Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Il Calcio è anche questo

Sì, ok, è immorale. Il calcio. Pieno di gente che pensa solo ai soldi, il calcio. Di arrivisti senza scrupoli e di furbi. Chissà che cosa succede, nel calcio. Perchè dare una colpa e basta, additare e basta è facile. Ci si chiama fuori, si sta in disparte rispetto ad una marea di gente che chissà cosa ci trova, ah, dimenticavo, c’è la violenza, tanta violenza. Nel calcio. Sembra il non voler ammettere qualcosa spostando il problema. Però, ecco, però. Però poi scopri pagine di romanzo in giocatori insospettabili, gente capace di piangere e commuoversi, aiutare, esserci.
Giocatori che scappano dai riflettori, per fare in modo di poter aiutare senza che si sappia. Oppure che si sappia, che importa, tanto è sotto gli occhi di tutti. Lo è stato sotto gli occhi di tutti, il momento commovente che c’è stato a Barcellona. 7 agosto. Trofeo Gamper. I Blaugrana giocavano contro la Chapecoense, o meglio quello che pian piano si sta ricostruendo di una squadra che è stata squarciata dai morsi di un disastro aereo a Medellin, lo scorso novembre. I giocatori brasiliani sono scesi in campo con la maglia speciale, fatta di un fondo bianco e 71 stelle, 71 guardiani delle loro sorti, dal cielo dove si trovano, 71, le vittime di quella tragedia evitabilissima, bastava un pieno di benzina.
.
.
Ma il prima è stato da brividi, tre giocatori sopravvissuti sono scesi in campo per primi, Ruschel, che è anche tornato a giocare con la fascia di capitano, nonostante una lesione vertebrale, che al momento dell’applauso di uno stadio non ha trattenuto le lacrime, Ruschel che ha abbracciato Messi e gli ha chiesto la maglia. E se guardate la foto, quello che appare con più deferenza non è Ruschel, è Lionel che guarda basso, con rispetto. E poi loro due, gli autori del calcio d’inizio simbolico, Neto e il secondo portiere Jackson Follmann, che è sceso in campo in divisa. Perchè ha una protesi e non può giocare più come voleva, ma che non molla. Intanto è parte della squadra, perchè se qualcosa, di bello o atroce unisce, unisce per sempre, poi non vuole abbandonare il sogno e si impegnerà per giocare nella nazionale brasiliana paralimpica. Il portiere del Barcellona Ter Stegen gli ha promesso che vuole aiutarlo nella realizzazione del suo sogno, per una volta si para in due dalla stessa parte.
.
.
Un’ultima cosa, Il Barcellona ha devoluto metà dell’incasso alla “Chape”, ma si erano mobilitati anche molto prima, per dare una mano, quasi immediatamente dopo quel tragico giorno di novembre. Già, immorale, scandaloso, ormai in mano al dio denaro, questo calcio. Ma capace ancora di non morire, capace di raccontare storie di redenzione e resurrezione, sportiva e umana. Perchè non lo ammetteremo mai, ci fa male dirlo, ma è quanto di più vicino alla vita possa esserci, nasci e giochi a calcio per strada, ovunque e comunque tu sia. Perchè la vita è così, corrotta, sporca, inguardabile, poi vedi meglio e scorgi una bellezza struccata seducente e bellissima. E ci credi ancora. Ci. Credi. Ancora.

 

Ettore Zanca
A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Lo monetina di Alemao e gli altri misteri del Campionato 1989-90 L’8 aprile 1990 durante la partita tra Atalanta e Napoli, il centrocampista brasiliano...

Motori

Jim Clark, l’amore al volante Il 7 aprile 1968 sul circuito di Hockenheim perde la vita in un tragico incidente Jim Clark, leggendario pilota...

Storie di Sport

Andrea Whitmore-Buchanan: se il destino è più infame anche del razzismo Il 6 aprile 1956 nasceva Andrea Whitmore Buchanan, la talentuosa tennista afroamericana che...

Altri Sport

Gelindo Bordin e l’impresa impossibile di Seul 1988 Compie oggi 62 anni  il maratoneta Gelindo Bordin, l’atleta che vinse un incredibile oro alle Olimpiadi...

Altri Sport

Jesse Owens: il nero che incantò Hitler Il 31 marzo 1980 nasceva Jesse Owens, leggendario corridore statunitense che alle Olimpiadi del 1936 nella Berlino...

Calcio

Il calcio ai tempi di Francisco Franco Il 28 Marzo 1939 finiva la Guerra Civile Spagnola, vedendo come vincitore Francisco Franco che instaura il...

Motori

Elio De Angelis, il pilota e il pianoforte Avrebbe compiuto oggi 63 anni Elio De Angelis, sfortunato pilota romano che ha perso la vita...

Calcio

Johan Cruijff, la dittatura argentina e il rifiuto ai Mondiali del ’78 Il 24 marzo 2016 Johan Cruijff, il Profeta del Goal, massimo interprete...

Calcio

Lev Yashin: storia dell’invincibile Ragno Nero Il 20 marzo 1990 moriva Lev Yashin, fenomenale portiere russo, unico estremo difensore a conquistare il Pallone d’oro....

Calcio

Caio Junior e il dono soprannaturale di essere padre Per la Festa del papà che si celebra oggi vi raccontiamo la vicenda di un...

Calcio

Oronzo Pugliese, il Mago di Turi di un calcio che non esiste più L’11 Marzo 1990 ci lasciava uno dei primi allenatori pugliesi saliti...

Calcio

Malafeev era un portiere Compie oggi 42 anni Vjačeslav Malafeev, ex calciatore dello Zenit San Pietroburgo. La sua storia è una lezione di vita...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro