Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Helmut Haller: il giocoliere teutonico

Helmut Haller: il giocoliere teutonico

Il biondone di Augusta. Helmut Haller: un teutonico consacrato in Italia. Lo stivale è diventato presto casa sua. Lui, sorridente e spensierato al cospetto dell’esistenza, non ci ha mai dimenticato.

In quell’angolo della Baviera Helmut nasce, cresce e corre sul prato verde. Nel vivaio dal ’48 al ’57 e, successivamente, tra i grandi dal ’57 al ’62. Le sue geometrie, utilizzando indifferentemente il destro e il sinistro, esaltano il pubblico locale e drizzano le antenne ai top club di mezza Europa.

Dalle nostre parti si muove prima di tutti il Bologna, con il patron Renato Dall’Ara pronto a fare carte false per portare il talento all’ombra delle Due Torri.

Il tedesco dona regali da scartare a cecchini d’area del calibro di Nielsen e Pascutti. Il gioco è fatto: Fulvio Bernardini porta la truppa al trionfo dello scudetto il 7 giugno 1964 nello spareggio all’Olimpico contro l’Inter del mago Herrera. Bulgarelli a comandare le trame rossoblu e Tumburus a misurare la tenuta in trincea.

Il Sessantotto scuote i pensieri della collettività. Haller prende parte alla sua personale rivoluzione salutando l’Emilia. Torino, sponda bianconera, è il nuovo approdo. La Juventus deve e vuole ritrovarsi dopo una quantità insolita di stagioni anonime. L’epoca gloriosa di Sivori e Charles è ormai un miraggio. Si affaccia una generazione di fenomeni in rampa di lancio che comprende Benedetti e Pietro Anastasi.

Il fantasista teutonico è l’elemento in grado di fare la differenza. Saranno necessarie però ben quattro annate prima di vedere lo scudetto tornare al Comunale. Carmignani, Morini, Spinosi, Capello, Causio, Cuccureddu, Furino, Anastasi e Bettega con l’unico straniero in sella: Helmut Haller.

Vycpalek, zio di Zeman, è un mister rude ma al tempo stesso affettuoso.

Helmut, nel periodo in Piemonte, non disdegna piacevoli distrazioni tra donne e qualche alcolico messo lì ad impreziosire il contesto. Heriberto Herrera, trainer bianconero dal 1964 al 1971, non sopporta tali perdizioni. Il tira e molla non durerà molto, con l’allenatore paraguaiano costretto a passare la mano per disperazione. Il suo ‘movimiento’ fa letteralmente a cazzotti con i ritmi blandi del biondo sulla trequarti.

La luna di miele di Haller alla Juventus si prolunga fino all’estate del 1973. Giusto il tempo di replicare lo scudetto. Boniperti lo lascia partire con una carezza per chi ha dato tanto alla causa della Vecchia Signora. Peccato solo per le battute d’arresto nelle due finali di Coppa delle Fiere e di Coppa dei Campioni contro Leeds e Ajax.

Nel mezzo tanta Nazionale. Nel Mondiale inglese del ’66 sigla il goal d’apertura nell’epica finale, vinta poi dai padroni di casa. Quattro anni dopo, in Messico, osserva dalla panchina il 4-3 senza freni tra Germania e Italia in semifinale. Sempre un pezzettino per completare il puzzle.

Il ritorno in patria è un’operazione nostalgia in piena regola. Poker di annate con la casacca dell’Augusta, ed una parentesi alla corte dello Schwenningen. Al tramonto degli anni settanta il congedo dal rettangolo verde.

L’11 ottobre del 2012 il cuore gli volta le spalle a 73 anni. Helmut Haller: il giocoliere teutonico.

Da non perdere

Calcio

Chilavert non si giudica dalla copertina Compie oggi 56 anni José Luis Chilavert, leggendario portiere del Paraguay. Per celebrarlo vi raccontiamo un aneddoto davvero...

Calcio

21-6-1978, Argentina-Perù: Marmellata rosso sangue Se è vero che ogni edizione della Coppa del Mondo ha avuto il suo sottoscala, lo sgabuzzino dove si...

Pugilato

Giraldo Córdova Cardín, il pugile rivoluzionario morto per Cuba Il 26 Luglio 1953 in occasione dell’assalto alla caserma Moncada, perde la vita il pugile...

Basket

Brandon Roy, il raffinato killer dalle ginocchia di cristallo Ha compiuto ieri 38 anni Brandon Roy, uno dei talenti più forti della NBA recente,...

Altri Sport

A tu per tu con Igor Cassina, il ginnasta venuto dallo spazio Con mille imprevisti e diecimila difficoltà siamo arrivati alla partenza di questa...

Calcio

Sandor Kocsis, una storia nella Storia Continuiamo a commettere l’errore di giudicare la storia di una vita dalla sua durata, senza mai fermarci a...

Calcio

Mercoledì 18 giugno 1986: El Buitre è tutto qui. Quattro reti, quattro perle. Un poker di istantanee che racchiudono l’identikit calcistico di Emilio Butragueño....

Calcio

Storia di un pallone da calcio che è andato nello Spazio Il 20 luglio 1969 per la prima volta nella storia l’uomo raggiungeva la...

Calcio

Lello Bersani, l’uomo al microfono tra cinema e sport La voce della cultura e dello sport. Lello Bersani, romano di nascita, sposa la radio...

Calcio

René Houseman, “El Loco Impresentable” Ieri 19 luglio nasceva nel 1953 Renè Houseman, Campione del Mondo 1978 con la sua Argentina, scomparso  per un...

Altri Sport

Nadia Comăneci: una farfalla in cerca della felicità Ripetuto volteggio fra apice e baratro, la vita di Nadia Comăneci si è sviluppata quasi fosse...

Snooker

La caccia a Steve Davis non ha tregua anche se il nuovo sovrano, il GOLDEN BAIRN, ha già legittimato sul campo il sorpasso nei...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro