Connect with us

Cerca articoli

Motori

Gran Premio di Malesia: tra pioggia e umidità, vince chi resiste e non sbaglia

Rosberg o Hamilton, Hamilton o Rosberg, uffa che noia. Calma. La F1, di scena in Malesia, potrebbe regalare qualche sorpresa: da queste parti la probabilità di pioggia è sempre alta. Il bagnato e in ogni caso questo è un circuito interpretabile in più filosofie. Quanto bastano per rimescolare le carte.

Sepang ha curvoni lunghi e rapidi, saliscendi,  cambi di pendenza, carreggiata estremamente ampia, lunghi rettilinei paralleli. L’aerodinamica (quindi bene per la Red Bull) la fa da padrone: Kuala Lampur pretende una monoposto ben equilibrata e il “passo”. Maratona, più che gara. Vettel in questo senso, potrebbe dire la sua.

L’asfalto, particolarmente abrasivo (nonostante il rifacimento di cordoli e dei canali di drenaggio) è un fattore discriminante. Il classico “circuito chewingum”: mastica le gomme e le deteriora in pochi giri. Occhio dunque alle scelte: la Pirelli ha portato hard, medium e soft. Queste ultime garantiscono ottima aderenza, ma divengono estremamente “scivolose” complice anche la percentuale di umidità che sfiora l’80%. La strategia? Due soste se si parte con le medie e si chiude con le dure, tre se si scelgono medie e morbide.

19circuito-sepang

In questa “sauna”, fondamentali resistenza fisica e concentrazione: Sepang non perdona. Se sbagli, rallenti e sei superato. La traiettoria più corretta è  sempre in funzione della curva successiva, per sfruttare trazione e accelerazione. La chiave di volta del GP sarà la curva 1, la più selettiva in assoluto: si parte da fermi, accelerazione importante e ricerca del giusto punto di frenata. Chi sbaglia, si ritrova lontano dal punto di corda e impossibilitato a impostare la traiettoria per la contro-curva successiva, a sinistra e in leggera discesa. Le curve 5,6,12, da affrontare a oltre 200 chilometri orari hanno un nemico comune: il sottosterzo. Quindi ala anteriore mediamente carica, alettone posteriore ad elevato livello di deportanza, altezza della monoposto dal suolo meno elevata. Occhio alle curve 13 e alla 14, da grande sensibilità di guida: si frena e sterza contemporaneamente. Il rischio di un lungo e di “spiattellare” la gomma è dietro l’angolo, in tutti i sensi, visto che la 14 è veloce e poi si stringe a gomito.

Sforzo importantissimo anche per i motori: l’acceleratore è aperto al massimo per il 60% del circuito: una percentuale inferiore solo a Monza. L’altra velocità e i repentini cambi di direzione mettono sotto pressione anche le power unit costrette a convivere con l’umidità del clima che impone di lavorare a giri più alti rispetto ad altri circuiti per garantire potenza: non sono eslcuse sorprese. Prepariamoci per uno dei GP più interessanti della stagione.

A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Inchieste & Focus

Bisogna mettersi d’accordo, a un certo punto, anche se per noi non ce ne sarebbe bisogno: un campione va giudicato in base ai risultati...

Inchieste & Focus

Il 13 Settembre 2007, la FIA condanna la McLaren al pagamento di una multa di 100 milioni di dollari e l’azzeramento dei punti nel...

Motori

Monza 1988, l’incredibile doppietta rossa in ricordo di Enzo Ferrari Si corre oggi il Gp di Monza, un circuito che nel 1988 fece da...

Motori

Monza e la Ferrari: un Matrimonio e sei figli “speciali” Si corre domenica il Gran Premio D’Italia a Monza. Un circuito la cui storia...

Motori

Messico e Favole: la prima vittoria in F1 di Berger e della Benetton Compie oggi 62 anni Gerhard Berger, il pilota austriaco della Formula...

Motori

4 giugno 1988: il Papa a Maranello Il 4 giugno 1988 era sabato, a cavallo tra il Gran Premio del Messico e quello canadese....

Motori

Come faccio a spiegarti cosa fosse Niki Lauda? Il 20 maggio 2019 ci lasciava Niki Lauda, la leggenda della Formula Uno. Il nostro tributo...

Motori

Gilles Villeneuve, l’eterno poeta innamorato del limite /E volta nostra poppa nel mattino,/ Dei remi facemmo ali al folle volo/ Sempre acquistando dal lato...

Motori

Michele Alboreto, signor pilota, pilota signore Chi l’ha detto che si debba sempre cominciare dall’inizio? Peraltro quelli bravi, o che vogliono apparire tali, cominciano...

Calcio Social

Tra LeBron e Ibrahimovic nessuno dei due ha ragione Quello tra LeBron James e Zlatan Ibrahimovic è stato uno scontro che a livello mediatico...

Salute e Benessere

Sigarette elettroniche e salute, tra dubbi e certezze Un tema caldo da anni, da quando questi prodotti hanno fatto la propria comparsa sul mercato...

Motori

Senna contro Prost: la leggendaria rivalità all’ombra del Sol Levante Per i 66 anni compiuti oggi da Alain Prost, vi raccontiamo una delle rivalità...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro