Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Gli affari Neymar – Mbappè: siamo davvero arrivati al Fantacalcio?

Si possono spendere 562 milioni di euro per un calciatore? Oppure 190 per un altro che per quanto possa essere bravo è appena maggiorenne? In quelli che sarebbero dovuti essere tempi di fair play finanziario la risposta è sì, si possono spendere. A tanto infatti sembrano disposte ad arrivare il PSG e il Real Madrid (forse anche il Manchester City) per aggiudicarsi le prestazioni del brasiliano Neymar (tra costo del cartellino e ingaggio), attualmente in forza al Barcellona e del camerunense naturalizzato francese Kylian Mbappè che milita nel Monaco. Due affari che se andassero in porto sarebbero senza ombra di dubbio le operazioni più importanti (quella di Neymar in assoluto) messe a segno da quando esiste il calciomercato. E darebbero l’idea più chiara di quello che è diventato oggi lo sport più seguito al mondo: un’occasione per fare soldi, e con i soldi comprare tutto e tutti. Con buona pace di coloro (Michel Platini su tutti che non a caso è ormai fuori dal sistema) che una decina d’anni or sono vollero l’emanazione di quel pacchetto di norme passato alla storia come “fair play finanziario”. Che avrebbe dovuto nelle intenzioni dei suoi promotori, “dare più ordine e stabilità finanziaria al sistema”. Calmierando gli ingaggi e limitando le spese folli soprattutto quando non in linea con i risultati di bilancio delle società. Non che tutto ciò non sia avvenuto, molte società hanno dovuto adeguarsi (per esempio il Milan che è tornata a spendere tanto in quest’ultima sessione di calciomercato) ma ciò nonostante, non sono in pochi oggi coloro che pensano che le norme vadano cambiate. O meglio adeguate al contesto.

Tra questi c’è proprio il presidente della UEFA Ceferin il quale tra le varie modifiche è arrivato a proporre anche e (finalmente) l’introduzione di un limite agli stipendi, il cosiddetto salary cap con una tassa sugli stipendi sopra una certa cifra. Eppure, secondo quello che scrive il Sole 24 Ore non è detto che l’operazione Neymar come anche quella di Mbappè al Real Madrid qualora andassero in porto, sarebbero fuori dal contesto delle norme sul FPF. Infatti come scrive il quotidiano della Confindustria, il tetto del 70% nel rapporto tra fatturato e monte ingaggi (parametro previsto dal FPF) non verrebbe superato. E se anche l’acquisto del brasiliano gravasse sul bilancio a tal punto di condurre ad una perdita d’esercizio, dovrebbe comunque essere superata la soglia dei 90 milioni nel triennio consentiti dal FPF. Dato che negli ultimi 3 anni il PSG ha sempre chiuso in utile. Ci sarebbero poi alcune operazioni in uscita (Verratti e Di Maria) che renderebbero più agevole l’operazione Neymar. Tutto quindi secondo le norme. Ma a prescindere dal buon fine dell’operazione, i rischi per il sistema calcio sarebbero anche altri: vale a dire un’impennata generale dei prezzi di molti altri cartellini. In uno scenario simile a quello di una bolla speculativa. Dove il mercato arriva a gonfiare i prezzi fino all’inverosimile. E gonfia la bolla fino a quando poi non scoppia.

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

1 Comment

1 Comment

  1. Avatar

    carosini casimiro

    Luglio 28, 2017 at 11:10 am

    Che gusto c’è? parteccipare a dei campionati di calcio per fare divertire i tifosi di due o tre squadre? questo calcio non mi interessa e non mi diverte. L’unico vero calcio è rimasto quello delle nazionali dove girano pochi soldi e nessuno puo comprarti i giocatori emergenti.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Economia

Dove acquistare criptovalute in rete Dove acquistare criptovalute: una di quelle domande che negli ultimi mesi sta circolando maggiormente in rete. Le monete digitali...

Calcio

Le meteore della Serie A: El Uablo bianconero Juan Eduardo Esnaider Compie oggi 48 anni Juan Eduardo Esnaider, uno dei tanti “fenomeni parastatali” (come...

Calcio

O Gigante da colina e il suo profeta magro: Roberto Dinamite “Gigante da colina”: un nome da fiaba, che sembra posarsi sulle spalle dei...

Calcio

Bert Trautmann: Giocare e vincere con il collo rotto Tutto comincia in una zona borghese di Brema nel 1923, nella quale il giovane Bernhard...

Calcio

Pato firma per l’Orlando City. Sundas di American Group Sport Management esprime la propria soddisfazione: “Un grande colpo per l’MLS e per Orlando” Alexandre...

Calcio

Quando Cristiano Ronaldo fu ad un passo dalla Serie A Compie oggi 36 anni Cristiano Ronaldo, attuale attaccante della Juventus che, molti anni prima...

Calcio

C’era una volta un Leone con un Mitra: Batigol Se non fosse per l’intensità dello sguardo, caratterizzato da profondi occhi chiari, sarebbe difficile per...

Calcio

Quando Messi stava per andare al Como Oggi, insieme a Cristiano Ronaldo, è unanimemente riconosciuto come il calciatore più forte in attività. Qualcuno porta...

Calcio

Quando James Rodriguez stava per andare al Bari Nell’estate del 2014 il colombiano James Rodriguez, dopo un grande Mondiale in Brasile disputato con la...

Calcio

Günter Netzer, Sigfrido a centrocampo Uno spiraglio di sole, nonostante l’ombra di Franz Beckenbauer: per il calcio tedesco e per una pretesa rivalità che...

Calcio

Stan Bowles: il più grande talento che non avete mai visto Compie oggi 72 anni Stan Bowles, un calciatore il cui nome non potrebbe...

Calcio

Quando Pavel Nedved poteva “tradire” la Juve per andare all’Inter Il 22 dicembre 2003 veniva assegnato il Pallone d’oro a Pavel Nedved, fenomeno ceco e...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro