Connect with us

Cerca articoli

Calcio

IFAB: Come ti cambio il calcio con 10 nuove regole

[themoneytizer id=”27127-1″]

IFAB: Come ti cambio il calcio con 10 nuove regole

.
La 133esima assemblea dell’Ifab, l’organismo che codifica le regole del calcio ha fatto delle nuove modifiche per rendere il gioco più chiaro e il più possibile scevro da polemiche che entreranno in vigore dalla prossima stagione. Eccole:
.
1 – Il fallo di mano e la regola dell’orologio 
.
Resterà in vigore la discriminante della volontarietà ma sarà comunque fallo di mano anche se involontario qualora le braccia siano in posizione innaturale e cioè o sopra le spalle o molto distanti dalle ore 6 nella cosiddetta regola dell’orologio
.
2 – Cartellino giallo e rosso per i tecnici
.
Introduzione importante anche per i tecnici che al momento se troppo agitati in panchina vengono solamente allontanati senza certezza di venir squalificati nella gara successiva. Verrà introdotto un cartellino giallo e uno rosso anche per loro ed in caso di espulsione la squalifica minima per una giornata.
.
3  – Giocare la palla in area
.
Avete presente il goal annullato forse con eccesso di zelo dal VAR al Chievo ad opera di Giaccherini contro la Fiorentina perchè aveva un piede sulla linea dell’area di rigore mentre il portiere Lafont rinviava? Ecco dal prossimo anno non sarà più così perchè sarà possibile per i giocatori di movimento toccare la palla dentro l’area sul rinvio del portiere, possibilità valida sia per i difensori che per gli attaccanti avversari.
.
.
4 – Niente più disturbo in barriera
.
L’Ifab ha deciso che non sarà più possibile per la squadra che attacca inserire i propri giocatori in barriera con l’intento di disturbare. Essi infatti dovranno stare a minimo un metro in ogni direzione rispetto alla barriera
.
5 – Rigori e VAR
.
La regola attuale impone al portiere di muoversi liberamente rimanendo sempre sulla linea della porta. Dal prossimo anno dovrà mantenere un solo piede sulla stessa e non entrambi. In caso di trasgressione e parata del calcio di rigore, il VAR potrà far ripetere il rigore.
.
.
6 – Meno perdita di tempo nelle sostituzioni
.
Per perdere meno tempo i giocatori potranno uscire da qualunque parte del campo durante le sostituzioni. Ora è possibile solo dopo consenso dell’arbitro e per infortunio.
.
7 –  L’arbitro non è più parte del gioco
.
Quante volte abbiamo maledetto l’arbitro che non riuscendo ad evitare la sfera ha interrotto una trama offensiva della nostra squadra e lanciando all’opposto il contropiede avversario? Bene, non sarà più possibile perchè in caso di tocco del direttore di gara il gioco verrà fermato e si riprenderà con una palla a due. In area di rigore la palla andrà al portiere.
.
8 – Cartellini e vantaggio
.
Spesso la squadra che subisce il fallo vorrebbe battere veloce ma non può farlo perchè il direttore di gara ha estratto un cartellino e deve scrivere il nome del giocatore punito spezzando il ritmo e facendo di fatto riorganizzando la squadra avversaria. Dalla prossima stagione sarà possibile battere subito e poi ad azione ultimata, col gioco fermo, il fischietto recupererà il cartellino sospeso.
9 – Niente più palle a 2
Modifica collegata alla numero 7. Non ci sarà più contesa nella palla a due ma l’arbitro consegnerà la sfera ad una delle due squadre e gli avversari dovranno stare almeno a 4 metri di distanza.
.
10 – Niente più goal di mano
.
Non sarà più possibile convalidare un goal di mano anche se il pallone colpito prima con una parte del corpo lecita sbatte poi involontariamente contro il braccio e si insacca. Verrà annullato.
.

[themoneytizer id=”27127-28″]

Emanuele Sabatino
A cura di

Nato a Roma nel 1990, anno delle notti magiche. Ex giocatore di basket, nonostante gli studi in legge, dopo una lunga parentesi personale negli States, decide di seguire la sua passione per lo sport e per il giornalismo. Giornalista iscritto all'albo, da quattro anni vice caporedattore di GiocoPulito.it, speaker radiofonico a Tele Radio Stereo e co-conduttore a TeleRoma 56.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Dall’El Dorado ai Narcos: Inferno e Paradiso dei Millonarios di Bogotà Cinco y baile. Dopo il quinto gol, si balla. C’è stata una squadra...

Calcio

Matthias Sindelar, il patriota anti Hitler Il 23 Gennaio 1939 moriva in circostanze misteriose Matthias Sindelar, il fenomeno austriaco che con il suo gesto...

Calcio

Andrej Kanchelskis, storia di una sfortuna infinita Compie oggi 52 anni Andrej Kanchelskis, il calciatore russo arrivato in Italia per spaccare il mondo, finito...

Calcio

Rogerio Ceni, molto più che un portiere Quando si è piccoli e ci si affaccia per la prima volta al mondo del pallone, l’unico...

Altri Sport

“La Guerra meno lo sparo”: la stroncatura dello Sport secondo George Orwell Il 21 gennaio 1950 moriva lo scrittore inglese Eric Arthur Blair, da tutti conosciuto...

Calcio

Il Mistero Scaini: la triste storia di un ragazzo che non era Paolo Rossi Il 21 Gennaio 1983 se ne andava Enzo Scaini, il...

Calcio

Dino Viola, l’educatore Il 19 Gennaio 1991 moriva Dino Viola, indimenticabile presidente della Roma, che ha lasciato un segno indelebile nel cuore dei tifosi...

Calcio

Luciano Re Cecconi: il tragico destino di un giocatore che veniva dal futuro Il 18 Gennaio 1977 se ne andava Luciano Re Cecconi, iconico...

Calcio

La Tigre Arkan e un sogno chiamato Champions League Il 15 Gennaio del 2000 moriva Željko Ražnatović, meglio conosciuto come la Tigre Arkan, il...

Calcio

Calcio e corruzione: Gegio Gaggiotti e i suoi capolavori Il 16 gennaio 1924 nasceva Eugenio Gaggiotti, l’uomo che è considerato il “pioniere” delle combine...

Calcio

Mario Jardel e quei saluti calorosi sotto la curva sbagliata Con il calciomercato invernale nel vivo, riviviamo la storia di un bomber dal grande...

Calcio

Neve, Black out e colpi di pistola: i 5 episodi del Derby di Roma che (forse) non conoscete Il derby non è mai una...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro