Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Giuseppe “Nanu” Galderisi racconta Messico 1986

Giuseppe “Nanu” Galderisi racconta Messico 1986

Per i 58 anni compiuti oggi da Nanu Galderisi, vi riproponiamo l’intervista in cui ci raccontò la sua esperienza con la maglia azzurra ai Mondiali di Messico 1986.

Giuseppe “Nanu” Galderisi è stato il centravanti titolare della nazionale italiana che nell’86 andò in Messico per difendere il titolo di campione del mondo. Tolse il posto all’eroe di Spagna Paolo Rossi, arrivando all’apice di una carriera che, l’anno precedente, lo aveva visto campione d’Italia con la maglia del Verona di Osvaldo Bagnoli. Lo abbiamo intervistato per avere una testimonianza diretta di aneddoti e interpretazioni relative a quel mondiale che Galderisi ci ha fornito senza giri di parole.

Galderisi, tu eri il centravanti titolare della nazionale nel mondiale messicano dell’86. Come ti eri immaginato di giocare quella competizione? Alla fine fosti soddisfatto o portasti a casa qualche rammarico?

Anche se si era cominciato a parlare di una mia possibile convocazione già ai mondiali dell’82, io entrai stabilmente nel giro della nazionale nel 1984. Nei due anni prima del mondiale l’Italia disputò solo amichevoli e questo, secondo me, non fu un fattore positivo. Ricordo che c’era molto entusiasmo intorno alla nazionale, nella quale giocavano ancora diversi campioni del mondo che per me lo erano soprattutto dal punto di vista umano: Tardelli, Paolo Rossi, Cabrini, Scirea, tutta gente che avevo frequentato quotidianamente già ai tempi in cui giocavo nella Juventus. Insomma, arrivammo tutti al mondiale con una gran voglia di fare bene. Nella partita d’esordio con la Bulgaria, però, ci fu il primo segnale negativo: il gol del pareggio subito al 85° che ci creò dei problemi di classifica nel girone. Insomma, la realtà è che nell’86 non scattò mai quella scintilla che ci avrebbe consentito di esprimere appieno il nostro effettivo potenziale. Io, nelle quattro partite che disputammo, corsi come un disperato: alla fine tornai a casa che pesavo sei chili in meno. E’ vero che mi mancò il gol e questo fatto, unito all’eliminazione della squadra agli ottavi, si, in effetti per me ha costituito un rammarico.   

Come vi eravate preparati per gestire il problema dell’altura?

Andammo il ritiro in montagna, a Roccaraso: la mattina facevamo passeggiate in altura e il pomeriggio svolgevamo gli allenamenti. Eravamo un grande gruppo composito: del Verona c’eravamo io (anche se quell’anno avevo appena firmato per il Milan), Fanna, Tricella e Di Gennaro; ragazzi come De Napoli e Beppe Baresi che avevano fatto grandi cose; e infine i reduci del Mundial 82, di elevato spessore. Come detto, però, non riuscimmo a rendere per come potevamo: è stato un mondiale filato via troppo facilmente nella direzione che non volevamo. La prima partita, in questo senso, fu determinante: se l’avessimo vinta magari negli ottavi avremmo incontrato una squadra diversa e noi saremmo riusciti a trovare quella scintilla di cui avevamo bisogno. 

Bearzot scelse solo all’ultimo il portiere che doveva giocare titolare tra Galli e Tancredi. Credi che questa incertezza possa aver influito sul rendimento dei due e sull’assetto difensivo della squadra?

In effetti a pochi giorni dall’esordio noi ancora non sapevamo chi sarebbe stato il portiere titolare. Io credo che non ci fosse molta serenità, c’era molta attesa anche se Giovanni e Franco si rispettavano molto. Forse è vero, questo dualismo non aiutò. Conoscendoli, entrambi a me sembravano poco sereni. Sapendo, però, l’importanza che dava Bearzot all’aspetto umano, immagino che lui abbia cercato di dare forza a entrambi e di spiegare le sue decisioni. Alla fine, comunque, non credo che sia stata una questione così determinante. 

Come mai Bearzot portò al mondiale Paolo Rossi e Marco Tardelli sapendo che non li avrebbe fatti giocare? In una competizione così tirata non sarebbe stato più opportuno convocare due giocatori pronti a scendere in campo?

Io ricordo che il giorno prima della partita d’esordio con la Bulgaria, Bearzot convocò in camera me e De Napoli per dirci che vedeva meglio noi di Rossi e Tardelli e quindi saremmo stati noi i titolari.  Penso che Bearzot avesse valutato tutte le componenti in gioco e alla fine ritenne che la presenza di Paolo e Marco, dal punto di vista del gruppo, fosse comunque la cosa migliore. Certamente non fece le convocazioni per riconoscenza. Comunque ti posso dire che fino all’ultimo giorno né io né De Napoli immaginavamo di giocare. Poi, facendo sempre i titolari, pensai che forse era qualcosa che Bearzot aveva già in mente.

Chi era, nella nazionale di quegli anni, il partner d’attacco col quale ti trovavi più a tuo agio?

In quel mondiali avevamo un bel parco attaccanti. Oltre a me c’erano Bruno Conti, Vialli, Serena, Altobelli e Paolo Rossi. Insomma, Bearzot aveva la possibilità di mettere sempre in campo un attacco pericoloso. In realtà, io avevo la capacità di adattarmi alla punta con cui ero chiamato a far coppia: nel Verona giocai sia con Elkjaer che con Iorio, trovandomi bene con entrambi nonostante avessero caratteristiche completamente diverse. Io riuscivo a muovermi bene tra le linee come seconda punta ma anche come attaccante centrale in mezzo all’area. In quella nazionale, Altobelli era più centrale e io gli giravo intorno. E anche se le cose non andarono così bene, io mi porto dietro un ricordo splendido di quel mondiale perché, anche dopo l’eliminazione, Bearzot mi disse che avevo fatto un gran campionato e che dovevo andare avanti per la mia strada. 

Chi fu, dopo Maradona, il giocatore che ti colpì di più in quel mondiale?

Intanto ti voglio raccontare un aneddoto su Maradona. Quando eravamo in ritiro a Puebla ci venne a trovare e spese un po’ di tempo con noi. Era talmente tirato, talmente in forma che sembrava bellissimo: strutturato, forte. Insomma, ci dette da pensare visto che eravamo nello stesso girone… Quanto agli altri, a me impressionò molto Elkjaer: facevo il tifo per lui. Anche l’altro mio compagno Briegel giocò molto bene. Poi a me piacevano sia Butragueno che Hugo Sanchez, il centravanti messicano.

Arrivasti a toccare l’apice della tua carriera proprio in quel mondiale, a soli 23 anni. Perché non riuscisti a mantenere le tue prestazioni a quei livelli?

E’ una domanda che mi sono posto anche io. Dopo quel mondiale andai al Milan. Eravamo io, Hateley e Virdis, c’era un po’ di confusione perché in effetti non si sapeva bene chi giocava. Non lo so, io avevo molta voglia di dimostrare che ero forte, forse alcune scelte non sono state del tutto oculate. Successivamente andai alla Lazio in serie B per riportarla in A ma quella fu un’annata un po’ particolare e alla fine non venni più chiamato in Nazionale. Mi persi un po’ fino a quando non ritrovai continuità a Padova ma certo un po’ di rammarico c’è: per le scelte fatte e per il modo in cui ho affrontato determinate situazioni.

A cura di

Giornalista e scrittore, coltiva da sempre due grandi passioni: la letteratura e lo sport, che pratica a livello amatoriale applicandosi a diverse discipline. Collabora con case editrici e redazioni giornalistiche ed è opinionista sportivo nell’ambito dell’emittenza televisiva romana. Nel 2018 ha pubblicato il romanzo Ci vorrebbe un mondiale – Ultra edizioni.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Altri Sport

A tu per tu con Igor Cassina, il ginnasta venuto dallo spazio Con mille imprevisti e diecimila difficoltà siamo arrivati alla partenza di questa...

Calcio

René Houseman, “El Loco Impresentable” Ieri 19 luglio nasceva nel 1953 Renè Houseman, Campione del Mondo 1978 con la sua Argentina, scomparso  per un...

Calcio

E così, dopo quattro anni, il gran circo dei mondiali torna a varcare l’Atlantico. Per la prima volta sopra la linea del Rio Grande,...

Calcio

Mario Kempes racconta i Mondiali 1978 In occasione dei suoi 67 compiuti oggi, vi riproponiamo l’intervista a uno dei grandi protagonisti della vittoria albiceleste,...

Altri Sport

A tu per tu con Francesco Attolico, l’Airone azzurro della pallanuoto Momenti frenetici a Tokyo dove a giorni sta per partire la trentaduesima edizione...

Calcio

Nel 2014 tocca al Brasile tornare a organizzare la fase finale della coppa del mondo. Tutto l’impegno del Paese è legato all’obiettivo di cancellare...

Calcio

Spagna 1982, l’Italia del Vecio e il primo Mondiale “Globale” L’11 luglio 1982 allo Stadio Santiago Bernabeu di Madrid l’Italia si impone sulla Germania...

Calcio

Ai mondiali qualche (relativa) sorpresa è ancora possibile: sembra questo il senso dell’edizione di Germania 2006 nella quale si erge a protagonista la squadra...

Calcio

Berlino 15 anni dopo, Italia Campione del Mondo: Mi ritorni in mente Ogni Mondiale di calcio ha la sua canzone. Era il 1990 quando...

Calcio

La Coppa Rimet è rimasta definitivamente tra le nuvole di Messico 70, vincolata in eterno al Brasile che per primo si è effigiato del...

Calcio

Svezia 1958, il Mondo ai piedi di O’Rei Pelé Il 29 giugno 1958 al Rasundastadion di Stoccolma il Brasile si impone per 5 a...

Basket

A tu per tu con Charlie Recalcati, la leggenda del basket italiano La riapertura parziale al pubblico degli eventi sportivi, che procede di pari...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro