Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Giuseppe Chiappella: Firenze andata e ritorno

Giuseppe Chiappella: Firenze andata e ritorno

Lombardo come Prandelli, tornò anche lui sulla panchina della Fiorentina. Giuseppe Chiappella scrisse pagine importanti della storia gigliata, prima da giocatore e poi da allenatore. Campione d’Italia nel 1956, partiva da mediano e in fase di non possesso andava a marcare l’uomo più avanzato del reparto arretrato, permettendo a Francesco Rosetta di essere più ‘libero’ per chiudere le incursioni con classe nonostante la poca velocità di base. Nella stagione successiva non disputò la finale di Coppa dei Campioni a causa di un infortunio patito in Nazionale (al suo postò Bernardini schierò Scaramucci).

Terminata la carriera da calciatore, nel 1960 iniziò quella di allenatore per affiancare il magiaro Nandor Hidegkuti, il quale arrivò a Firenze ‘in ritardo’ perché la Federcalcio ungherese non gli concesse il nulla osta nei tempi previsti. Alla prima stagione in panchina Chiappella conquistò la Coppa delle Coppe (prima edizione) e la coccarda tricolore (bissata nel ’66). Nel 1968 venne esonerato dalla proprietà viola e tornò alla Fiorentina dieci anni dopo per salvarla dalla retrocessione.

Sulla panchina del Napoli ha sfiorato uno scudetto (terzo posto nel ’71, con la squadra partenopea miglior difesa) e una Coppa Italia. Nella storia dell’Inter è ricordato come l’ultimo allenatore di Sandro Mazzola. Si è spento nel 2009 a 85 anni. Nel 2014 sul Guerin Sportivo Rossano Donnini ha posizionato Giuseppe Chiappella al 12° posto tra i 100 di sempre della storia viola.

A cura di

Da non perdere

Calcio

Rogerio Ceni, molto più che un portiere Quando si è piccoli e ci si affaccia per la prima volta al mondo del pallone, l’unico...

Altri Sport

“La Guerra meno lo sparo”: la stroncatura dello Sport secondo George Orwell Il 21 gennaio 1950 moriva lo scrittore inglese Eric Arthur Blair, da tutti conosciuto...

Calcio

Dino Viola, l’educatore Il 19 Gennaio 1991 moriva Dino Viola, indimenticabile presidente della Roma, che ha lasciato un segno indelebile nel cuore dei tifosi...

Calcio

Luciano Re Cecconi: il tragico destino di un giocatore che veniva dal futuro Si ricordava ieri la morte, avvenuta il 18 gennaio 1977, di ...

Basket

Don Haskins, il Martin Luther King bianco del Basket americano Si è festeggiato ieri negli Stati Uniti il Martin Luther King Day, per celebrare...

Calcio

Mario Jardel e quei saluti calorosi sotto la curva sbagliata Con il calciomercato invernale nel vivo, riviviamo la storia di un bomber dal grande...

Pugilato

Muhammad Ali, in principio fu la bicicletta Quale ragazzino, negli anni Cinquanta, non avrebbe desiderato una bicicletta Schwinn? Una di quelle così belle e...

Altri Sport

Futsal, a tu per tu con Jorge Braz: In Nazionale è come se fosse sempre la prima volta Mancano esattamente due giorni all’Euro Futsal...

Calcio

Ventiduesima giornata spezzettata come al solito (questa sera si disputeranno Bologna-Napoli, Milan-Spezia e Fiorentina-Genoa). La prima tranche verteva sul posticipo serale tra Atalanta e...

Calcio

La faccia di Cyrille Regis, pioniere della lotta al razzismo Il 14 gennaio 2018 moriva Cyrille Regis, il calciatore che durante la sua carriera...

Calcio

Franco Citti: l'”Accattone” che amava il calcio Il 14 gennaio 2016 moriva a 80 anni il grande Franco Citti. Per ricordarlo vi raccontiamo la...

Calcio

Il calcio è una chiave per vincere il dolore di un bambino mai nato Ci sono molti modi per esorcizzare il dolore. C’è chi...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro