Quantcast
Connect with us

Cerca articoli

Calcio

I Mental Coach nel Calcio: Chi sono e che cosa fanno

Da Andrea Ranocchia ad Andrea Petagna, da Leonardo Bonucci a Riccardo Saponara, da Mattia De Sciglio ad Alberto Paloschi a Leonardo Pavoletti. Calciatori decisamente importanti, grazie ai quali qualunque club potrebbe ambire ai primi posti della classifica, accumunati però dalla volontà – perché di questo si tratta – di voler “allenare” la mente oltre che il fisico. Affidandosi ad un mental coach. Tra i casi più recenti c’è proprio quello di Ranocchia, che ammette: “Da alcuni mesi vado in un centro in cui mi seguono dal punto di vista fisico e psicologico. È lì che tiro di boxe, per esempio. E poi c’è una persona con cui parlo. Non è uno psicologo. È laureato in fisioterapia ma è anche esperto di mental training”. Il riferimento è a un programma articolato di allenamento psicologico, costituito da differenti aree tematiche selezionate in base alla specificità della disciplina sportiva, alle finalità da raggiungere e alle caratteristiche della personalità del singolo atleta. Una “tabella” che il difensore dell’Inter sta portando avanti grazie all’aiuto di Stefano Tirelli, ideatore e fondatore delle tecniche complementari sportive di cui è anche docente presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano.

stefano-tirelli

Ed è stato lo stesso Tirelli – che ha lavorato su David Beckham, Steven Gerrard, John Terry, Michael Essien – a ricordare l’incipit del lavoro svolto, invece, con l’esterno del Milan De Sciglio: “Al nostro primo incontro Mattia aveva gli occhi spenti. Non era depresso, ma a un passo dalla depressione sì. Soffriva per le critiche dei tifosi e della stampa, era tormentato dagli infortuni. Si sentiva in colpa se usciva la sera per una pizza con la fidanzata”. E ancora: “Suo padre Luca mi disse: A noi genitori il Mattia calciatore interessa relativamente. A noi preme il Mattia figlio, gli restituisca il sorriso e saremo contenti”. Da un difensore della nazionale ad un altro, Bonucci, che per sette anni ha lavorato con il mental coach Alberto Ferrarini, il quale – fin dai tempi del Treviso – gli faceva mangiare caramelle all’aglio “come i soldati dell’antichità”. Con una convinzione: “Voglio che la maglia di Leo a fine partita sia sporca di sudore, fango, erba. E sangue, se serve”.

alberto_ferrarini_bonucci_insultato_preso_pugni

Occorre precisare che, fortunatamente, stiamo parlando di problematiche risolvibili: sempre più spesso, infatti, i calciatori cercano supporto soltanto per rendere di più sul terreno di gioco, come spiega Roberto Civitarese – autore del libro “Gioco di testa”, un vero e proprio manuale su come allenare la mente per primeggiare nel calcio – che lavora con numerosi giocatori della massima serie (tra i quali i già citati Paloschi, Saponara, Petagna e Pavoletti): “Fissiamo un obiettivo sull’atleta e ci concentriamo su ciò che bisogna cambiare per ottenerlo. Il calcio è anche una questione di testa, oltre che di piedi e muscoli.”. E, in merito all’importanza della motivazione, si rifà ad una frase che era solito ripetere Arrigo Sacchi: “Una 500 con il serbatoio pieno batterà sempre una Ferrari senza una goccia di benzina”.

????????????????????????????????????

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facebook

Da non perdere

Calcio

Il 21 giugno 1970 il Brasile dei fenomeni si impone sull’Italia, conquistando e portandosi a casa la Coppa Rimet. Riviviamo i fatti più salienti...

Calcio

Manu Chao, la passione per il calcio con il Genoa nel cuore Il 21 giugno 1961 nasceva, nella città di Parigi, José Manuel Arturo...

Calcio

Muro di Berlino: Dirk Schlegel e Falko Götz, i due talenti della Germania Est fuggiti dalla Stasi Compie oggi 60 anni Dirk Schlegel, il...

Calcio

Aye, Mr President! – Quando Donald Trump stava per irrompere nel mondo del Calcio Compie oggi 75 anni Donald Trump, il magnate americano divenuto...

Calcio

Albino United: la squadra di calcio che combatte la stregoneria e la strage di innocenti in Africa Il 13 giugno di ogni anno ricorre...

Calcio

Mauro Tassotti, il Djalma Santos bianco “Puoi togliere il ragazzo dal ghetto ma non il ghetto dal ragazzo”, dice Zlatan Ibrahimovic. Potremmo portare questa...

Calcio

Kim Vilfort, il meno importante dei miracoli – Lieve è il dolore che parla. Il grande, è muto –  Seneca I sopravvissuti non sono...

Calcio

31 anni da Italia 1990, le Notti Magiche e il trionfo dell’ultima Germania divisa L’8 giugno di 31 anni fa iniziavano i Mondiali di...

Calcio

Il Campionato Romano di Guerra: il calcio a Roma durante e dopo l’occupazione nazista Il 5 giugno 1944 a Roma si respirava un’aria nuova...

Calcio

Giornata Mondiale dell’Ambiente: Come il Calcio si sta muovendo per difendere la salute del pianeta Nel giorno in cui si celebra la Giornata Mondiale...

Calcio

4 giugno 1944, Roma Liberata: i destini incrociati di Attilio Ferraris IV e Bruno Buozzi Il 4 giugno 1944 terminava, dopo quasi nove mesi,...

Calcio

Emigrante Fútbol Club: 4 squadre fondate da italiani in Argentina Il 3 Giugno si festeggia la Giornata Nazionale dell’Emigrante italiano in Argentina. Per l’occasione...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro