Connect with us

Cerca articoli

Calcio

I giovani sono un investimento, non una spesa. I motivi della mancata crescita del calcio giovanile italiano

Il calcio italiano ha dimostrato ancora una volta il suo reale valore tecnico: medio.

Prima però di infilarci sulla disamina tecnica del nostro Campionato Europeo Under 21 è sicuramente unico, forse al mondo, l’atteggiamento della stampa italiana dopo ogni risultato:

DANIMARCA – ITALIA 0 – 2 “Ragazzi che Italia”

ITALIA – REPUBBLICA CECA “Azzurro tenebra Under 21”

GERMANIA – ITALIA 0 – 1 ” Eroici”

ITALIA – SPAGNA 3 – 1 “Gli azzurri crollano”

Nel sistema calcio italiano qualche problema sicuramente esiste, ma un certo tipo di stampa sembra un po’ schizofrenica soprattutto quando parla di ragazzi che, in alcuni casi, non hanno compiuto neanche 20 anni.

Forse è necessaria qualche riflessione da condividere per vedere se si riesce a migliorare il prodotto del calcio italiano che non vince una competizione internazionale, in tutte le fasce d’età, compresa la nazionale A dal lontano 2006. Oggi purtroppo navighiamo nel ranking Uefa in quarta posizione e a livello Fifa in dodicesima posizione.

  1. Non produciamo più talenti perché non siamo in grado di individuarli e gestirli (vedi Donnarumma);
  2. Le società credono che il Settore Giovanile sia una spesa, invece rappresenta semplicemente un investimento se gestito in maniera corretta;
  3. Al termine di ogni stagione sportiva circa 300 giovani giocatori della categoria Primavera (quelli che concludono di fatto il loro percorso formativo con le società professionistiche), non hanno soluzioni: troppo giovani per giocare in serie A, B o C, troppo vecchi per completare un percorso di specializzazione. In Italia alcuni dirigenti del calcio si stanno chiedendo da anni se è utile la seconda squadra/under 23, per completare il percorso di formazione tecnico tattica. Se qualcuno dicesse loro che per eccellere in qualunque disciplina dello sport sono necessarie circa 10000 di allenamento/competizioni troverebbero immediatamente una risposta.
  4. Tutti parlano di valorizzazione dei giovani, ma quante e quali sono le società che fanno questo tipo di scelta aziendale? Se non ci fossero gli incentivi che le leghe riconoscono, quanti club avrebbero questo coraggio?

Sia consentita poi una trasgressione sui numeri della semifinale Italia Spagna persa 3 – 1.

Possesso palla Spagna 63%, Italia 37%;

Precisione passaggi Spagna 522 (90%), Italia (223) 78%;

Tiri in porta Spagna 20, Italia 14.

Non amo i numeri perché il calcio è uno sport situazionale difficilmente codificabile nella parte tecnico/tattica ma sicuramente rendono un’idea sulle differenze tecniche presenti in campo; poi se a questi numeri aggiungiamo quelli del giocatore Spagnolo Saul Niguez, nato nel 1994,  che ha realizzato 3 gol nella gara contro gli azzurri , disputato nella stagione in corso 33 partite nella Liga e 12 in Champions League allora tutti capiscono la differenza.

 

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

1 Comment

1 Comment

  1. Avatar

    Claudio

    Luglio 28, 2017 at 9:26 pm

    Sono pienamente in sintonia

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Andrej Kanchelskis, storia di una sfortuna infinita Compie oggi 52 anni Andrej Kanchelskis, il calciatore russo arrivato in Italia per spaccare il mondo, finito...

Calcio

Luciano Re Cecconi: il tragico destino di un giocatore che veniva dal futuro Il 18 Gennaio 1977 se ne andava Luciano Re Cecconi, iconico...

Calcio

Calcio e corruzione: Gegio Gaggiotti e i suoi capolavori Il 16 gennaio 1924 nasceva Eugenio Gaggiotti, l’uomo che è considerato il “pioniere” delle combine...

Calcio

Mario Jardel e quei saluti calorosi sotto la curva sbagliata Con il calciomercato invernale nel vivo, riviviamo la storia di un bomber dal grande...

Calcio

Neve, Black out e colpi di pistola: i 5 episodi del Derby di Roma che (forse) non conoscete Il derby non è mai una...

Calcio

Il calcio al tempo di Tito: Jugoslavia, una Nazionale per sei Stati, cinque nazioni, quattro lingue, tre religioni, due alfabeti Il 14 Gennaio 1953...

Calcio

Chiedi chi era Masinga Il nostro tributo a Phil Masinga, simbolo dei Bafana Bafana, che due anni fa ci lasciava a soli 49 anni....

Calcio

A tu per tu con Igor Protti, lo Zar del Goal Abbiamo intervistato Igor Protti, bomber che ha militato in diverse squadre quali Rimini,...

Calcio

La cantina Nevio Scala: dalla panchina alle vigne Capolavoro in Emilia-Romagna. Tra calcio e buon vino Nevio Scala ha scritto un romantico romanzo di...

Calcio

Rod Stewart ama il Calcio alla follia Rod Stewart compie oggi 76 anni. L’ eterno musicista britannico in carriera ha venduto più di 100...

Calcio

Luigi Barbesino, il mistero della morte del campione d’Italia caduto in guerra “Grande personalità, spiccate doti di comando, incuteva soggezione e a tratti anche...

Calcio

Auguri Davide Avrebbe compiuto 34 anni oggi Davide Astori, il capitano della Fiorentina che ci ha salutato tre anni fa, sconvolgendo il calcio italiano....

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro