Connect with us

Cerca articoli

Sport & Diritti

Ian Thorpe fa pace con sè stesso

A volte succede che qualcosa cambia. Qualcosa si blocca e ti porta a stare fermo. A non muoverti. È come un macigno dentro il petto. È così pesante che non vale la pena neanche spostarsi. Ti porta solo a lasciar perdere tutto. A mollare. Forse troppe pressioni. Forse troppi ostacoli. Troppe difficoltà a superare se stessi in questa sfida infinita. Ti ritrovi a mentire perché bisogna sempre nascondersi un po’ per poter apparire. Ecco quello che si è ritrovato a fare il nuotatore Ian Thorpe. Non riusciva ad ammettere la sua omosessualità. L’essere così insincero non giovava alla sua nuotata. Il nuoto ti rispecchia, è un tuo riflesso. Se stai male dentro, nuoti male. Ed ecco i problemi alla spalla, che dovrà operare nuovamente. Un anno difficile.

Il campione si è ritrovato ad essere depresso, a voler andarsene da questo mondo. L’uso di alcolici per alleviare il dolore e l’utilizzo di farmaci per combattere questa depressione lo hanno portato soltanto a sentirsi ancor più miserabile e solo. A sentirsi sempre più disagiato ed incompreso. Era pronta l’Australia ad un campione omosessuale? Ed i suoi amici? Ian è sempre stato bravo e bello. Sorridente. Non poteva deludere i suoi compagni di squadra, non doveva. Quindi bugie, la soluzione più facile.

Una maschera a denti scoperti sul viso ed il gioco era fatto. Ma solo all’apparenza. Perché dentro ne soffriva. Aveva quasi perso la sua identità ed i suoi punti di riferimento. Non sapeva più chi fosse. Come si può mirare ad un obiettivo o ad una meta se non si sa neppure chi si è realmente? Ma alla fine ce l’ha fatta. Alla fine Ian si è mostrato, si è scoperto, si è reso vulnerabile. Solo adesso è autentico, vero. Ha ammesso pubblicamente la sua omosessualità ad un talk show. Ha iniziato ad andare da uno psicologo per un maggior sostegno. Ha fatto finalmente pace con se stesso. Da adesso in poi Thorpe potrà salire su un altro podio, quello di tanti altri ragazzi che come lui hanno avuto il coraggio di andare contro i pregiudizi ed infondere così un messaggio forte di libertà personale.

FOTO: www.huffingtonpost.com

social banner

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Mario Jardel e quei saluti calorosi sotto la curva sbagliata Con il calciomercato nel vivo, riviviamo la storia di un bomber dal grande palmarès,...

Calcio

I fantasmi di Gary e Robert Avrebbe compiuto oggi 43 anni Robert Enke, il portiere tedesco la cui tragica storia lo accomuna ad un...

Calcio

Paolo Montero: perché i cattivi, poi così cattivi non sono mai Dedicato ai cattivi, che poi così cattivi non sono mai. Così recita una...

Altri Sport

Quando i Re del Rugby curarono le ferite della Grande Guerra Il 28 giugno 1919 veniva firmato il Trattato di Versailles che poneva fine...

Calcio

Omosessualità e Sport: nel calcio nessuno è “libero” di amare davvero Il 28 giugno di ogni anno si celebra il Gay Pride, la giornata...

Pugilato

La storia dell’australiano Les Darcy, una fiamma bruciata troppo in fretta James Leslie Darcy, detto “Les”, fu un pugile australiano di grande talento, i...

Altri Sport

Peter Norman: il bianco di quel podio a Messico 1968 Il 15 giugno 1942 nasceva a Melbourne Peter Norman, l’atleta australiano che alle Olimpiadi...

Altri Sport

State of Origin, la “guerra” che ferma l’Australia Se non ci fosse stato il Covid-19, oggi in Australia sarebbe partito quello che può essere...

Calcio

Per cucire il filo di una memoria basta un Ago Il 30 Maggio 1994 moriva Agostino Di Bartolomei, indimenticabile Capitano della Roma dello Scudetto,...

Altri Sport

Dutee Chand, l’atleta che corre per la libertà in India Il 19 Maggio 2019 la sprinter Dutee Chand  fa coming out, diventando la prima...

Calcio

Giornata Mondiale contro l’omofobia: Fasce e lacci arcobaleno, ma il Calcio resta ancora uno sport omofobo Il 17 maggio si celebra la Giornata Mondiale...

Calcio

[themoneytizer id=”27127-1″] Justin Fashanu, il fratello “sbagliato” Il 2 maggio 1998 si toglieva la vita Justin Fashanu, il primo calciatore professionista a fare coming...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro