Connect with us

Cerca articoli

Basket

He got game…and money. Lo scandalo corruzione che ha colpito la NCAA

La FBI sta investigando sulla corruzione nel college basketball americano. L’indagine della polizia federale statunitense sta ottenendo prove schiaccianti sul fatto che più di 20 università, tra le più famose,  siano implicate in questo scandalo per aver infranto le regole della NCAA.

Un caso complicato che vedrà coinvolti tantissimi avvocati per difendere quelle squadre, giocatori e tanti altri personaggi iscritti nel registro degli indagati.

Le Università sotto accusa:

Alabama, Duke, Kentucky, LSU, Maryland, Michigan State, NC State, North Carolina, Seton Hall, Texas, USC e Washington sono le università accusate di aver aggirato le regole del sistema per portare i giocatori più forti in uscita dal liceo a vestire la loro maglia. Nel particolare l’aver pagato centinaia di migliaia di dollari i giocatori e le loro famiglie per ingaggiarli.

Il caso Arizona:

 La FBI ha intercettato conversazioni telefoniche tra il coach di Arizona Sean Miller e un personaggio chiave dell’indagine, tal Christian Dawkins, dove i due discutono di una cifra di 100.000 dollari per assicurarsi la firma del freshman Deandre Ayton con i Wildcats.

L’università ha subito preso le distanze da coach Sean Miller che non allenerà la prossima sfida contro Oregon per il bene dell’università e del programma cestistico. Stessa sorte che non toccherà alla stellina Ayton che, con la sua media di 19,9 punti a partita, sarà regolarmente in campo.

Il board di Arizona si è riunito d’emergenza per studiare una strategia legale efficace. Il preside dell’università Bill Ridenour ha dichiarato: “Dobbiamo fare di tutto per mantenere l’eccellenza e la credibilità del nostro programma sportivo tra i più invidiati del paese, e assicurare l’incolumità giudiziaria di tutti i protagonisti coinvolti nella vicenda”.

Nella stessa direzione stanno andando anche i legali di Ayton che hanno chiesto alla FBI e alla NCAA di pulire immediatamente il nome del giocatore pena una denuncia. Anche la sua famiglia si è dichiarata “oltraggiata e disgustata”.

I personaggi chiave dello scandalo:

Andy Miller: ex agente NBA e fondatore della ASM Sports. Ha rappresentato giocatori del calibro di Garnett, Porzingis e Kyle Lowry. Il suo computer analizzato dalla FBI ha mostrato pagamenti a licei e giocatori.

Christian Dawkins: Agente sportivo, figura chiave all’interno dello scandalo. E’ considerato uno dei grandi manovratori dello scambio di soldi sottobanco.

Jim Gatto: Esecutivo del reparto marketing dell’Adidas. Ha indirizzato pagamenti ingenti a giocatori e famiglie per fargli scegliere di giocare con college sponsorizzati dall’Adidas. E’ universalmente  riconosciuto come il deus ex machina dei gadget sportivi all’interno del college basketball.

Chuck Person, Lamont Evans, Emanuel Richardson, Tony Bland: assistenti rispettivamente delle università di Auburn, Oklahoma State, Arizona e USC. Tutti e quattro licenziati in tronco per aver accettato “mazzette” per mettere in mostra e far giocare alcuni giocatori rispetto ad altri.

I giocatori coinvolti:

Dennis Smith Jr: il rookie dei Dallas Mavericks ha ricevuto un compenso a cinque cifre prima di scegliere NC State come college. Smith è stato scelto alla numero 9 nell’ultimo draft NBA.

Isaiah Whitehead: Al suo secondo anno con i Brooklyn Nets, ha ricevuto soldi quando giocava alla Seton Hall.

Edrice “Bam” Adebayo: il centro rookie dei Miami Heat ha ricevuto un grosso pagamento prima di accedere all’università del Kentucky. Draftato lo scorso anno alla numero 14.

Markelle Fultz: la prima scelta dello scorso draft dei Philadelphia 76ers ha ricevuto 10,000 dollari prima di scegliere l’università di Washington.

Kyle Kuzma: Il giocatore dei Los Angeles Lakers ha ricevuto 10,000 dollari mentre giocava all’università di Utah.

P.J. Dozier: l’ex All American ha ricevuto 6,000 dollari quando giocava a South Carolina. L’anno scorso ha condotto, da sophomore, la sua università alle Final Four. Ha giocato per i Maverick e per OKC in questa stagione dopo non esser stato draftato.

Josh Jackson: Apples Jones, la mamma del talento selezionato con il numero quattro all’ultimo draft dai Phoenix Suns, ha ricevuto 2700 dollari per mandare il figlio all’università del Kansas.

Zitti tutti parla il Re:

Sulla vicenda si è espresso anche King James, che al college non ci è andato ma è passato direttamente dalla High School alla NBA prima che la nuova regola introdotta nel 2006 non lo permettesse più: “La NCAA è corrotta e noi lo sappiamo. Mi dispiace, lo so che domani tutti i giornali metteranno queste dichiarazioni in prima pagina ma è la verità. E’ corrotta.” Prima di concludere che gli piacerebbe avere una conversazione sull’argomento con il commissioner della NBA Adam Silver.

Questa effettivamente come ha affermato Lebron James è una pratica abusata e conosciuta da tutti. Il giro di soldi nel college basketball americano è incredibile e ovviamente tutti cercano di prendersi un vantaggio il che significa convincere i migliori talenti del liceo ad unirsi a loro. Spesso il blasone dell’Università e la sola borsa di studio non bastano. Spesso ci vuole un’altra borsa, stavolta piena di soldi. FBI meglio tardi che mai…

A cura di

Nato a Roma nel 1990, anno delle notti magiche. Ex giocatore di basket, nonostante gli studi in legge, dopo una lunga parentesi personale negli States, decide di seguire la sua passione per lo sport e per il giornalismo. Giornalista iscritto all'albo, da quattro anni vice caporedattore di GiocoPulito.it, speaker radiofonico a Tele Radio Stereo e co-conduttore a TeleRoma 56.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Basket

Brandon Roy, il raffinato killer dalle ginocchia di cristallo Ha compiuto ieri 38 anni Brandon Roy, uno dei talenti più forti della NBA recente,...

Calcio

E così, dopo quattro anni, il gran circo dei mondiali torna a varcare l’Atlantico. Per la prima volta sopra la linea del Rio Grande,...

Basket

La Legge Len Bias: quando per cambiare le regole ci deve scappare il morto Il 19 Giugno 1986 una overdose di cocaina interrompe il...

Basket

Dirk Nowitzki: quando il Basket incontrò la matematica Compie oggi 43 anni Dirk Nowitzki, il fenomeno tedesco che in NBA ha fatto la storia...

Calcio

Aye, Mr President! – Quando Donald Trump stava per irrompere nel mondo del Calcio Compie oggi 75 anni Donald Trump, il magnate americano divenuto...

Pugilato

La vera storia di Jack Johnson: un perdono lungo 100 anni Il 10 giugno 1946 moriva Jack Johnson, il primo pugile afroamericano della storia...

Basket

Predrag Stojakovic, il miglior tiro che non sia mai entrato Compie oggi 44 anni Predrag Stojakovic, uno delle mani più educate della Storia Nba....

Basket

Drazen Petrovic: poesia sospesa tra Mozart e Nietzsche Il 7 giugno 1993 ci lasciava Drazen Petrovic, uno dei migliori interpreti della pallacanestro mondiale. Una...

Calcio

2 giugno 1978: Quando toccò alla nazionale regalare speranza a una società ferita Il 2 giugno 1978 gli azzurri di Bearzot esordivano nel Mundial...

Basket

Krešimir Ćosić, la leggenda del Fenomeno che disse di No alla Nba Il 25 maggio 1995 moriva Kresimir Cosic, il fenomeno croato della palla...

Motori

Ciao Nicky, il ragazzo normale che diventò Campione del Mondo Il 22 maggio 2017 ci lasciava Nicky Hayden, il campione del Mondo di Motociclismo,...

Calcio

Palestina-Israele, anche il calcio alle prese con l’Intifada Nell’ultima settimana la tensione tra Israele e Palestina ha toccato livelli altissimi, con il vicendevole lancio...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro