Connect with us

Cerca articoli

Inchieste & Focus

Gran Premio di Suzuka, due uomini e un sospetto: chi favorisce la Mercedes?

Tutti sull’ottovolante. Suzuka, con Monza e Spa, è una delle piste più belle del mondiale. Circuito estremamente tecnico, dalla forma a 8, richiede una monoposto performante in curva, potente in trazione, ben piantata a terra e grande carico aerodinamico e abilità nell’interpretare le traiettorie fra le “S” più complicate e divertenti del circus. Da queste parti, si vince con il ritmo e il passo in gara. Le considerazioni tecniche, però, si chiudono qui, perché sono doppiate dal sospetto. Elemento che corre veloce…molto più della Formula 1.

Si parlava di ritmo, appunto. Ciò che è mancato sinora a una delle due Mercedes: specificatamente, quella di Hamilton. Il pilota inglese, chiamato a difendere il titolo iridato dall’assalto del compagno di squadra Nico Rosberg, è parecchio “sfortunato”. Se una delle due frecce d’argento ha qualche problema, ci sono ottime probabilità che sia quella del campione del mondo in carica.

Lo sfogo di Hamilton post Malesia (attenzione, sfogo, non attacco) è l’ultimo atto di una tragicommedia che fa piangere l’inglese e ridere Rosberg. Hamilton, spesso alle prese con problemi di motore, parla di sviluppo della Mercedes più conforme alle caratteristiche di guida del compagno di squadra. Beh, queste sono opinioni personali dell’inglese che cozzano coi numeri. Discutere sulla affidabilità di una monoposto finita sul gradino più alto del podio su 36 delle ultime 42 gare, è esercizio inutile. Molto più interessante, invece, notare che la squadra, con tanto di comunicato, abbia cementato più l’immagine di “invincibilità” ed efficienza “tutta tetesca di Cermania”. Appunto: dove è nato il buon, ma non eccelso pilota, Nico Rosberg, volato in testa al mondiale complici le “disavventure” di Hamilton?  Indovinato? Bravi, in Germania.

La casa di Stoccarda dice “nein”. Non è vero. Cattivi e maliziosi che siete. Tutta casualità. Solo perché la difesa del titolo di Lewis è stata fermata negli ultimi gran premi da motori ottimi per farci il barbecue volete insinuare che la Mercedes faccia figli e figliastri? Solo perché Nico ha accumulato 23 punti di vantaggio in classifica si parla di epilogo già scritto? Ma su…siamo seri. Proprio per questo, chi ha un paio di yen da spendere, li punti tutti su Hamilton. Cosa c’è di meglio di una bella “vittoria scacciapolemiche” e con tutta probabilità comunque ininfluente per la lotta al vertice?

Luigi Pellicone
A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Motori

Il campione firma un autografo, che non è soltanto l’ennesimo, stavolta. Sono da poco passate le 15, la sua penna disegna sul foglio, portogli...

Motori

Messico e Favole: la prima vittoria in F1 di Berger e della Benetton Compie oggi 61 anni Gerhard Berger, il pilota austriaco della Formula...

Motori

Enzo Ferrari: Storia d’Inverno Il nostro tributo alla leggenda Enzo Ferrari nel giorno della sua scomparsa, datata 14 agosto 1988. “Perché a vent’ anni...

Motori

Tazio Nuvolari è una scia di polvere, una di quelle che non vedremo mai nelle corse moderne, che la maggior parte di noi può...

Motori

Ungheria ’86: “IL” Sorpasso Come quando correva Nelson Piquet, che solo a pronunciarne il nome sentivi che nessun’altra parola potesse avere una sequenza di...

Motori

“Vieni via con me”: la nuova campagna ACI per ripartire tutti insieme “Vieni via con me” è una grande campagna di progresso sociale per...

Motori

Kevin Schwantz, il “kamikaze” che ha reso pazzo il motociclismo Compie oggi 56 anni Kevin Schwantz, pilota iconico del Motociclismo a cavallo tra gli...

Motori

Ciao Nicky, il ragazzo normale che diventò Campione del Mondo Il 22 maggio 2017 ci lasciava Nicky Hayden, il campione del Mondo di Motociclismo,...

Motori

Come faccio a spiegarti cosa fosse Niki Lauda? Il 20 maggio 2019 moriva a Zurigo Niki Lauda, la leggenda della Formula Uno. Il nostro...

Motori

Gilles Villeneuve: quando erano vere anche le utopie Trentotto anni senza Gilles Villeneuve. Trentotto anni senza l’utopia. Perché assieme all’Aviatore, quell’8 maggio 1982 a...

Motori

Gilles Villeneuve, l’eterno poeta innamorato del limite /E volta nostra poppa nel mattino,/ Dei remi facemmo ali al folle volo/ Sempre acquistando dal lato...

Calcio

Sennasempre: la storia in una maglia Testo: Ettore Zanca Illustrazione: Enrico Natoli Nel giorno della sua scomparsa datata primo maggio 1994, vi raccontiamo l’impatto...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro