Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Il calcio ai tempi di Francisco Franco

Il calcio ai tempi di Francisco Franco

Il 30 settembre 1936 la Spagna si svegliava sotto la dittatura di Francisco Franco nominato il giorno prima Generalísimo de los ejércitos de Tierra, Mar y Aire e capo di Stato, dando vita di fatto al suo regime militare che durerà fino al 1975, anno della sua morte. La storia della sua lunga dittatura nazionalista è legata anche al calcio e al suo rapporto con il Barcellona, simbolo dell’opposizione al Regime.

Se fosse vivo oggi, Hegel probabilmente direbbe che la sintesi del calcio è tutta qui. In questa sfida tra le due squadre che sono tra le più vecchie del pianeta ma sono anche le più titolate. Che in Spagna chiamano El Clasico, per ripetere a tutto il mondo che quando Barcellona e Real Madrid si incontrano, è come se il calcio mettesse davanti la tesi e l’antitesi. Non è solo una storia, tra i fenomeni delle due compagini, come quella ormai appartenente al passato tra Leo Messi e Cristiano Ronaldo. Come non è stata, andando ancora più indietro, una questione tra Diego Armando Maradona o Emilio Butragueno, o tra Zidane e Ronaldinho. I più grandi calciatori della storia del calcio ad eccezione di Pelè (e pochi altri) hanno vestito chi la maglia dell’una o chi la maglia dell’altra. In qualche caso, come quello di Ronaldo Nazario da Lima o Figo, entrambe.

Eppure la storia del Barcellona o del Real Madrid non è legata a questo o quel calciatore. E’ piuttosto la storia di due squadre che rappresentano due modi diversi di intendere il calcio. Che sono anche e prima di tutto due modi diversi di intendere la Spagna. Due popoli, con storia, tradizioni diverse. Due lingue diverse. Da una parte quella della casa reale, che è anche la lingua ufficiale del Paese, il castigliano; dall’altra il catalano, la lingua ufficiale della Catalogna, che a Madrid considerano alla stregua di un dialetto. E che nel 1923 fu addirittura bandito dal generale Miguel Primo de Rivera. Una rivalità che risale ai primi anni di storia dei due club. Che si alimenta negli anni della guerra civile spagnola e successivamente del “franchismo”.

Primo de Rivera odiava il Barca tanto quanto il suo successore Francisco Franco. Il quale, tifosissimo del Real Madrid (in principio tifava l’Atletico, salvo poi cambiare fede dopo la vittoria dei blancos in Coppa dei Campioni), vide nella Catalogna l’ultima roccaforte di chi si stava opponendo al suo colpo di Stato. Come racconta Franklin Foer nel suo libro “Come il calcio spiega il mondo” quando le truppe di Franco, una volta conquistato il potere, entrarono in città, “tra quelli da punire c’erano in ordine: i comunisti, gli anarchici, i separatisti e il Barcellona Football Club. A tal punto che quando il suo esercito lanciò l’offensiva finale bombardarono il palazzo dove erano custoditi i trofei del club”. Addirittura il regime spinse per cambiarne il nome imponendo una versione castigliana: da “Barcellona Football Club” in “Club de Futbol Barcelona”.

Ma negli anni del “franchismo” arriva anche una delle sconfitte più cocenti della storia del Barca. Nella finale della Coppa del Generalissimo del 1943 il Real Madrid (la squadra del regime) surclassa per 11-1 i rivali blaugrana. Un divario che in realtà non ci sarebbe mai stato. Se, come racconta lo stesso Foer nel suo libro, un funzionario di Franco, prima della partita non fosse andato negli spogliatoi del Barcellona a “ricordare” a molti giocatori del Barca di poter scendere in campo quel giorno soltanto “grazie alla generosità del regime” che aveva concesso l’amnistia anche a chi si era opposto al colpo di Stato. In Catalogna considerano ancora quella sconfitta come “un altro favore” al potere di Franco. Durante il quale la squadra di calcio (come anche l’economia della città stessa che beneficiò dei sussidi e delle tariffe imposti dalla dittatura) conobbe però e nonostante l’avversione del Generalissimo, uno dei periodi più vittoriosi della sua storia. Paragonabile soltanto al periodo più recente nel quale il Barca a partire dall’era Rijkaard in avanti (passando per Guardiola e finendo a Luis Enrique) è stata la squadra per anni riconosciuta per essere la migliore al mondo. Mes que un club come recita la scritta che campeggia sulle tribune del Camp Nou. Uno stadio che sostituì il “Les Corts” che Franco, a differenza del suo predecessore, Primo de Rivera, non volle mai radere al suolo. Per molti è sempre rimasto un mistero. Visto il suo odio nei confronti del Barcellona.

A cura di

Commenti

5 Comments

  1. io

    Aprile 6, 2016 at 4:20 pm

    il camp nou è stato costruito alla metà degli anni 50

  2. Salvatore

    Aprile 6, 2016 at 7:08 pm

    Franco è caduto nel 75. Quadra no?

  3. Domenico

    Aprile 6, 2016 at 9:32 pm

    Franco odiava il Real Madrid quasi quanto il Barcellona, visto che era la squadra della monarchia che lui aveva soppiantato, e favorì abbastanza nettamente l’Atletico Madrid, che era la squadra dei militari.
    Il Real fu favorito solo indirettamente, per le vessazioni contro il Barca.

  4. Saverio Gpallav

    Ottobre 13, 2017 at 5:09 pm

    a soppiantare la monarchia non fu Franco ma la repubblica, che a sua volta fu soppiantata da lui, che semmai la monarchia la ripristinò. Se odiava il Real non era certo perché fosse anti monarchico dato che fu lui ad aver rimesso i Borbone sul trono

  5. Pingback: Amedspor, quando una squadra curda spaventò Erdogan – Valerio Curcio

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

La Leggenda di Pelé che “ferma” la Guerra del Biafra in Nigeria Si è celebrata ieri la Giornata Mondiale della Pace Onu. Per l’occasione...

Calcio

L’Atlético Madrid ha usurpato l’identità dell’Athletic Bilbao? Oggi nella Liga spagnola si incontreranno Atletico Madrid e Athletic Bilbao, una delle sfide più antiche del...

Calcio

La promessa di Rafael Alkorta Testo: Ettore Zanca Illustrazione: Enrico Natoli Compie oggi 53 anni Rafael Alkorta, l’ex calciatore basco che in carriera ha...

Calcio

Carlos Caszely, il calciatore che sfidò Pinochet L’11 settembre 1973 in Cile, attraverso un golpe militare, prendeva il potere il generale e dittatore Augusto...

Calcio

Il viaggio di Javi Poves: la storia di un calciatore anti-sistema Ultimamente dal mondo del calcio potremmo aspettarci qualsiasi cosa: molti altri giocatori universalmente...

Calcio

L’India ai Mondiali del 1950: una storia da raccontare mai accaduta Il 16 luglio 1950 si chiudeva con la mitica finale tra Uruguay e...

Altri Sport

L’indipendenza basca e il ciclismo: Iban Mayo e la macchia arancione Compie oggi 44 anni Iban Mayo, l’ex ciclista spagnolo che con la sua...

Calcio

Jorge Carrascosa, il Lupo solitario /Quello che non ho, è una camicia bianca,  quello che non ho, è un segreto in banca  quello che...

Altri Sport

Werner Seelenbinder, il lottatore rosso Che cosa voleva dire essere un campione di lotta greco-romana comunista nella Germania nazista di Hitler? Ma soprattutto era...

Altri Sport

Barcellona 1936: le Olimpiadi Popolari dell’Utopia che non ci sono mai state Le Olimpiadi di solito, dalla loro prima edizione dell’era moderna ad Atene...

Calcio

Nel 2014 tocca al Brasile tornare a organizzare la fase finale della coppa del mondo. Tutto l’impegno del Paese è legato all’obiettivo di cancellare...

Calcio

Quando Messi stava per andare al Como Compie oggi 34 anni Leo Messi, il fenomeno argentino che in ogni sessione di mercato entra nei...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro