Connect with us

Cerca articoli

Motori

Gran Premio di Singapore: un giro “al buio” tra le curve di Marina Bay

La F1 si sposta in Asia per i prossimi tre Gran Premi (Singapore, Malesia, Giappone) . Il trittico si apre con il circuito di Marina Bay il più impegnativo di tutto il mondiale: 61 giri di un tracciato lungo 5065 metri, con 23 curve, 14 a sinistra e 9 a destra.

Start alle 20 locali, arrivo intorno fra le 21.45 e le 22. La notte di Singapore è suggestiva, ma l’asfalto raccoglie e libera caldo e umidità. Il circuito è complicato: livello “9”. La grande quantità di curve e i rettilinei corti richiedono più “manico” che motore. Da queste, parti, per fortuna, conta il pilota.

In questa ottica, Vettel ha poco da invidiare alle Mercedes se non una macchina più performante.  Ripercorriamo insieme il suo giro da “poleman” nel 2015: passaggio sul traguardo, tre curve in successione. Prima a sinistra, a 90°, decelerazione da 321 km a 128 in appena 112 metri (carico di 151 kg sul pedale del freno). La seconda verso destra: meglio sfiorare il cordolo per affrontare la 3, tornante a sinistra poco impegnativo che introduce la 4, in piena accelerazione.  La curva 5, 90° a destra, è uno spartiacque che precede il rettilineo più lungo del circuito: richiede trazione in uscita per scaricare i cavalli sugli 832 metri del rettilineo che si chiude nella curva 6 da percorrere in pieno. Fine del primo settore.

La curva 7, a sinistra, è la più impegnativa: da 329 km/h a 100 in 131 metri. Introduce un rettilineo e la 8, la più lenta: appena 90 km/H. Il circuito, da qui in poi, è un continuum di accelerazioni e frenate: 9 a 90° verso sinistra, breve rettilineo, e 10 verso sinistra. 11 e 12 a destra e sinistra, senza frenare, ma decelerando. Nuovo allungo sino alla 13, tornante a sinistra impegnativo che porta al rettilineo. Si chiude il secondo settore.

Il T3 è la parte più “guidata”. Il pilota funge da discriminante: curva 14 stretta a destra, 15 cieca a sinistra. I più coraggiosi affrontano la porzione in accelerazione e correggono la traiettoria a pochi metri dalla 16, a destra. Il circuito diviene tortuoso: 17 a sinistra. Giù sul pedale e 18, ancora a sinistra, da “chirurgo”. Si passa sotto le tribune e la carreggiata si restringe. La 19 non richiede frenate, mentre a 20 è poco impegnativa. La curva 21 non richiede frenate e introduce alle ultime due, solo in apparenza facili: la traiettoria della 22 determina la percorribilità della 23. Affrontarle nel modo giusto determina maggiore velocità per chiudere il giro nel minor tempo possibile. Noi l’abbiamo spiegato. Vettel c’è riuscito….

Luigi Pellicone
A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Web e Tecnologia

Vendere o acquistare un’auto usata: vademecum Il mercato delle auto usate è da sempre battuto in Italia, soprattutto negli ultimi tempi con la crisi...

Motori

Gilles Villeneuve, l’eterno poeta innamorato del limite /E volta nostra poppa nel mattino,/ Dei remi facemmo ali al folle volo/ Sempre acquistando dal lato...

Motori

Tanti auguri “Fisico”, ultimo patriota della Formula 1 231 gran premi disputati in Formula 1, 19 podi, 4 pole position e 3 gare vinte;...

Motori

Tanti auguri Schumi, Keep Fighting Michael Schumacher: 52 anni oggi e ultimi 8 compleanni vissuti fra silenzio, angosce e speranze. Sono trascorsi sei anni...

Motori

La Formula 1 e quel titolo Mondiale prima di Capodanno, ma dopo Natale Che fa un pilota di F1 tra Natale e Capodanno? Trascorre...

Motori

Bertrand Gachot: passare alla storia a propria insaputa Compie oggi 58 anni Bertrand Gachot, il pilota di Formula Uno che pur non vincendo mai...

Motori

Perez in Red Bull: una scelta che fa soprattutto gli interessi della Formula 1 Pecunia non olet, dicevano gli antichi. Il denaro non ha...

Motori

La resilienza sorridente di Clay Regazzoni Il 15 dicembre 2006 ci lasciava Clay Regazzoni, storico pilota italiano, la cui storia ci ha insegnato che...

Motori

François Cevert: una folata di vento – Alcune strade  portano più ad un destino che a una destinazione. – Jules Verne La verità è...

Motori

“Ho scritto Campione del Mondo sulla sabbia”, Alonso, una tragedia in tre atti Oggi alle 14.10 ora italiana si corre l’ultimo Gran Premio del...

Motori

Tom Pryce, il peggiore dei giri C’è stato un semidio effimero della pioggia; uno che chiamava amico Giove Pluvio; perché quando le nuvole cominciavano...

Motori

Formula-1: il bagno turco rigenera la Ferrari. Un buon auspicio per il finale di campionato? L’unica “zona rossa” che piace si trova in Turchia....

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro