Connect with us

Cerca articoli

Inchieste & Focus

I nostri figli non volano più

Ai più sembrerà folle quello che sto per scrivere, ma non lo è affatto. Riflettete bene e vedrete che c’è tanta, tantissima verità.
L’attentato di Monaco e la notizia del bambino di 10 anni – silurato con una lettera dalla propria scuola calcio -, sono facce della stessa medaglia. Oggigiorno, nel “meraviglioso” mondo in cui vivono gli adolescenti, c’è un infinito bisogno d’essere competitivi; sin da quando sono piccolissimi è così. Ragion per cui: Se non superi il tuo amichetto, se non sei più bravo di lui, se non gli fai le scarpe rischi di vederti recapitata a domicilio una “bella” lettera di licenziamento (che orrore..), dove ti viene comunicato – senza troppi giri di parole – che non vali nulla, che non fai parte di quell’élite lì e che sei definitivamente scartato dal “mondo che conta”.

Un bimbo di 10 anni non capisce l’emarginazione, non la comprende proprio. Soprattutto perché è ancora piccolo e indifeso. Che ne sa lui delle scorciatoie in ogni dove, della volontà dei grandi di sfruttare tutte le singole occasioni. Che ne sa un bimbo di 10 anni. E così, si costruiscono “sfigati di primo pelo”, rifiutati e numeri zero che sopravvivono all’interno di un pessimo sistema educativo; soldatini da arruolare nell’esercito dei disillusi.

Cos’è la lettera di quella scuola calcio, se non “bullismo”? Attentato di Monaco e scuole (scuole?) calcio che attuano queste scellerate politiche – ne esistono tantissime in Italia (!), sono la stessa e identica cosa. Paradossale, ma è così! Sì, perché rappresentano, oramai, una quotidianità del “campare per buggerare l’altro”, all’interno di un sistema in cui v’è una totale assenza delle libertà dell’individuo, specialmente quelle di un bambino. Indifferenza. Arroganza. Esse sono,“semplicemente”, la mancanza di rispetto verso il diritto alla spensieratezza dei più piccini. E un’anima sensibile, poi, cosa fa? Ve lo siete mai chiesto? Stanno abituando le nuove generazioni – e noi ne siamo (in)consapevolmente complici – al disgraziato detto “morte tua, vita mia”, cancellando dal libro dei sogni parole quali divertimento e leggerezza, altruismo e solidarietà.

L’attentatore di Monaco – 18 anni appena – non è stato cullato, né accarezzato. Anzi, casomai è successo proprio l’esatto contrario. La sua rabbia, poi, l’ha voluta far pagare al mondo; lo stesso mondo che, per anni, lo ha preso in giro per poi emarginarlo. Un mondo – quello dei due adolescenti di cui sopra -, costruito solo ed esclusivamente per l’insensato e ottuso comodo dei grandi – dai grandi -, attenti unicamente al guadagno e al potere. Due facce figlie della stessa medaglia. La freddezza asettica, in ambedue i casi, è sconcertante. Le ali dei bambini non esistono più perché si è persa di vista la fiaba che li fa volare..

A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

1 Comment

1 Comment

  1. viktor

    Luglio 30, 2016 at 8:41 am

    è vero, siamo tutti arrabbiati, ci hanno detto per anni di studiare, di comportarci bene e di lavorare duro, e poi abbiamo scoperto che erano tutte balle. come non essere arrabbiati dopo tutto questo? anni di sacrifici per ritrovarci senza speranze, vivendo alla giornata, sperando che un pazzo non decida di entrarci in casa o di farci saltare per aria, che un giudice non faccia uno scambio di persona o che una multa mai arrivata diventi fonte di rovina. sì, siamo tutti arrabbiati, tanto, e prima o poi qualcuno ne pagherà le spese, colpevole o meno, purtroppo….

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Predrag Pasic: una scuola calcio per resistere alla Guerra Compie oggi 63 anni Predrag Pasic, l’ex calciatore dell’ex Jugoslavia, che è voluto tornare in...

Calcio

Giornata mondiale del Gioco: La “Sindrome di Ronaldo” Domani 28 maggio si celebrerà la Giornata mondiale del Gioco. Qualcosa che andrebbe ricordato anche mentre...

Sport & Diritti

SAFE: Info day 4- Al via il 4° Webinar circa “Le problematiche psicologiche legate all’abuso nello sport e il fenomeno del bullismo nello sport”,...

Calcio

Jamie Vardy e i gradini sui quali riflettere Compie oggi 34 anni Jamie Vardy, il bomber del Leicester, la cui storia ci ha insegnato...

Calcio

Global Compact e Sport: Rifugiati FC, l’Altra Faccia (Sportiva) dell’America L’Assemblea Onu ha votato a favore della risoluzione “Global Compact sui Rifugiati” (differente dal...

Calcio

Quando ti invitano alla consegna di un Premio ci vai spesso se in quel momento della giornata non hai particolari impegni e se la...

Calcio

“Io Speriamo che me la cavo”. La top 11 dei Calciatori-Dottori “Gli sponsor necessitano di elementi validi e capaci di imporsi non solo sul campo....

Calcio

“C’è un cuore grande sorridente, c’è la lettera “I” di Insuperabili. Io in questa opera c’ho visto un supereroe”. Massimo Sirelli descrive così la...

Calcio

Nel mondo calcistico moderno essere social vale più di un 7 in pagella a fine partita. E dal campo passare alla rete (quella di...

INSUPERABILI

Un Fumetto per raccontare una grande e bella storia. E’ quello che è stato fatto per raccontare l’avventura degli “Insuperabili”. Non è il solito...

INSUPERABILI

Dopo Giorgio Chiellini, un altro grande campione dello Sport italiano sposa la causa degli “Insuperabili”. Questa volta è il turno del più grande centauro...

Calcio

“AMMETTO LA SCONFITTA E LE MIE DIVERSE QUALITA’, NON ME NE VERGOGNO. MI VERGOGNEREI SOLO DI NON COMBATTERE E PROVARCI CON TUTTO ME STESSO”:...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro