Connect with us

Cerca articoli

Calcio

I ricavi record per i club di Premier League e il confronto impari con la Serie A

[themoneytizer id=”27127-1″]

I ricavi record per i club di Premier League e il confronto impari con la Serie A

Il divario economico tra i due campionati è enorme: anche i ricavi dell’ultima classificata della Premier League sono impressionanti.

Ammonta a circa 93,6 milioni di sterline (che equivalgono a 106 milioni di euro) il ricavo dell’Huddersfield Town, ultima classificata nella Premier League 2018/2019. E’ un dato che rispecchia la colossale sproporzione tra il campionato inglese la Serie A, un divario che scaturisce da molteplici ragioni come ad esempio l’annoso problema di stadi obsoleti. Il Daily Mail ha recentemente pubblicato una tabella in cui figurano tutti i ricavi dei club di Premier League a campionato concluso. Sono numeri emblematici di un torneo che genera un vortice di soldi smisurato. Tutte le società che partecipano alla Premier League hanno avuto diritto a un premio di 79,4 milioni di sterline.

Ragguardevole anche la differenza relativa ai premi per i piazzamenti tra la Serie A e la Premier League. La Juventus campione d’Italia percepirà circa 16,4 milioni di euro contro i 38,6 milioni di sterline del Manchester City. Si tratta più o meno della stessa proporzione impietosa con le ultime in classifica: il Chievo prenderà 800 mila euro mentre il premio per l’Huddersfield sfiora i 2 milioni di sterline. Il criterio della ripartizione dei premi in base ai piazzamenti è stato recentemente modificato. La nuova legge Melandri  prevede che dei 1,150 miliardi totali, la fetta di soldi da dividere equamente tra tutte le società salirà infatti al 50% (fino alla scorsa stagione era al 40%) della passata stagione. E’ aumentata anche la percentuale del premio collegato al posizionamento in campionato, che dal 5% passa al 15%, mentre diminuiscono le quote elargite in base alla storia del club  (da 10% a 5%) e all’ultimo quinquennio (da 15% a 10%).

La mini riforma mira a favorire i club più piccoli, un obiettivo che si evince anche dalla diminuzione (dal 30% al 20%) della quota economica derivante dal numero di tifosi e destinata alle società. Ad ogni modo storia del club e tifoseria costituiscono ancora un elemento rilevante perché Inter e Milan, nonostante gli ultimi risultati sportivi non eccezionali, sono le squadre con l’incasso più alto dopo la Juventus (quarto il Napoli, quinta la Roma davanti alla Lazio). Il congruo gap tra Premier League e Serie A si amplia se si considerasse la previsione di Richard Masters, l’amministratore delegato ad interim della Premier League: il dato riportato dal Financial Times quantifica in 1,6 miliardi a stagione per 3 anni (fino al 2022) l’incasso derivante dai diritti televisivi esteri per il campionato inglese, circa il quadruplo rispetto alla cifra che otterrà la Serie A.

Insomma, come quanto detto in un articolo precedente, se vi domandate come mai 4 inglesi sono in finale di Champions e Europa League, la risposta è nei dati che vi abbiamo appena dato.

[themoneytizer id=”27127-28″]

A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Viv Anderson, il primo Leone nero della Storia d’Inghilterra Il 29 Luglio 1956 nasceva Viv Anderson, il calciatore rimasto nella storia dello Sport per...

Calcio

Serie A: il prossimo anno sarà un campionato equilibrato? Il pallone non si ferma. Con la sbornia della vittoria agli Europei ancora da smaltire...

Calcio

Giacinto Facchetti: Tre, come Treviglio Tra i tanti primati del calcio italiano, ce n’è uno, sempre passibile di aggiornamenti, incrociando le dita, che gli...

Calcio

Le meteore della Serie A: Adrian Pit, 41 minuti per entrare nella storia della Roma Compie oggi 38 anni Adrian Pit, l’esterno romeno che...

Calcio

DeFoe e Bradley sulla pelle e nel cuore, per sempre Essere personaggi pubblici per qualcuno comporta un vestito di vanità cucito da sarti spocchiosi....

Calcio

Sport Criminale: quando gli atleti sono vittime di agguati Quando parliamo di giocatori vittime di agguati non possiamo non cominciare da quello che, purtroppo,...

Calcio

Chiedi chi era Masinga Il nostro tributo a Phil Masinga, simbolo dei Bafana Bafana, scomparso 2 anni fa, che oggi avrebbe compiuto 52 anni....

Calcio

Pierino Prati, il mestiere di far goal Il 22 giugno 2020 ci lasciava Pierino Prati, l’attaccante del Milan e della Roma, campione d’Europa con...

Calcio

Manu Chao, la passione per il calcio con il Genoa nel cuore Il 21 giugno 1961 nasceva, nella città di Parigi, José Manuel Arturo...

Calcio

Mario Corso, il poeta maledetto del calcio italiano Il 20 giugno 2020 ci salutava Mario Corso, il funambolo dell’Inter, soprannominato “Mandrake” per le sue...

Calcio

Mauro Tassotti, il Djalma Santos bianco “Puoi togliere il ragazzo dal ghetto ma non il ghetto dal ragazzo”, dice Zlatan Ibrahimovic. Potremmo portare questa...

Calcio

Bianchi contro Neri, la partita “razzista” dove nessuno si sentì discriminato Estate 1979; West Midlands, più precisamente West Bromwich. La società di casa allo...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro