Quantcast
Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Hagi e il Brescia: storia romantica di una retrocessione

Hagi e il Brescia: storia romantica di una retrocessione

Hagi e la B. Binomio triste e paradossale, ciononostante vero. Il calderone del calcio italiano degli anni novanta ha regalato anche questa storia tanto piccola quanto affascinante. Nella stagione 1992-1993 mister Mircea Lucescu “tormenta” senza soluzione di continuità il Presidente Corioni a tramutare in realtà quella che, all’apparenza, sembra una pura follia del mercato. L’obiettivo designato è un top player: Gheorghe Hagi.

All’ombra dello stadio Rigamonti si insedia una vera e propria colonia proveniente dalla Romania. L’allenatore chiama, oltre al campionissimo proveniente dal Real Madrid, anche altre due pedine connazionali. Ecco allora gli arrivi dei centrocampisti Ioan Sabau e Dorin Mateut. Dai Balcani promette reti a raffica invece l’attaccante centrale Florin Raducioiu. Sarà lui, con 13 marcature messe a referto, ad essere il miglior realizzatore bianco blu in quella nefasta annata.

Lasciare il Real Madrid, il club più titolato e idolatrato al mondo, per approdare in una tranquilla cittadini del nord Italia è ancora oggi un mistero irrisolto. Per Hagi, come da lui spesso ribadito, l’esperienza con la casacca delle rondinelle si è rivelata significativa e densa di utili insegnamenti.

Le intenzioni bianco blu sono più che serie, ma l’epilogo si trasformerà in una debacle. I due pareggi inaugurali contro Napoli e Torino (sul neutro di Cesena) stimolano sorrisi. Tutto liscio, come l’olio e forse anche oltre, dopo le prime due vittorie casalinghe con Pescara (1-0) e Foggia. Pirotecnico il 4-1 rifilato al parco divertimenti ‘Zemanlandia’ il 4 ottobre. Sugli scudi Raducioiu, Saurini ed appunto Hagi che fa il fenomeno con un razzo mancino dal vertice opposto. Piove sul bagnato per i pugliesi con l’autogol del portiere Mancini.

Sostanzialmente le rondinelle marciano spedite fino al nono turno. Il pari a reti bianche a domicilio con la Juventus ed il blitz in terra capitolina sui giallorossi romanisti (2-3 con l’autorete di Benedetti e la doppietta di Saurini), vengono interrotti solo dallo 0-2 patito per mano del Cagliari. Lì qualcosa si inceppa. Ad inizio novembre l’Ancona offende per cinque volte con Agostini (doppietta), Detari e Lupo. Nelle susseguenti sei giornate i ragazzi di Lucescu incassano il bottino pieno solo contro l’Udinese (2-1 reti di Hagi e Raducioiu). Lazio, Milan e Sampdoria aprono negativamente il sipario del 1993.

Il Brescia gioca bene, con coraggio e sfacciataggine, ma a mancare spesso è la concretezza e soprattutto i risultati consistenti. Nell’intero girone di ritorno i successi saranno cinque in totale. Altisonanti, e non poco, quelli conseguiti su Juventus e Lazio. Affermazioni limpide e meritate che ingigantiscono ulteriormente il rammarico per quello che poteva essere e non è stato. Cosa non è stato? Tutto il resto. Specchio riflettente lo scivolone in trasferta contro il modesto Pescara. Senza chiudere in un cassetto nemmeno il 3-1 subito ad opera del Cagliari a metà marzo. Tre miseri punticini strappati anche al cospetto delle dirette avversarie per l’agognata salvezza (Ancona, Fiorentina e Udinese). La regular season concede l’ultimo atto il 6 giugno al Rigamonti con la Sampdoria. Negro, Domini e Raducioiu (su rigore) timbrano il cartellino lasciando buone impressioni al contesto lombardo.

Propositi che naufragano in una torrida giornata bolognese. Sabato 12 giugno 1993 il Dall’Ara ospita il sanguinario spareggio tra il Brescia appunto e l’Udinese di mister Bigon. Le due squadre si sfidano perché appaiate al quartultimo posto in classifica con 30 punti all’attivo. Al quarto d’ora la sblocca Abel Balbo. Domini rialza la testa con l’acuto del momentaneo pareggio al minuto 27. Disattenzione e sfortuna concorrono nel raddoppio friulano a firma di Orlando, direttamente sugli sviluppi di un corner con il guardiano Cusin forse distratto. Due gocce si trasformano in temporale quando De Paola abbatte il numero 7 Kozminski. Dell’Anno sbaglia l’esecuzione dal dischetto ma insacca sulla respinta del portiere.

Finisce qui. Il Brescia cade in Serie B. Una piazza delusa e affranta si chiude in un intimo dolore sportivo. Gheorghe Hagi, il ‘Maradona dei Carpazi’, scende in cadetteria anche lui con un bagno encomiabile di umiltà. L’asso rumeno, insieme al mentore Lucescu, prende a braccetto le rondinelle portandole nuovamente in A grazie al terzo posto finale nel campionato 1993-1994.

Ciliegina sulla torta il trionfo nella Coppa Anglo-Italiana, una competizione dal sapore perdutamente nostalgico, nel teatro magnifico di Wembley con il Notts County. Questa la coda di una storia piccola, romantica, balcanica, simbolo di quel calcio ormai smarrito.

Facebook

Da non perdere

Calcio

Don Mario De Ciantis: un prete al calciomercato Una preghiera e una trattativa. Don Mario De Ciantis: dall’altare alle stanze del calciomercato. Signore e...

Calcio

Neve, Black out e colpi di pistola: i 5 episodi del Derby di Roma che (forse) non conoscete Il derby non è mai una...

Calcio

Didi, il calcio in due sillabe Il 12 maggio 2001 moriva, a Rio de Janeiro, Valdir Pereira, meglio noto con lo pseudonimo Didi, uno...

Calcio

Inter – Liverpool, quando l’epica rimonta si giocò anche sugli spalti Il 12 Maggio 1965 a San Siro in occasione della semifinale di ritorno...

Calcio

Luis Vinicio, ‘O Lione Un sudamericano napoletano d’adozione. Nelle scorse settimane vi abbiamo parlato di Bruno Pesaola, stavolta è il turno di Luis Vinicio,...

Calcio

Valentino Mazzola, la leggenda di Tulèn Tra le vittime della Strage di Superga avvenuta il 4 maggio di 72 anni fa c’era anche Valentino...

Calcio

Erno Erbstein, storia di un uomo che sapeva allenare Sarà poi vero che abbiamo tutti una vita? La domanda appare scontata, se non addirittura...

Calcio

Franco Scoglio, Professore di calcio e di vita Avrebbe compiuto ieri 80 anni Franco Scoglio, storico e iconico allenatore del Genoa. Il nostro tributo...

Calcio

Quando Ezequiel Lavezzi era del Genoa ma finì al Napoli Compie oggi 36 anni Ezequiel Lavezzi, il Pocho che ha fatto innamorare Napoli ma...

Calcio

Il Benfica e la Maledizione del “ballerino” Bela Guttmann Le maledizioni e le imprecazioni rappresentano una vera e propria caratteristica nel mondo calcistico attuale....

Calcio

“Da Parigi a Londra, storia e storie degli europei di calcio” è il nuovo libro del giornalista Paolo Valenti, edito da Ultra Edizioni e...

Calcio

Zavarov, lo ‘Zar’ che girava in Duna e sognava la pace Compie oggi 60 anni Oleksandr Zavarov, l’uomo scelto dalla Juve per rimpiazzare Platini,...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro