Connect with us

Cerca articoli

Calcio

I giovani sono un investimento, non una spesa. I motivi della mancata crescita del calcio giovanile italiano

Il calcio italiano ha dimostrato ancora una volta il suo reale valore tecnico: medio.

Prima però di infilarci sulla disamina tecnica del nostro Campionato Europeo Under 21 è sicuramente unico, forse al mondo, l’atteggiamento della stampa italiana dopo ogni risultato:

DANIMARCA – ITALIA 0 – 2 “Ragazzi che Italia”

ITALIA – REPUBBLICA CECA “Azzurro tenebra Under 21”

GERMANIA – ITALIA 0 – 1 ” Eroici”

ITALIA – SPAGNA 3 – 1 “Gli azzurri crollano”

Nel sistema calcio italiano qualche problema sicuramente esiste, ma un certo tipo di stampa sembra un po’ schizofrenica soprattutto quando parla di ragazzi che, in alcuni casi, non hanno compiuto neanche 20 anni.

Forse è necessaria qualche riflessione da condividere per vedere se si riesce a migliorare il prodotto del calcio italiano che non vince una competizione internazionale, in tutte le fasce d’età, compresa la nazionale A dal lontano 2006. Oggi purtroppo navighiamo nel ranking Uefa in quarta posizione e a livello Fifa in dodicesima posizione.

  1. Non produciamo più talenti perché non siamo in grado di individuarli e gestirli (vedi Donnarumma);
  2. Le società credono che il Settore Giovanile sia una spesa, invece rappresenta semplicemente un investimento se gestito in maniera corretta;
  3. Al termine di ogni stagione sportiva circa 300 giovani giocatori della categoria Primavera (quelli che concludono di fatto il loro percorso formativo con le società professionistiche), non hanno soluzioni: troppo giovani per giocare in serie A, B o C, troppo vecchi per completare un percorso di specializzazione. In Italia alcuni dirigenti del calcio si stanno chiedendo da anni se è utile la seconda squadra/under 23, per completare il percorso di formazione tecnico tattica. Se qualcuno dicesse loro che per eccellere in qualunque disciplina dello sport sono necessarie circa 10000 di allenamento/competizioni troverebbero immediatamente una risposta.
  4. Tutti parlano di valorizzazione dei giovani, ma quante e quali sono le società che fanno questo tipo di scelta aziendale? Se non ci fossero gli incentivi che le leghe riconoscono, quanti club avrebbero questo coraggio?

Sia consentita poi una trasgressione sui numeri della semifinale Italia Spagna persa 3 – 1.

Possesso palla Spagna 63%, Italia 37%;

Precisione passaggi Spagna 522 (90%), Italia (223) 78%;

Tiri in porta Spagna 20, Italia 14.

Non amo i numeri perché il calcio è uno sport situazionale difficilmente codificabile nella parte tecnico/tattica ma sicuramente rendono un’idea sulle differenze tecniche presenti in campo; poi se a questi numeri aggiungiamo quelli del giocatore Spagnolo Saul Niguez, nato nel 1994,  che ha realizzato 3 gol nella gara contro gli azzurri , disputato nella stagione in corso 33 partite nella Liga e 12 in Champions League allora tutti capiscono la differenza.

 

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

1 Comment

1 Comment

  1. Avatar

    Claudio

    Luglio 28, 2017 at 9:26 pm

    Sono pienamente in sintonia

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Luigi Barbesino, il mistero della morte del campione d’Italia caduto in guerra Tra le storie dimenticate della Serie A, c’è sicuramente quella di Luigi...

Calcio

Carlo Petrini: il coraggio di denunciare Il 16 aprile 2012 moriva Carlo Petrini, il calciatore che degli anni 70-80 ha vissuto sulla sua pelle...

Calcio

Ruud Krol a Napoli, anche libero va bene In una foto al porto di Napoli, in mezzo a due pescatori e con una grossa...

Calcio

Quando il “Falco” Marcelo Otero rifilò quattro goal alla Fiorentina Per celebrare i 50 anni compiuti oggi da Marcelo Otero vi proponiamo il racconto...

Calcio

Lo scorso 6 aprile è stato il trentesimo anniversario dal primo ritorno di Roberto Baggio a Firenze da avversario. Il ‘Divin Codino’ alla Juventus...

Calcio

Helenio Herrera: Morte e Misteri dell’Inter del Mago Il 10 aprile 1910 nasceva Helenio Herrera, il Mago dell’Inter capace di vincere tutto. Della sua...

Calcio

Lo monetina di Alemao e gli altri misteri del Campionato 1989-90 L’8 aprile 1990 durante la partita tra Atalanta e Napoli, il centrocampista brasiliano...

Storie di Sport

Andrea Whitmore-Buchanan: se il destino è più infame anche del razzismo Il 6 aprile 1956 nasceva Andrea Whitmore Buchanan, la talentuosa tennista afroamericana che...

Calcio

Il “Best friulano”: Ezio Vendrame, la mezzala che sarebbe diventata un poeta  Ieri si è ricordata la scomparsa avvenuta il 4 aprile dello scorso...

Calcio

Giuseppe Chiappella: Firenze andata e ritorno Lombardo come Prandelli, tornò anche lui sulla panchina della Fiorentina. Giuseppe Chiappella scrisse pagine importanti della storia gigliata,...

Altri Sport

Gelindo Bordin e l’impresa impossibile di Seul 1988 Compie oggi 62 anni  il maratoneta Gelindo Bordin, l’atleta che vinse un incredibile oro alle Olimpiadi...

Altri Sport

Jesse Owens: il nero che incantò Hitler Il 31 marzo 1980 nasceva Jesse Owens, leggendario corridore statunitense che alle Olimpiadi del 1936 nella Berlino...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro