Connect with us

Cerca articoli

Eventi

Hank Moody è un ottovolante bukowskiano che ci svela il fascino delle relazioni impossibili

Indisciplinato, irriverente e totalmente inaffidabile. In Californication, Hank Moody è uno scrittore di talento, un talento non sempre compreso.

La sua vita è un giro senza fine sulle montagne russe. Scrive poco, beve tanto e si porta a letto più donne che può. Il sesso compulsivo è il motore che lo fa andare avanti, assieme all’alcol.

Il suo cuore però batte per la figlia Rebecca e per Karen, la sua musa ispiratrice. Hank ha un solo grosso problema: si è smarrito. Si è perso nella ripetizione infinita degli errori, negli azzardi continui che non ammetterebbero perdono.

Il presente di Hank viaggia su binari solitari, troppo lontani da quel passato in cui vorrebbe rifugiarsi.

Il personaggio interpretato da David Duchovny è palesemente ispirato a Charles Bukowski.

Con lui i colpi di scena sono la regola, l’equilibrio non esiste. In Californication, tra alti e bassi, cerca di ritrovare la sua vena artistica. Nel frattempo ne combina di tutti i colori assieme al suo migliore amico, nonchè manager, Charlie Runcle. Finisce costantemente nei guai o in situazioni compromettenti.

E’ in balia di se stesso, vive alla giornata perdendo tutti i treni che incrociano il suo talento.

Sette stagioni e ottantaquattro episodi che ci mostrano il fascino delle relazioni impossibili. In amore, in amicizia e non solo.

Hank Moody, con pregi e difetti, ci racconta l’immagine dell’America dei giorni nostri e il caos dei rapporti umani. E involontariamente ci fa riflettere su alcuni aspetti, a cui spesso finiamo per dare poca importanza. Il peso degli errori ha un impatto devastante nella nostra vita, ma si può anzi si deve sbagliare. Solo così si può crescere.

Hank Moody ci dimostra che non è mai troppo tardi, anche se le cose cambiano. Ci spiega che nulla è più importante dei propri cari e che la voglia di rimediare può fare la differenza.

Ci ricorda persino che scappare non cancella i problemi, affrontare le situazioni si.

E che anche nelle relazioni impossibili si può intravedere della luce. Ammesso che ne valga la pena, ovviamente.

Che è un po’ quello che, probabilmente, gli suggerisce nel finale il capolavoro di Elton John, I’m a rocket man.

 

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Altri Sport

“La Guerra meno lo sparo”: la stroncatura dello Sport secondo George Orwell Il 21 gennaio 1950 moriva lo scrittore inglese Eric Arthur Blair, da tutti conosciuto...

Calcio

Neve, Black out e colpi di pistola: i 5 episodi del Derby di Roma che (forse) non conoscete Il derby non è mai una...

Calcio

Rod Stewart ama il Calcio alla follia Rod Stewart compie oggi 76 anni. L’ eterno musicista britannico in carriera ha venduto più di 100...

Calcio

Auguri Davide Avrebbe compiuto 34 anni oggi Davide Astori, il capitano della Fiorentina che ci ha salutato tre anni fa, sconvolgendo il calcio italiano....

Calcio

La Leggenda Eusebio: quando la Pantera Nera sbranò la Corea del Nord Il 5 Gennaio 2014 moriva Eusebio, fenomenale giocatore portoghese Pallone d’Oro nel...

Motori

Tanti auguri Schumi, Keep Fighting Michael Schumacher: 52 anni oggi e ultimi 8 compleanni vissuti fra silenzio, angosce e speranze. Sono trascorsi sei anni...

Pugilato

Bruno Arcari, la concretezza del Campione riservato di una Boxe che non esiste più In un’epoca in cui la spettacolarizzazione dello sport è all’ordine...

Calcio

Ad un passo dalla morte fino alla Premier League: la storia di Shane Duffy Compie oggi 29 anni Shane Duffy, il calciatore irlandese la...

Calcio

La partita di Natale: quando il calcio sconfisse la Grande Guerra Il freddo di dicembre mi riporta in mente uno degli episodi che descrivono...

Altri Sport

Ultime Frontiere: Come fanno Sport al Polo Nord? “La forza dei popoli artici deriva dal Grande Freddo, si fa ghiaccio indistruttibile nelle difficoltà, acqua...

Calcio

Lev Yashin: storia dell’invincibile Ragno Nero Il 17 Dicembre 1963 Lev Yashin, fenomenale portiere russo, vinceva il Pallone d’Oro davanti a Gianni Rivera e...

Calcio

Josef Bican, il più grande marcatore della storia dimenticato per colpa della Guerra Il 12 dicembre 2001 moriva Josef Bican, un nome che potrebbe...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro