Quantcast
Connect with us

Cerca articoli

Motori

GP del Messico: Una Monza in altura, più fredda, umida e con l’aria rarefatta

GP del Messico terzultimo atto del mondiale in un autodromo del tutto particolare. Quasi un unicum per la F1. Si corre a 2300 metri sul mare, in un parco di Mexico City.  4304 metri in un alto tasso di umidità, da percorrere per 71 volte su un asfalto particolarmente freddo dove tuttavia si toccano picchi altissimi: lo scorso anno, Vettel spinse la sua Ferrari sino a 366 km/h. Circuito veloce quanto impegnativo: ottima trazione e aderenza meccanica necessaria nei curvoni veloci.

Occhio alla rarefazione fattore discriminante per l’aerodinamica, freni e motori: il raffreddamento delle power unit e dei freni è complicato, quindi le monoposto dovranno essere rivisitate, come se si corresse in ambienti torridi. Resta però da trovare il compromesso con l’aderenza. La minore densità dell’aria offre meno resistenza all’avanzamento. Di conseguenza le frenate sono molto più violente: “arrostiscono” l’impianto provocandone spesso il surriscaldamento, generato anche dalle difficoltà climatiche.

Prima parte velocissima: si toccano i 360 km orari e violenta staccata (133kg sul pedale del freno) con un picco di decelerazione di 5.2G. Si rallenta sino a 102 km/h per affrontare la 1 a destra, che forma un “S” con la 2 e la 3 prima di affrontare novamente tutti i cavalli in rettilineo che porta alla staccata della 4, una sinistra da affrontare passando dai 320 ai 90 Km/h (5G, 127 Kg di frenata). La 4 e la 5 formano la sequenza più  impegnativa per la meccanica. Occorre grip. La 6 è un tornante che richiede trazione. Quindi una nuova serie di “S” dalla 7 alla 11 tutto da percorrere a velocità crescente. Si arriva ai 312 km/h per affrontare la discesa che porta all’ultimo settore: il più lento, tipico da motodrome, sinistra a 13, allungo alla 14 secca a destra, 15 destra/sinistra verso la 16 secca e lenta da 92 km/h. Da qui si spinge a tutto gas sulla “Peraltada” la parabolica che ricorda Monza e avvia lungo il rettilineo principale. Un circuito poco decifrabile, che potrebbe riservare sorprese.

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facebook

Da non perdere

Motori

Elio De Angelis, il pilota e il pianoforte Il nostro tributo dedicato a Elio De Angelis, sfortunato pilota romano che ha perso la vita...

Motori

Gilles Villeneuve, l’eterno poeta innamorato del limite /E volta nostra poppa nel mattino,/ Dei remi facemmo ali al folle volo/ Sempre acquistando dal lato...

Motori

Ayrton e Alain: il mio nemico migliore Nel giorno in cui ricordiamo la scomparsa di Ayrton Senna, avvenuta il primo maggio 1994, con Paolo...

Motori

Michele Alboreto, signor pilota, pilota signore Chi l’ha detto che si debba sempre cominciare dall’inizio? Peraltro quelli bravi, o che vogliono apparire tali, cominciano...

Motori

Il campione firma un autografo, che non è soltanto l’ennesimo, stavolta. Sono da poco passate le 15, la sua penna disegna sul foglio, portogli...

Calcio

Sennasempre: la storia in una maglia Testo: Ettore Zanca Illustrazione: Enrico Natoli Nel giorno in cui avrebbe compiuto 61 anni, vi raccontiamo l’impatto che...

Interviste

A tu per tu con Antonio Cairoli Abbiamo avuto l’onore e il piacere di intervistare Antonio Cairoli, uno dei più grandi piloti di motocross...

Calcio

Helmut Haller: il giocoliere teutonico Il biondone di Augusta. Helmut Haller: un teutonico consacrato in Italia. Lo stivale è diventato presto casa sua. Lui,...

Motori

Enzo Ferrari: Storia d’Inverno Il nostro tributo alla leggenda Enzo Ferrari nel giorno della sua nascita, datata 18 febbraio 1898. “Perché a vent’ anni...

Motori

Didier Pironi: una storia di coincidenze “Tragica morte di Didier Pironi, l’ex campione di Formula 1, durante una gara di motonautica al largo dell’isola di...

Interviste

Carlo Pernat, non è solo un manager vincente del motociclismo, ma può essere considerato il Re Mida delle due ruote. Carlo,  che ha vinto...

Economia

Mercato moto, il settore tiene botta Un po’ a sorpresa, visto l’anno del tutto particolare che si è appena concluso, il settore delle moto...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro