Quantcast
Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Gravina: “Chi non vuole giocare non vuole bene agli italiani”

Si susseguono ormai quotidianamente gli interventi di Gabriele Gravina, presidente della Figc. In questo periodo in cui tutto è fermo il numero uno del calcio italiano risponde costantemente alle domande dei giornalisti e non si sottrae quando gli chiedono la reale posizione della FIGC in merito alla ripresa del campionato italiano. Gravina oggi ipotizza una ripresa degli allenamenti subito dopo il 4 maggio e per tre settimane le squadre dovranno seguire un periodo di isolamento totale prima di un ipotetico inizio di campionato a fine maggio o ai primi di giugno. Ecco le sue parole pronunciate ai microfoni di Radio1:

 

“Il 4 maggio è la data fissata dal Dpcm, noi ci stiamo attenendo e puntualmente cerchiamo di fare programmazione. Se le squadre iniziassero ad allenarsi il 4 maggio fino a quando dovrebbero restare in isolamento? Tre settimane. Abbiamo elaborato un protocollo sanitario rigido e attento, ma flessibile che consegneremo domani ai ministri Spadafora e Speranza. Serviranno tre settimane di sicurezza, quindi a fine maggio o inizio giugno si può iniziare. E’ un momento complesso per il nostro paese, per l’economia e per il calcio che è una delle industrie più importanti. Con senso di responsabilità, disponibilità e buon senso troveremo la giusta via. Chi invoca oggi l’annullamento della stagione non vuole bene né al calcio né agli italiani togliendo la speranza di futuro e ripartenza. Su questo terrò duro fino alla fine”.

RedazioneNews
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Facebook

Da non perdere

Calcio

Neve, Black out e colpi di pistola: i 5 episodi del Derby di Roma che (forse) non conoscete Il derby non è mai una...

Calcio

Luis Vinicio, ‘O Lione Un sudamericano napoletano d’adozione. Nelle scorse settimane vi abbiamo parlato di Bruno Pesaola, stavolta è il turno di Luis Vinicio,...

Calcio

Erno Erbstein, storia di un uomo che sapeva allenare Sarà poi vero che abbiamo tutti una vita? La domanda appare scontata, se non addirittura...

Calcio

Franco Scoglio, Professore di calcio e di vita Avrebbe compiuto ieri 80 anni Franco Scoglio, storico e iconico allenatore del Genoa. Il nostro tributo...

Calcio

Quando Ezequiel Lavezzi era del Genoa ma finì al Napoli Compie oggi 36 anni Ezequiel Lavezzi, il Pocho che ha fatto innamorare Napoli ma...

Calcio

Il Benfica e la Maledizione del “ballerino” Bela Guttmann Le maledizioni e le imprecazioni rappresentano una vera e propria caratteristica nel mondo calcistico attuale....

Sport

Cosa sarebbe un mondo senza lo sport Stadio dei Marmi, Foro Italico, Roma. Un uomo entra nell’impianto e trova le statue deformate. Non sono...

Altri Sport

A tu per tu con Pino Maddaloni, l’oro di Scampia Archiviati gli europei di Judo a Lisbona con tre medaglie raggiunte dagli azzurri, ottimo...

Calcio

Zavarov, lo ‘Zar’ che girava in Duna e sognava la pace Compie oggi 60 anni Oleksandr Zavarov, l’uomo scelto dalla Juve per rimpiazzare Platini,...

Calcio

Come Gigi Riva, anche Antonio Janni subì un grave incidente alla gamba con la maglia della Nazionale contro l’Austria a Vienna. Accadde nel 1929...

Calcio

Luigi Barbesino, il mistero della morte del campione d’Italia caduto in guerra Tra le storie dimenticate della Serie A, c’è sicuramente quella di Luigi...

Calcio

Carlo Petrini: il coraggio di denunciare Il 16 aprile 2012 moriva Carlo Petrini, il calciatore che degli anni 70-80 ha vissuto sulla sua pelle...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro