Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Guido Masetti, primo portiere, oggi più di ieri

Guido Masetti, “primo portiere”, oggi più di ieri

Il 27 novembre 1993 ci salutava Guido Masetti, storico portiere della protagonista del primo scudetto giallorosso. Per l’occasione vi raccontiamo la sua storia.

Potrebbe essere un personaggio di Hemingway, a giudicare da certi primi piani che lo ritraggono con un basco in testa, il sorriso ampio e guascone, l’aria di chi ne ha viste tante, così tante da non prenderla mai del tutto sul serio, la vita.

O forse è soltanto la magia del bianco e nero a far fiorire certe suggestioni colorate; di un tempo in cui quasi tutto era da immaginare e per sapere come calciasse un attaccante avversario bisognava leggere attentamente i resoconti del lunedì, sui principali quotidiani: termini arcaici e roboanti aggettivi, pesanti quasi quanto gli scarpini, ch’erano ferri da stiro, o come il pallone che sembrava di ghisa.

E allora il basco era più che altro una coppola, che prima del fischio iniziale finiva in fondo alla rete; un po’ d’abitudine e il resto scaramanzia, sotto le tribune di legno da dove spirava un accento che piano piano lavava via le parole tronche e musicali di quello veronese.

Era quella la parlata di Guido Masetti, che alla Roma, se avesse potuto, ci sarebbe andato ancora prima dell’estate del 1930, come se già da giovanissimo portiere gialloblù avvertisse che il suo destino lo attendeva lontano dalla città natale, lungo i saliscendi dei Sette Colli.

Roma gli aprì le braccia, lui le mise i guanti.

Prestante ed esplosivo, non troppo alto; maestro nel piazzamento e reattivo come un gatto, tra i pali. Quando se ne allontanava, perché gli toccava uscire, non si sentiva né veronese di nascita, né romano d’adozione, perché allontanandosi dalla porta poggiava il tallone, quello achilleo, sulla sua personale terra di nessuno, laddove era più facile fargli gol, come raccontano tante di quelle cronache dove ancora oggi possiamo leggere tutto ciò che non vedremo mai, che possiamo soltanto immaginare, come lui faceva attraverso gli articoli in cui si parlava dell’attaccante che gli si sarebbe  toccato in sorte la domenica successiva.

E tra un’insidia domenicale e l’altra, difendeva anche il morale della Roma, oltre alla rete, come se il treno delle lunghe trasferte fosse più che altro la cassa di risonanza delle risate dei compagni. Tutti, indistintamente, quelli che venivano dopo di lui, a cominciare da Guido De Micheli, ognuno con le sillabe del proprio nome fatte apposta per la canzone, anzi per la “canzona” di Testaccio, dove lui non è soltanto l’estremo difensore: è “primo portiere”, quasi una carica onorifica, o un quarto di nobiltà.

E nobilitante, per sé e per la Roma, fu il lungo viaggio con la maglia sulle spalle, indossata da giovane, dopo esser venuto via da un Verona che non voleva saperne di lasciarlo andare, salutata nell’anno in cui il cui il primo scudetto le abitava in petto, dopo la vittoria dell’anno precedente, gioia salvifica per un popolo fiaccato dalla guerra e dalla dittatura.

Tredici anni, per poi tornare due volte in panchina, infine per scoprire di non essersene mai andato, ancora oggi che lui non c’è più, che basta nominarlo per risentire i piedi che battono sugli spalti di legno, Guido Masetti, 338 presenze in Serie A con la maglia giallorossa, Campione d’Italia nel 1942: primo portiere, a tutti gli effetti, oggi più di ieri.

 

Paolo Marcacci
A cura di

Romano, 47 anni, voce di Radio Radio; editorialista; opinionista televisivo; scrittore, è autore di libri sulle leggende dello sport: tra gli altri, “Villeneuve - Il cuore e l’asfalto”, “Senna - Prost: il duello”, “Muhammad Ali - Il pugno di Dio”. Al mattino, insegna lettere.

Da non perdere

Calcio

Tòth e Kertész, gli eroi ungheresi più forti delle deportazioni naziste La storia di Istvàn Tòth e Géza Kertész è una di quelle che...

Calcio

Erno Erbestein, storia di un uomo che sapeva allenare Per il Giorno della Memoria vi raccontiamo la storia di Erno Erbstein, leggendario allenatore del...

Azzardo

Bookmakers italiani e stranieri: l’importanza della regolamentazione Un tema un bel po’ complesso e per il quale si rende necessaria un po’ di chiarezza;...

Azzardo

Dal vecchio Totocalcio al web: storia della tanto amata schedina Una ‘vecchietta’ che ha abbondantemente passato i 75 anni di età e che negli...

Calcio

Dall’El Dorado ai Narcos: Inferno e Paradiso dei Millonarios di Bogotà Cinco y baile. Dopo il quinto gol, si balla. C’è stata una squadra...

Calcio

Matthias Sindelar, il patriota anti Hitler Il 23 Gennaio 1939 moriva in circostanze misteriose Matthias Sindelar, il fenomeno austriaco che con il suo gesto...

Calcio

“La strage e il miracolo – 23 giugno 1994, la Mafia all’Olimpico”: la partita che poteva cambiare tutto “La strage e il miracolo –...

Calcio

Andrej Kanchelskis, storia di una sfortuna infinita Compie oggi 52 anni Andrej Kanchelskis, il calciatore russo arrivato in Italia per spaccare il mondo, finito...

Calcio

Rogerio Ceni, molto più che un portiere Quando si è piccoli e ci si affaccia per la prima volta al mondo del pallone, l’unico...

Altri Sport

“La Guerra meno lo sparo”: la stroncatura dello Sport secondo George Orwell Il 21 gennaio 1950 moriva lo scrittore inglese Eric Arthur Blair, da tutti conosciuto...

Calcio

Il Mistero Scaini: la triste storia di un ragazzo che non era Paolo Rossi Il 21 Gennaio 1983 se ne andava Enzo Scaini, il...

Calcio

Mané Garrincha: quando l’oro era gratis Il 20 gennaio 1983 ci salutava Manè Garrincha, il fenomeno brasiliano scomparso neanche cinquantenne per cirrosi epatica ed...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro