Connect with us

Cerca articoli

Motori

GP del Messico: Una Monza in altura, più fredda, umida e con l’aria rarefatta

GP del Messico terzultimo atto del mondiale in un autodromo del tutto particolare. Quasi un unicum per la F1. Si corre a 2300 metri sul mare, in un parco di Mexico City.  4304 metri in un alto tasso di umidità, da percorrere per 71 volte su un asfalto particolarmente freddo dove tuttavia si toccano picchi altissimi: lo scorso anno, Vettel spinse la sua Ferrari sino a 366 km/h. Circuito veloce quanto impegnativo: ottima trazione e aderenza meccanica necessaria nei curvoni veloci.

Occhio alla rarefazione fattore discriminante per l’aerodinamica, freni e motori: il raffreddamento delle power unit e dei freni è complicato, quindi le monoposto dovranno essere rivisitate, come se si corresse in ambienti torridi. Resta però da trovare il compromesso con l’aderenza. La minore densità dell’aria offre meno resistenza all’avanzamento. Di conseguenza le frenate sono molto più violente: “arrostiscono” l’impianto provocandone spesso il surriscaldamento, generato anche dalle difficoltà climatiche.

Prima parte velocissima: si toccano i 360 km orari e violenta staccata (133kg sul pedale del freno) con un picco di decelerazione di 5.2G. Si rallenta sino a 102 km/h per affrontare la 1 a destra, che forma un “S” con la 2 e la 3 prima di affrontare novamente tutti i cavalli in rettilineo che porta alla staccata della 4, una sinistra da affrontare passando dai 320 ai 90 Km/h (5G, 127 Kg di frenata). La 4 e la 5 formano la sequenza più  impegnativa per la meccanica. Occorre grip. La 6 è un tornante che richiede trazione. Quindi una nuova serie di “S” dalla 7 alla 11 tutto da percorrere a velocità crescente. Si arriva ai 312 km/h per affrontare la discesa che porta all’ultimo settore: il più lento, tipico da motodrome, sinistra a 13, allungo alla 14 secca a destra, 15 destra/sinistra verso la 16 secca e lenta da 92 km/h. Da qui si spinge a tutto gas sulla “Peraltada” la parabolica che ricorda Monza e avvia lungo il rettilineo principale. Un circuito poco decifrabile, che potrebbe riservare sorprese.

A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Motori

Monza e la Ferrari: un Matrimonio e sei figli “speciali” Si corre domenica il Gran Premio D’Italia a Monza. Un circuito la cui storia...

Motori

Jochen Rindt: Campione oltre il destino Il campione firma un autografo, che non è soltanto l’ennesimo, stavolta. Sono da poco passate le 15, la...

Calcio

Paul Breitner: oltre il Muro dell’apparenza Compie oggi 70 anni Paul Breitner, iconico calciatore tedesco che non ha mai nascosto le sue idee politiche...

Motori

La Formula-1 e la “maledizione” di Zandvoort Si scrive Zandvoort, si legge canto del cigno. Di ambizioni e di vittorie. Domenica prossima, dopo trentasei...

Motori

Messico e Favole: la prima vittoria in F1 di Berger e della Benetton Compie oggi 62 anni Gerhard Berger, il pilota austriaco della Formula...

Motori

Enzo Ferrari: Storia d’Inverno Il nostro tributo alla leggenda Enzo Ferrari nel giorno della sua morte, datata 14 agosto 1988. “Perché a vent’ anni...

Motori

Nuvolari, quel giorno d’agosto Tazio Nuvolari è una scia di polvere, una di quelle che non vedremo mai nelle corse moderne, che la maggior...

Motori

Ungheria ’86: “IL” Sorpasso Come quando correva Nelson Piquet, che solo a pronunciarne il nome sentivi che nessun’altra parola potesse avere una sequenza di...

Motori

Domenica 12 agosto 1990. Cinque settimane dopo la fine delle ‘Notti magiche’ si disputava il Gran Premio d’Ungheria, con gli occhi del mondo puntati...

Calcio

Giacinto Facchetti: Tre, come Treviglio Tra i tanti primati del calcio italiano, ce n’è uno, sempre passibile di aggiornamenti, incrociando le dita, che gli...

Motori

Kevin Schwantz, il “kamikaze” che ha reso pazzo il motociclismo Compie oggi 57 anni Kevin Schwantz, pilota iconico del Motociclismo a cavallo tra gli...

Calcio

Lunedì 3 febbraio 1964. Una data importante nella storia gigliata. Non ci riferiamo alla conquista di scudetti o trofei, ma il giorno dopo il...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro