Quantcast
Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Helmut Haller: il giocoliere teutonico

Helmut Haller: il giocoliere teutonico

Il biondone di Augusta. Helmut Haller: un teutonico consacrato in Italia. Lo stivale è diventato presto casa sua. Lui, sorridente e spensierato al cospetto dell’esistenza, non ci ha mai dimenticato.

In quell’angolo della Baviera Helmut nasce, cresce e corre sul prato verde. Nel vivaio dal ’48 al ’57 e, successivamente, tra i grandi dal ’57 al ’62. Le sue geometrie, utilizzando indifferentemente il destro e il sinistro, esaltano il pubblico locale e drizzano le antenne ai top club di mezza Europa.

Dalle nostre parti si muove prima di tutti il Bologna, con il patron Renato Dall’Ara pronto a fare carte false per portare il talento all’ombra delle Due Torri.

Il tedesco dona regali da scartare a cecchini d’area del calibro di Nielsen e Pascutti. Il gioco è fatto: Fulvio Bernardini porta la truppa al trionfo dello scudetto il 7 giugno 1964 nello spareggio all’Olimpico contro l’Inter del mago Herrera. Bulgarelli a comandare le trame rossoblu e Tumburus a misurare la tenuta in trincea.

Il Sessantotto scuote i pensieri della collettività. Haller prende parte alla sua personale rivoluzione salutando l’Emilia. Torino, sponda bianconera, è il nuovo approdo. La Juventus deve e vuole ritrovarsi dopo una quantità insolita di stagioni anonime. L’epoca gloriosa di Sivori e Charles è ormai un miraggio. Si affaccia una generazione di fenomeni in rampa di lancio che comprende Benedetti e Pietro Anastasi.

Il fantasista teutonico è l’elemento in grado di fare la differenza. Saranno necessarie però ben quattro annate prima di vedere lo scudetto tornare al Comunale. Carmignani, Morini, Spinosi, Capello, Causio, Cuccureddu, Furino, Anastasi e Bettega con l’unico straniero in sella: Helmut Haller.

Vycpalek, zio di Zeman, è un mister rude ma al tempo stesso affettuoso.

Helmut, nel periodo in Piemonte, non disdegna piacevoli distrazioni tra donne e qualche alcolico messo lì ad impreziosire il contesto. Heriberto Herrera, trainer bianconero dal 1964 al 1971, non sopporta tali perdizioni. Il tira e molla non durerà molto, con l’allenatore paraguaiano costretto a passare la mano per disperazione. Il suo ‘movimiento’ fa letteralmente a cazzotti con i ritmi blandi del biondo sulla trequarti.

La luna di miele di Haller alla Juventus si prolunga fino all’estate del 1973. Giusto il tempo di replicare lo scudetto. Boniperti lo lascia partire con una carezza per chi ha dato tanto alla causa della Vecchia Signora. Peccato solo per le battute d’arresto nelle due finali di Coppa delle Fiere e di Coppa dei Campioni contro Leeds e Ajax.

Nel mezzo tanta Nazionale. Nel Mondiale inglese del ’66 sigla il goal d’apertura nell’epica finale, vinta poi dai padroni di casa. Quattro anni dopo, in Messico, osserva dalla panchina il 4-3 senza freni tra Germania e Italia in semifinale. Sempre un pezzettino per completare il puzzle.

Il ritorno in patria è un’operazione nostalgia in piena regola. Poker di annate con la casacca dell’Augusta, ed una parentesi alla corte dello Schwenningen. Al tramonto degli anni settanta il congedo dal rettangolo verde.

L’11 ottobre del 2012 il cuore gli volta le spalle a 73 anni. Helmut Haller: il giocoliere teutonico.

Facebook

Da non perdere

Motori

Elio De Angelis, il pilota e il pianoforte Il nostro tributo dedicato a Elio De Angelis, sfortunato pilota romano che ha perso la vita...

Pugilato

Bosisio e Mascena: due pugili, due destini opposti Il 15 maggio 1905 nasceva Pietro Mascena, il pugile la cui storia si intreccia incredibilmente con...

Calcio

St. Pauli: i Pirati tedeschi che giocano contro l’odio Il 15 Maggio 1910 ad Amburgo nasceva un club che si è reso famoso negli...

Calcio

Neve, Black out e colpi di pistola: i 5 episodi del Derby di Roma che (forse) non conoscete Il derby non è mai una...

Pugilato

Max Schmeling contro Joe Louis: Terzo Reich contro Stati Uniti  Il 13 maggio 1914 nasceva Joe Louis, il pugile americano che con Max Schemling...

Calcio

Il senso di Lukaku per la vita Compie oggi 28 anni Romelu Lukaku, il colosso belga dell’Inter. Le sue battaglie in campo sono lo...

Calcio

Didi, il calcio in due sillabe Il 12 maggio 2001 moriva, a Rio de Janeiro, Valdir Pereira, meglio noto con lo pseudonimo Didi, uno...

Altri Sport

Jonah Lomu, più forte del suo destino Il 12 maggio 1975 nasceva, nella città neozelandese di Auckland, Siona Tali “Jonah” Lomu, da tutti conosciuto...

Calcio

Ebrima Darboe, il sogno di una cosa – E poi, e poi Gente viene qui e ti dice Di saper gia’ Ogni legge delle...

Calcio

Bob Marley: il Reggae nella mente, il Calcio nel cuore L’11 maggio 1981 moriva il leggendario cantante reggae Robert Nesta Marley. Da tutti conosciuto...

Altri Sport

A tu per tu con Agostino Abbagnale, la Leggenda oltre il destino Buone notizie dal canottaggio azzurro che ha concluso gli Europei di aprile...

Altri Sport

Jonathan Edwards, il Gabbiano che non volava di domenica Compie oggi 55 anni Jonathan Edwards, l’uomo volante del salto triplo inglese. Vi raccontiamo la...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro