Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Happel, Vilanova e Maestrelli: Storie di Vita, Storie di Sport

Happel, Vilanova e Maestrelli: Storie di Vita, Storie di Sport

Avrebbe compiuto oggi 53 anni Tito Vilanova, compianto allenatore del Barcellona, portato via da un tumore nel 2014. La sua storia è accomunata ad altri due allenatori che hanno avuto sorte simile ma che come lui, malgrado le loro condizioni, fino all’ultimo non hanno mai mollato il calcio, il loro grande amore, più forte di ogni male: Ernst Happel e Tommaso Maestrelli.

La Leggenda austriaca

Ernst Happel, leggenda del calcio austriaco, due Coppe Campioni da allenatore (Feyenoord ’70, Amburgo ’83), approdato in Nazionale nel 1992, scoprì di avere un tumore allo stomaco. Ben presto se ne accorse anche chi vide quell’omone erculeo ridursi a un giunco. Ma Happel resistette, tanto da andare in panchina anche due settimane prima della fine, in un commovente 5-2 a Israele. Quando le raffiche del male ebbero il definitivo sopravvento, a quel giunco intitolarono lo stadio di Vienna, sede delle partite dell’Austria.

Il calvario di Tito

Dal “Prater” al “Camp Nou”, dai giunchi all’attesa. Aveva vissuto un lustro all’ombra del suo amico e maestro Pep Guardiola, Francesc Vilanova i Bayo, per tutti, semplicemente, Tito. Un lustro a imparare come si coltiva una cantera, cosa significa Més que un Club, come si gestisce uno spogliatoio di campioni, cosa si prova ad arrivare due volte in cima al mondo. Un lustro nella fiduciosa attesa di un domani dove mettere in pratica tutto quel sapere. Ed eccolo, quel domani. Aprile 2012, Guardiola lasciò il Barcelona e il ds Zubizarreta non ebbe dubbi: toccava a Tito perché meglio rappresentava il Barcelona. Non poteva desiderare investitura migliore. E non poteva chiedere di meglio che una squadra pressoché perfetta in Liga, che nel girone di andata pareggiò una volta e poi non fece che vincere. In cuor suo, forse Tito cominciò a fare il conto alla rovescia su quanti giorni lo separassero dalla scoperta dell’emozione di una vittoria con la sua firma. Non immaginava che non avrebbe potuto gustarsi il fremito dell’attesa. Prima di Natale, riapparve il cancro alla parotide che l’aveva colpito nel 2011. Operazione e poi la terapia. A New York. Dove Tito, via Skype, continuò a seguire i suoi ragazzi, nel frattempo affidati al vice Jordi Roura. Avrebbe voluto Guardiola al fianco, ma Pep non ci fu.

Si riappacificarono in autunno, dopo che lui, anche per superare questa delusione e dopo l’ok dei medici, si era rituffato al campo per festeggiare una Liga col record di punti (100), mai raggiunti nel quadriennio guardiolista, e per provare l’impossibile: rimontare quattro gol al Bayern Monaco in semifinale di Champions League. Non ci riuscì e non sapeva che sarebbe stata una delle sue ultime panchine. In estate, la malattia ritornò prepotente e l’attesa di Tito per un ritorno alla normalità volse purtroppo in un’inesorabile e progressiva resa al male, che si consumò definitivamente il 25 aprile 2014.

Indimenticabile Tommaso Maestrelli

Austria, Spagna e Italia. Per la precisione, Roma, dicembre 1975. Una Tor di Quinto bagnata dal sole esplose in lungo applauso quando Tommaso Maestrelli, accompagnato dagli inseparabili gemelli (i figli Massimo e Maurizio), rimise piede sul campo d’allenamento. Otto mesi prima era sotto i ferri, gli avevano scoperto un tumore, sembrava non ci fosse più nulla da fare. E invece lui, grazie a una cura sperimentale e all’amore della fam14iglia e della squadra che andava a trovarlo al termine di ogni allenamento, era guarito e poco a poco aveva recuperato le forze. Intanto la Lazio non si trovava col nuovo tecnico, Giulio Corsini, e Maestrelli stava male a vederla nei guai.

Quella Lazio, anche se cambiata in qualche calciatore, era sempre “la sua Lazio”, quella che in tre anni aveva portato dalla serie-B allo scudetto, e mai ne avrebbe sopportato la retrocessione. E così, vincendo le resistenze della moglie e dei dottori, accettò le insistenze del presidente Lenzini, rinfilò la tuta e ritornò in panchina. Fu un atto d’amore perché avrebbe avuto bisogno di riposo, a fine allenamento non stava in piedi, ma volle dedicare un’altra volta ancora tutto se stesso a quei ragazzi. E quei ragazzi dedicarono loro stessi a quell’uomo, che centrò l’obiettivo all’ultimo atto, smagrito, stravolto e con 38° di febbre. Era il 16 maggio 1976. Se ne sarebbe andato il 2 dicembre, salutato da un mare di gente.

Happel, Vilanova e Maestrelli. Uomini che nel loro lavoro trovarono una ragione per non arrendersi alla sofferenza e per continuare a dare un senso al quotidiano.

Uomini che, senza volerlo, con la loro passione e i loro drammi, più che storie di sport, hanno scritto storie di vita.

 

A cura di

Classe 1982, una laurea in "Giornalismo" all'università "La Sapienza" di Roma e un libro-inchiesta, "Atto di Dolore", sulla scomparsa di Emanuela Orlandi, scritto grazie a più di una copertura, fra le quali quella di appassionato di sport: prima arbitro di calcio a undici, poi allenatore di calcio a cinque e podista amatoriale, infine giornalista. Identità che, insieme a quella di "curioso" di storie italiane avvolte dal mistero, quando è davanti allo specchio lo portano a chiedere al suo interlocutore: ma tu, chi sei?

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Jules Rimet, il visionario padre dei Mondiali che ha cambiato il ‘900 Il 14 ottobre 1873 nasceva Jules Rimet, il padre dei Mondiali di...

Calcio

Una piccola storia ignobile Il ragazzo, senegalese, quando prende palla è difficile fermarlo; sin dal primo tempo si alternano, gli avversari, nel tentare di...

Calcio

Arbitri, Tifosi e Calciatori: una Storia di sangue Le ultime settimane di calcio si sono contraddistinte per due episodi di violenza nei confronti degli...

Calcio

Justin Fashanu, il fratello “sbagliato” I trentenni, o chi gli gira intorno, a quell’età, ricordando John Fashanu. “Idolo” della Gialappa’s e di “Mai dire...

Altri Sport

10Cosa significa essere Gianni Mura Avrebbe compiuto ieri 76 anni Gianni Mura, maestro di giornalismo e non solo, che ci ha lasciato lo scorso...

Calcio

Didi, il calcio in due sillabe L’8 ottobre 1928 nasceva Valdir Pereira, meglio noto con lo pseudonimo Didi, uno dei calciatori più iconici della...

Calcio

Aldo Biscardi: dalle intercettazioni con Moggi al “Moviolone” divenuto realtà Sono passati quattro esatti dalla morte di Aldo Biscardi. Il giornalista, autore e conduttore...

Calcio

Tommaso Maestrelli, l’allenatore che parlava agli uomini Il 7 ottobre 1922 nasceva a Pisa Tommaso Maestrelli, l’allenatore il cui valore andava ben oltre il...

Calcio

Ezio Pascutti, l’ultima ala sinistra del Bologna Come la Juventus, anche se non vestì mai la casacca bianconera. O lo si ama(va) o lo...

Calcio

Josè Leandro Andrade: la vita estrema della Maravilla Negra Il 5 Ottobre 1957 ci lasciava Josè Leandro Andrade, la Maravilla Negra, il fenomeno dell’Uruguay...

Calcio

Dirk Schlegel e Falko Götz, i due talenti della Germania Est fuggiti dalla Stasi Ieri in Germania si è festeggiata la Giornata della Riunificazione...

Calcio

La “Resistenza del Pallone” del Mahatma Gandhi Il 2 ottobre si celebra nel mondo la Giornata Mondiale della Non-violenza nel giorno della nascita di...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro