/

I siti di scommesse abbracciano anche gli eventi di esports

Inizia la lettura
/
5 mins read

Come è noto, i siti di scommesse da diversi anni offrono la possibilità di piazzare puntate non solo sulle tradizionali discipline sportive (a partire da calcio, tennis, basket e automobilismo, protagonisti indiscussi del palinsesto) ma anche su eventi che di sportivo hanno poco o nulla. Si pensi alle sezioni di betting dedicate agli eventi politici (con quote che riguardano i partiti o i leader politici che competono alle elezioni) o alle manifestazioni musicali e ai programmi tv (in Italia si può scommettere sui cantanti del Festival di Sanremo o sui concorrenti di talent show come Amici e reality show come Il Grande Fratello). Una delle maggiori novità riguarda gli esports, con la possibilità di pronosticare sui vincitori delle competizioni di videogiochi di livello agonistico e professionistico.

I principali videogame ed eventi su cui scommettere

Ormai tutti i maggiori bookmaker nazionali e internazionali consentono le scommesse sugli sport elettronici. Come possono dimostrare le varie comparazioni disponibili online, ad esempio quella presente su Truffa.net, le scommesse riguardano popolari videogame come Starcraft 2, League of Legends (LoL), Hearthstone, Counter Strike: Global Offensive (CSGO), Heroes of the Storm, Defense of the Ancients 2 (Dota2). 

In cima alla lista vale la pena porre i celebri League of Legend (LoL), ma anche Fortnite (un gioco che in questi giorni affronta importanti aggiornamenti), Call of Duty o Rocket League. La lista è davvero lunga, come lungo è l’elenco degli eventi su cui si può scommettere. Tra i più famosi e seguiti certamente rientrano la Fortnite World Cup, l’Overwatch League e la League of Legends World Championship.

Le tipologie di scommessa

Proprio come avviene per partite di calcio, gioco al quale i giovani si approcciano in maniera diversa rispetto ai più grandi di età, o per una gara di Formula 1 o MotoGP, i bookmaker mettono a disposizione degli scommettitori varie opzioni su cui effettuare un pronostico. Non solo sul vincitore di una sfida o di un torneo. Per la League of Legends World Championship ad esempio, si può puntare sull’esito 1 o 2 di una battaglia ma anche sul risultato esatto al meglio delle 5 sfide: 3-0, 3-1, 3-2, 0-3, 1-3 o 2-3. In alcuni casi le scommesse sugli esport rientrano anche nelle sezioni live delle piattaforme di betting, con la possibilità quindi di piazzare il pronostico a gara in corso.

La storia e il boom degli esports in Italia

Di scommesse sugli esports si parla solo da qualche anno. Ma è che gli esports hanno iniziato a guadagnare popolarità in Italia come nel resto del mondo tra la fine degli anni ’90 e l’inizio degli anni 2000. L’interesse per il mondo degli sport elettronici e la partecipazione agli eventi tuttavia sono cresciuti in modo significativo nel corso degli anni 2010, grazie alla maggiore disponibilità di connessioni a banda larga e alla popolarità di giochi come League of Legends, Dota 2, Counter-Strike: Global Offensive e molti altri.

Per quel che concerne l’Italia, il panorama degli esports ha iniziato a strutturarsi più formalmente intorno al 2010, con la nascita di leghe e tornei organizzati a livello nazionale. Da allora, il paese ha visto una crescita costante sia in termini di giocatori professionisti che di spettatori, con eventi sempre più grandi e sponsorizzazioni di rilievo. Nel 2020 da un accordo tra GEC (Giochi Elettronici Competitivi) e ITeSPA (Italian e-Sports Association) nasce la FIDE (Federazione Italiana Discipline Elettroniche). Anche le istituzioni sportive tradizionali hanno iniziato a riconoscere gli esports, legittimando l’ingresso nel panorama sportivo italiano. Sempre nel 2020 il presidente del Coni Presidente del CONI Giovanni Malagò ha chiesto di procedere allo sviluppo di tutte le attività necessarie a portare al riconoscimento degli esport come disciplina sportiva. Qualche mese fa, lo scorso ottobre, alla Camera dei deputati l’Osservatorio Italiano esports ha presentato un libro bianco sugli sport elettronici e il gaming in Italia con le analisi di oltre 70 operatori del settore e proposte per arrivare a una crescita del settore. E il betting non resta a guardare.

Articoli recenti a cura di