Connect with us

Cerca articoli

Calcio

I Mental Coach nel Calcio: Chi sono e che cosa fanno

Da Andrea Ranocchia ad Andrea Petagna, da Leonardo Bonucci a Riccardo Saponara, da Mattia De Sciglio ad Alberto Paloschi a Leonardo Pavoletti. Calciatori decisamente importanti, grazie ai quali qualunque club potrebbe ambire ai primi posti della classifica, accumunati però dalla volontà – perché di questo si tratta – di voler “allenare” la mente oltre che il fisico. Affidandosi ad un mental coach. Tra i casi più recenti c’è proprio quello di Ranocchia, che ammette: “Da alcuni mesi vado in un centro in cui mi seguono dal punto di vista fisico e psicologico. È lì che tiro di boxe, per esempio. E poi c’è una persona con cui parlo. Non è uno psicologo. È laureato in fisioterapia ma è anche esperto di mental training”. Il riferimento è a un programma articolato di allenamento psicologico, costituito da differenti aree tematiche selezionate in base alla specificità della disciplina sportiva, alle finalità da raggiungere e alle caratteristiche della personalità del singolo atleta. Una “tabella” che il difensore dell’Inter sta portando avanti grazie all’aiuto di Stefano Tirelli, ideatore e fondatore delle tecniche complementari sportive di cui è anche docente presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano.

stefano-tirelli

Ed è stato lo stesso Tirelli – che ha lavorato su David Beckham, Steven Gerrard, John Terry, Michael Essien – a ricordare l’incipit del lavoro svolto, invece, con l’esterno del Milan De Sciglio: “Al nostro primo incontro Mattia aveva gli occhi spenti. Non era depresso, ma a un passo dalla depressione sì. Soffriva per le critiche dei tifosi e della stampa, era tormentato dagli infortuni. Si sentiva in colpa se usciva la sera per una pizza con la fidanzata”. E ancora: “Suo padre Luca mi disse: A noi genitori il Mattia calciatore interessa relativamente. A noi preme il Mattia figlio, gli restituisca il sorriso e saremo contenti”. Da un difensore della nazionale ad un altro, Bonucci, che per sette anni ha lavorato con il mental coach Alberto Ferrarini, il quale – fin dai tempi del Treviso – gli faceva mangiare caramelle all’aglio “come i soldati dell’antichità”. Con una convinzione: “Voglio che la maglia di Leo a fine partita sia sporca di sudore, fango, erba. E sangue, se serve”.

alberto_ferrarini_bonucci_insultato_preso_pugni

Occorre precisare che, fortunatamente, stiamo parlando di problematiche risolvibili: sempre più spesso, infatti, i calciatori cercano supporto soltanto per rendere di più sul terreno di gioco, come spiega Roberto Civitarese – autore del libro “Gioco di testa”, un vero e proprio manuale su come allenare la mente per primeggiare nel calcio – che lavora con numerosi giocatori della massima serie (tra i quali i già citati Paloschi, Saponara, Petagna e Pavoletti): “Fissiamo un obiettivo sull’atleta e ci concentriamo su ciò che bisogna cambiare per ottenerlo. Il calcio è anche una questione di testa, oltre che di piedi e muscoli.”. E, in merito all’importanza della motivazione, si rifà ad una frase che era solito ripetere Arrigo Sacchi: “Una 500 con il serbatoio pieno batterà sempre una Ferrari senza una goccia di benzina”.

????????????????????????????????????

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Chapecoense 4 anni dopo: storia di un sogno rimasto in bianco e nero Il 28 Novembre 2016 l’aereo con a bordo la squadra brasiliana...

Calcio

Guido Masetti, “primo portiere”, oggi più di ieri Il 27 novembre 1993 ci salutava Guido Masetti, storico portiere della protagonista del primo scudetto giallorosso....

Calcio

Dieci e non più dieci Germogliano i fiori, in mezzo ai rifiuti,  Per ogni rimbalzo che resta immacolato; Tra terra battuta, tra il fango e...

Calcio

Il calcio secondo Bernardo Bertolucci Il 26 novembre 2018 ci lasciava, all’età di 77 anni, Bernardo Bertolucci, il regista parmigiano, autore di alcuni capolavori...

Integratori

7 integratori necessari per una dieta vegana  Una preoccupazione comune delle diete vegane è se forniscono al tuo corpo tutte le vitamine e i...

Calcio

Last United: l’ultima volta di George Best Il 25 novembre 2005 ci lasciava George Best, uno dei più grandi giocatori della storia del calcio,...

Calcio

Non sono andato a letto presto: Vita e Assist di Gianfranco Zigoni Compie oggi 76 anni Gianfranco Zigoni, iconico calciatore anni 70, capace di...

Calcio

Didi, il calcio in due sillabe – Per Didi giocare a calcio è come sbucciare un’arancia. – Pelé  Nella favela di Campos, alle porte...

Calcio

Se per un colpo di testa rischi la vita: il calcio e i problemi legati alla neurodegenerazione E’ tornato d’attualità un tema spinoso che...

Calcio

Lo monetina di Alemao e gli altri misteri del Campionato 1989-90 In occasione dei 59 anni compiuti oggi da Ricardo Alemao, l’ex centrocampista brasiliano...

Calcio

Il “Best friulano”: Ezio Vendrame, la mezzala che sarebbe diventata un poeta Avrebbe compiuto ieri 73 anni un giocatore unico nel suo genere, dentro...

Calcio

Tòth e Kertész, gli eroi ungheresi più forti delle deportazioni naziste Il 21 novembre 1894 nasceva a Budapest Géza Kertész, il calciatore e allenatore...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro