Quantcast
Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Giuseppe Chiappella: Firenze andata e ritorno

Giuseppe Chiappella: Firenze andata e ritorno

Lombardo come Prandelli, tornò anche lui sulla panchina della Fiorentina. Giuseppe Chiappella scrisse pagine importanti della storia gigliata, prima da giocatore e poi da allenatore. Campione d’Italia nel 1956, partiva da mediano e in fase di non possesso andava a marcare l’uomo più avanzato del reparto arretrato, permettendo a Francesco Rosetta di essere più ‘libero’ per chiudere le incursioni con classe nonostante la poca velocità di base. Nella stagione successiva non disputò la finale di Coppa dei Campioni a causa di un infortunio patito in Nazionale (al suo postò Bernardini schierò Scaramucci).

Terminata la carriera da calciatore, nel 1960 iniziò quella di allenatore per affiancare il magiaro Nandor Hidegkuti, il quale arrivò a Firenze ‘in ritardo’ perché la Federcalcio ungherese non gli concesse il nulla osta nei tempi previsti. Alla prima stagione in panchina Chiappella conquistò la Coppa delle Coppe (prima edizione) e la coccarda tricolore (bissata nel ’66). Nel 1968 venne esonerato dalla proprietà viola e tornò alla Fiorentina dieci anni dopo per salvarla dalla retrocessione.

Sulla panchina del Napoli ha sfiorato uno scudetto (terzo posto nel ’71, con la squadra partenopea miglior difesa) e una Coppa Italia. Nella storia dell’Inter è ricordato come l’ultimo allenatore di Sandro Mazzola. Si è spento nel 2009 a 85 anni. Nel 2014 sul Guerin Sportivo Rossano Donnini ha posizionato Giuseppe Chiappella al 12° posto tra i 100 di sempre della storia viola.

Avatar
A cura di

Facebook

Da non perdere

Calcio

“La vita non si misura attraverso il numero di respiri che facciamo, ma attraverso i momenti che ci lasciano senza respiro.” Questo aforisma è...

Calcio

Intervista a Giorgio Martino, autore del libro “Rossi, Rossi, Rossi” Due chiacchiere con Giorgio Martino, per farci raccontare come è germogliato il progetto di...

Calcio

Muro di Berlino: Dirk Schlegel e Falko Götz, i due talenti della Germania Est fuggiti dalla Stasi Compie oggi 60 anni Dirk Schlegel, il...

Calcio

Aye, Mr President! – Quando Donald Trump stava per irrompere nel mondo del Calcio Compie oggi 75 anni Donald Trump, il magnate americano divenuto...

Calcio

Albino United: la squadra di calcio che combatte la stregoneria e la strage di innocenti in Africa Il 13 giugno di ogni anno ricorre...

Calcio

Mauro Tassotti, il Djalma Santos bianco “Puoi togliere il ragazzo dal ghetto ma non il ghetto dal ragazzo”, dice Zlatan Ibrahimovic. Potremmo portare questa...

Calcio

Kim Vilfort, il meno importante dei miracoli – Lieve è il dolore che parla. Il grande, è muto –  Seneca I sopravvissuti non sono...

Calcio

31 anni da Italia 1990, le Notti Magiche e il trionfo dell’ultima Germania divisa L’8 giugno di 31 anni fa iniziavano i Mondiali di...

Calcio

Il Campionato Romano di Guerra: il calcio a Roma durante e dopo l’occupazione nazista Il 5 giugno 1944 a Roma si respirava un’aria nuova...

Calcio

Giornata Mondiale dell’Ambiente: Come il Calcio si sta muovendo per difendere la salute del pianeta Nel giorno in cui si celebra la Giornata Mondiale...

Calcio

4 giugno 1944, Roma Liberata: i destini incrociati di Attilio Ferraris IV e Bruno Buozzi Il 4 giugno 1944 terminava, dopo quasi nove mesi,...

Calcio

Emigrante Fútbol Club: 4 squadre fondate da italiani in Argentina Il 3 Giugno si festeggia la Giornata Nazionale dell’Emigrante italiano in Argentina. Per l’occasione...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro