Connect with us

Cerca articoli

Motori

Gran Premio di Malesia: tra pioggia e umidità, vince chi resiste e non sbaglia

Rosberg o Hamilton, Hamilton o Rosberg, uffa che noia. Calma. La F1, di scena in Malesia, potrebbe regalare qualche sorpresa: da queste parti la probabilità di pioggia è sempre alta. Il bagnato e in ogni caso questo è un circuito interpretabile in più filosofie. Quanto bastano per rimescolare le carte.

Sepang ha curvoni lunghi e rapidi, saliscendi,  cambi di pendenza, carreggiata estremamente ampia, lunghi rettilinei paralleli. L’aerodinamica (quindi bene per la Red Bull) la fa da padrone: Kuala Lampur pretende una monoposto ben equilibrata e il “passo”. Maratona, più che gara. Vettel in questo senso, potrebbe dire la sua.

L’asfalto, particolarmente abrasivo (nonostante il rifacimento di cordoli e dei canali di drenaggio) è un fattore discriminante. Il classico “circuito chewingum”: mastica le gomme e le deteriora in pochi giri. Occhio dunque alle scelte: la Pirelli ha portato hard, medium e soft. Queste ultime garantiscono ottima aderenza, ma divengono estremamente “scivolose” complice anche la percentuale di umidità che sfiora l’80%. La strategia? Due soste se si parte con le medie e si chiude con le dure, tre se si scelgono medie e morbide.

19circuito-sepang

In questa “sauna”, fondamentali resistenza fisica e concentrazione: Sepang non perdona. Se sbagli, rallenti e sei superato. La traiettoria più corretta è  sempre in funzione della curva successiva, per sfruttare trazione e accelerazione. La chiave di volta del GP sarà la curva 1, la più selettiva in assoluto: si parte da fermi, accelerazione importante e ricerca del giusto punto di frenata. Chi sbaglia, si ritrova lontano dal punto di corda e impossibilitato a impostare la traiettoria per la contro-curva successiva, a sinistra e in leggera discesa. Le curve 5,6,12, da affrontare a oltre 200 chilometri orari hanno un nemico comune: il sottosterzo. Quindi ala anteriore mediamente carica, alettone posteriore ad elevato livello di deportanza, altezza della monoposto dal suolo meno elevata. Occhio alle curve 13 e alla 14, da grande sensibilità di guida: si frena e sterza contemporaneamente. Il rischio di un lungo e di “spiattellare” la gomma è dietro l’angolo, in tutti i sensi, visto che la 14 è veloce e poi si stringe a gomito.

Sforzo importantissimo anche per i motori: l’acceleratore è aperto al massimo per il 60% del circuito: una percentuale inferiore solo a Monza. L’altra velocità e i repentini cambi di direzione mettono sotto pressione anche le power unit costrette a convivere con l’umidità del clima che impone di lavorare a giri più alti rispetto ad altri circuiti per garantire potenza: non sono eslcuse sorprese. Prepariamoci per uno dei GP più interessanti della stagione.

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Motori

Monza 1988, l’incredibile doppietta rossa in ricordo di Enzo Ferrari Si corre oggi il Gp di Monza, un circuito che nel 1988 fece da...

Motori

Messico e Favole: la prima vittoria in F1 di Berger e della Benetton Compie oggi 61 anni Gerhard Berger, il pilota austriaco della Formula...

Motori

Come faccio a spiegarti cosa fosse Niki Lauda? Il 20 maggio 2019 moriva a Zurigo Niki Lauda, la leggenda della Formula Uno. Il nostro...

Motori

Gilles Villeneuve: quando erano vere anche le utopie Trentotto anni senza Gilles Villeneuve. Trentotto anni senza l’utopia. Perché assieme all’Aviatore, quell’8 maggio 1982 a...

Motori

Gilles Villeneuve, l’eterno poeta innamorato del limite /E volta nostra poppa nel mattino,/ Dei remi facemmo ali al folle volo/ Sempre acquistando dal lato...

Motori

Formula Gran Premio 1925: la Formula Uno prima della Formula Uno La storia delle attuali Formula Uno inizia nel 1921, quando la AIACR, come...

Motori

[themoneytizer id=”27127-1″] Senna contro Prost: la leggendaria rivalità all’ombra del Sol Levante Per i 65 anni compiuti oggi da Alain Prost, vi raccontiamo una...

Altri Sport

[themoneytizer id=”27127-1″] Lo Sport della Generazione Gender: il nodo del testosterone per gli Sport femminili Sta creando non pochi attriti la possibilità che atleti...

Motori

[themoneytizer id=”27127-1″] Luca Badoer, “lo Stachanov del volante” Compie oggi 49 anni Luca Badoer, l’uomo nell’ombra della Ferrari che vinceva i Mondiali. Il nostro...

Motori

[themoneytizer id=”27127-1″] Tanti auguri “Fisico”, ultimo patriota della Formula 1 231 gran premi disputati in Formula 1, 19 podi, 4 pole position e 3...

Motori

[themoneytizer id=”27127-1″] Tanti auguri Schumi, Keep Fighting Michael Schumacher: 51 anni oggi e ultimi 7 compleanni vissuti fra silenzio, angosce e speranze. Sono trascorsi...

Motori

[themoneytizer id=”27127-1″] La Formula 1 e quel titolo Mondiale prima di Capodanno, ma dopo Natale Che fa un pilota di F1 tra Natale e...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro