneyball” in cui l’autore Michael Lewis racconta...

Altri Sport

Stoccolma 1956: quelle Olimpiadi Australiane che si disputarono in Svezia Domenica 10 giugno 1956 allo Stockholm Stadium nell’omonima città di Stoccolma si svolse una...

Basket

Drazen Petrovic: poesia sospesa tra Mozart e Nietzsche Il 7 giugno 1993 ci lasciava Drazen Petrovic, uno dei migliori interpreti della pallacanestro mondiale. Una...

Calcio

Bianchi contro Neri, la partita “razzista” dove nessuno si sentì discriminato Estate 1979; West Midlands, più precisamente West Bromwich. La società di casa allo...

Calcio

Roberto Baggio: Genealogia del Divin Codino Sta avendo enorme successo il film da poco uscito su Netflix “Il Divin Codino”, dedicato alla vita di...

Calcio

La nascita della Coppa dei Campioni Si giocherà questa sera la finale di Champions League 2020-21 tra Manchester City e Chelsea. Per l’occasione vi...

Altri Sport

Nino Bibbia: storia di un fruttivendolo diventato Campione Olimpico Il 28 maggio 2013 moriva Nino Bibbia, il primo azzurro a conquistare un oro nei...

Web e Tecnologia

Da Playboy alla fibromialgia: Veronica Sofia porta sul web la sua battaglia Oggi raccontiamo la storia di Veronica Sofia, modella e scrittrice che ha...

Calcio

Lo Spirito di Eric Cantona Nel giorno in cui compie 55 anni, vi proponiamo il senso della vita secondo la leggenda del Manchester United,...

Motori

Ciao Nicky, il ragazzo normale che diventò Campione del Mondo Il 22 maggio 2017 ci lasciava Nicky Hayden, il campione del Mondo di Motociclismo,...

Motori

Come faccio a spiegarti cosa fosse Niki Lauda? Il 20 maggio 2019 ci lasciava Niki Lauda, la leggenda della Formula Uno. Il nostro tributo...

Calcio

L’ultima partita di Roberto Baggio Il 16 Maggio 2004 giocava l’ultima partita della sua carriera, Roberto Baggio. Uno dei giocatori più forti della storia...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro