Quantcast
Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Gigi Riva, il Museo del Grande Torino celebra “Rombo di Tuono”

Il prossimo 7 novembre una leggenda vivente del nostro calcio compirà 72 anni. Un uomo e uno sportivo che è stato definito da Giampaolo Muliari, direttore del museo del Grande Torino e della Leggenda granata, “un campione che suscita sempre grande ammirazione e rispetto anche a chi non lo ha mai visto giocare dal vivo”. Il riferimento è a Gigi Riva, bomber del Cagliari e capocannoniere della nazionale con trentacinque reti, al quale proprio lo spazio museale di Grugliasco, nel torinese, dedica una mostra aperta da oggi (in concomitanza con il match tra Torino e Cagliari) fino al prossimo 27 novembre. Il motivo del tributo? “Il nostro è un museo nato da un’associazione di tifosi particolarmente legati al mondo granata – spiega Muliarima abbiamo pensato di allagarci ad altre iniziative. Il nome di Riva ci è venuto in mente già dallo scorso anno, ma il Cagliari era in serie B e abbiamo preferito aspettare”.

Gigi Riva con la maglia del Cagliari in una foto d'archivio. ANSA

Ed è proprio di quest’ultima squadra che “rombo di tuono” – come lo aveva soprannominato Gianni Brera, scrittore e maestro indiscusso del giornalismo italiano – è stato è stato la bandiera per ben tredici anni (dal 1936 al 1976). Un simbolo, Riva, che ha dovuto appendere le scarpette al chiodo a soli 31 anni per la fragilità delle sue gambe. Leve lunghe che hanno fatto di lui un attaccante completo e prolifico (giocando nel Cagliari ha realizzato 164 reti in 315 partite, davvero niente male). Ed ecco che la rassegna dedicata al bomber di Leggiuno (Varese) presenta al pubblico una cinquantina di cimeli, con numerose foto e giornali dell’epoca, per omaggiare un grande del nostro calcio. “Uno dei pezzi forti della mostra è un pieghevole che ricorda una gara speciale, quella del Cagliari a Torino del 1970, vinta 4-0 dopo che lo scudetto era già matematicamente sul petto dei sardi”, incalza ancora Muliari, che con un pizzico di nostalgia precisa: “Era un tributo del Torino al Cagliari che aveva conquistato il titolo. Fantascienza se paragonato all’attualità: impossibile, al giorno d’oggi, pensare ad una squadra che celebra i successi altrui”.

1

Rombo di tuono: Gigi Riva, il cuore per una maglia, per un popolo”, questo il titolo dell’esposizione, merita dunque la visita. Anche solo per la sua genesi, già in qualche modo anticipata. Perché se è vero che il calciatore non ha mai vestito la gloriosa maglia granata del Torino, è altrettanto vero che – più di una volta – Riva ha rifiutato la corte della Juventus per restare fedele al Cagliari. Una dimostrazione di affetto e dedizione, la sua, che non è passata inosservata. Anche perché “rombo di tuono” non è stato solo l’uomo cardine della squadra isolana, ma resta un patrimonio (fortunatamente vivente) di un calcio “romantico” che in molti rimpiangono.

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facebook

Da non perdere

Calcio

Muro di Berlino: Dirk Schlegel e Falko Götz, i due talenti della Germania Est fuggiti dalla Stasi Compie oggi 60 anni Dirk Schlegel, il...

Calcio

Aye, Mr President! – Quando Donald Trump stava per irrompere nel mondo del Calcio Compie oggi 75 anni Donald Trump, il magnate americano divenuto...

Calcio

Albino United: la squadra di calcio che combatte la stregoneria e la strage di innocenti in Africa Il 13 giugno di ogni anno ricorre...

Calcio

Mauro Tassotti, il Djalma Santos bianco “Puoi togliere il ragazzo dal ghetto ma non il ghetto dal ragazzo”, dice Zlatan Ibrahimovic. Potremmo portare questa...

Calcio

Kim Vilfort, il meno importante dei miracoli – Lieve è il dolore che parla. Il grande, è muto –  Seneca I sopravvissuti non sono...

Calcio

31 anni da Italia 1990, le Notti Magiche e il trionfo dell’ultima Germania divisa L’8 giugno di 31 anni fa iniziavano i Mondiali di...

Calcio

Il Campionato Romano di Guerra: il calcio a Roma durante e dopo l’occupazione nazista Il 5 giugno 1944 a Roma si respirava un’aria nuova...

Calcio

Giornata Mondiale dell’Ambiente: Come il Calcio si sta muovendo per difendere la salute del pianeta Nel giorno in cui si celebra la Giornata Mondiale...

Calcio

4 giugno 1944, Roma Liberata: i destini incrociati di Attilio Ferraris IV e Bruno Buozzi Il 4 giugno 1944 terminava, dopo quasi nove mesi,...

Calcio

Emigrante Fútbol Club: 4 squadre fondate da italiani in Argentina Il 3 Giugno si festeggia la Giornata Nazionale dell’Emigrante italiano in Argentina. Per l’occasione...

Calcio

2 giugno 1978: Quando toccò alla nazionale regalare speranza a una società ferita Il 2 giugno 1978 gli azzurri di Bearzot esordivano nel Mundial...

Calcio

Giacinto Facchetti: Tre, come Treviglio Tra i tanti primati del calcio italiano, ce n’è uno, sempre passibile di aggiornamenti, incrociando le dita, che gli...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro