Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Giorgio Chinaglia è il grido di battaglia

Il primo aprile 2012 moriva Giorgio Chinaglia, bomber della Lazio scomparso all’età di 65 anni. Personaggio controverso

Giorgio Chinaglia o lo si ama o lo si odia. Non ci sono vie di mezzo, proprio come non conosceva vie di mezzo Giorgio. Sanguigno, irascibile, spontaneo, a volte troppo ingenuo, ma dannatamente buono: questo era Giorgio Chinaglia, un personaggio romantico di un calcio che ormai non c’è più. Persona vera, a volte scomoda, Chinaglia divenne il simbolo di una Lazio povera ma ricca di valori umani come mai lo era stata fino ad allora.

Eterna bandiera biancoceleste, non basterebbero interi film per raccontare e far capire cosa abbia significato quella Lazio per i suoi tifosi. Una squadra di ‘’matti’’, come veniva spesso descritta, capace di odiarsi durante la settimana ma di diventare un’unica entità la domenica, con Giorgio Chinaglia eletto simbolo e condottiero di quella invincibile armata. L’amore della gente nei confronti di Giorgio non venne mai meno, nonostante i tanti episodi negativi e spiacevoli che hanno costellato la vita dell’ex bomber laziale. Se come giocatore nulla poteva essere rimproverato a Chinaglia, è da un punto di vista imprenditoriale che purtroppo sono venuti a galla tutti i limiti di una persona buona, vogliosa di fare, ma che troppe volte ha riposto fiducia in persone che non la meritavamo affatto.

Emblema di questo suo ‘’limite’’ fu  il ritorno nella capitale da presidente della sua amata Lazio nel lontano 1983 quando, nonostante il pazzesco entusiasmo con il quale venne accolto, l’idolo del popolo biancoceleste non riuscì a mantenere le promesse, cedendo la squadra biancoceleste dopo soli due anni dalla sua acquisizione. Una storia di amore e odio, quella tra Chinaglia e i tifosi della Lazio, che ha vissuto il suo culmine sotto la gestione Lotito. La piazza, ormai stanca della presidenza Lotito, visse con fibrillazione e incontenibile gioia la notizia di un potenziale acquirente interessato al club romano, con Chinaglia che ne divenne portavoce garantendone l’affidabilità. Mai delusione fu più grande per il popolo che credeva in lui, di quando si scoprì la non attendibilità di quelle dichiarazioni, dettate dalla troppa fiducia che il buon Giorgio riponeva nelle persone.

Il colpo per i tifosi della Lazio fu durissimo, coloro i quali per decenni hanno difeso e coccolato Chinaglia si sentirono traditi proprio sul più bello dal loro idolo e condottiero di tante battaglie. Il rapporto tra la piazza e Giorgio si freddò, ma l’incondizionato amore che i supporters dell’aquila nutrivano nei confronti di Chinaglia era solo sopito, pronto a riaccendersi e a rinascere dalle sue ceneri come una fenice. E quel momento arrivò, purtroppo nella triste occasione della sua morte, avvenuta il 1 aprile 2012. Nello stesso istante in cui si apprese la notizia del decesso, il passato venne immediatamente riscritto: le promesse non mantenute furono abbonate, le delusioni dimenticate e il senso di tradimento accantonato per sempre. Tornò ad esserci solo l’amore verso il leader, il simbolo, l’eroe dal cuore d’oro che da solo sfidò le avversità delle tenebre per condurre tutti alla vittoria. E da quel giorno, quel coro che negli anni ’70 faceva tremare i gradoni dell’Olimpico non ha più smesso di essere gridato al cielo, perché le epoche possono passare e le situazioni mutare, ma oggi come allora ‘’Giorgio Chinaglia è il grido di battaglia!’’

Avatar
A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Basket

Don Haskins, il Martin Luther King bianco del Basket americano Il 18 Gennaio 2021 si festeggia negli Stati Uniti il Martin Luther King Day,...

Motori

Gilles Villeneuve, l’eterno poeta innamorato del limite /E volta nostra poppa nel mattino,/ Dei remi facemmo ali al folle volo/ Sempre acquistando dal lato...

Calcio

Luciano Re Cecconi: il tragico destino di un giocatore che veniva dal futuro Il 18 Gennaio 1977 se ne andava Luciano Re Cecconi, iconico...

Calcio

La Tigre Arkan e un sogno chiamato Champions League Il 15 Gennaio del 2000 moriva Željko Ražnatović, meglio conosciuto come la Tigre Arkan, il...

Calcio

Calcio e corruzione: Gegio Gaggiotti e i suoi capolavori Il 16 gennaio 1924 nasceva Eugenio Gaggiotti, l’uomo che è considerato il “pioniere” delle combine...

Calcio

Mario Jardel e quei saluti calorosi sotto la curva sbagliata Con il calciomercato invernale nel vivo, riviviamo la storia di un bomber dal grande...

Calcio

Neve, Black out e colpi di pistola: i 5 episodi del Derby di Roma che (forse) non conoscete Il derby non è mai una...

Calcio

Chiedi chi era Masinga Il nostro tributo a Phil Masinga, simbolo dei Bafana Bafana, che due anni fa ci lasciava a soli 49 anni....

Calcio

A tu per tu con Igor Protti, lo Zar del Goal Abbiamo intervistato Igor Protti, bomber che ha militato in diverse squadre quali Rimini,...

Calcio

La cantina Nevio Scala: dalla panchina alle vigne Capolavoro in Emilia-Romagna. Tra calcio e buon vino Nevio Scala ha scritto un romantico romanzo di...

Calcio

Gennaio 2003: Quando a Cragnotti “scipparono” la Lazio C’è stato un tempo in cui, anche il calcio italiano ebbe i suoi “sceicchi”.  Non portavano...

Pugilato

Carlos Monzon, la strada della violenza L’8 gennaio 1995 moriva Carlos Monzon, il pugile argentino campione del mondo dei pesi medi che con il...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro