Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Giappone, calcio e Nazismo: non è uno scherzo

‘Esistono storie che non esistono’: così recitava uno dei tanti e popolarissimi trailer di film improbabili (per la precisione, in quel caso si trattava di ‘L’uomo che usciva la gente’) ideati dal genio vivente corrispondente al nome di Maccio Capatonda.

Stavolta, tale, assurda, affermazione pare proprio calzare a pennello con un evento proveniente dal Giappone, che nelle ultime ore è stato posto in risalto sulle prime pagine di diversi quotidiani in giro per il mondo.

La squadra nipponica del Gamba Osaka è stata punita, mediante una multa, dopo che i suoi tifosi hanno sventolato allo stadio una bandiera recante un simbolo molto simile a quello delle SS naziste.

Si, avete letto bene.

Tale bandiera, che mostrava una doppia ‘S in pieno stile nazista, è apparsa sugli spalti durante la sfida del 16 aprile scorso tra il Gamba e l’altra squadra di Osaka, il Cerezo.

La multa inflitta alla società da parte della federazione è stata pari a due milioni di yen (circa 24.000 euro).

Il club nipponico, dal canto suo, ha immediatamente identificato il gruppo di persone responsabile dell’atto, denunciandolo alle autorità competenti.

Non solo, però; il Gamba Osaka, infatti, ha pure stabilito un divieto indefinito riguardo a bandiere e striscioni da portare all’interno del proprio impianto.

In aiuto della società giapponese, infine, è intervenuta la stessa federazione nazionale, che in un comunicato ha affermato: “Gli sforzi compiuti dal club per istituire un sistema di monitoraggio efficace sulle attività dei sostenitori talvolta possono mostrarsi non sufficienti ad impedire che una qualche azione discriminatoria avvenga. Si tratta, purtroppo, di un elemento difficilmente contrastabile talvolta, a causa della elevata partecipazione di spettatori ad eventi sportivi”.

E se anche una fetta di Giappone si scopre nazista…

 

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

L’Ajax, la squadra del ghetto perseguitata dall’antisemitismo nazista Il 25 Febbraio è una data storica per la città di Amsterdam. In questo giorno, nel...

Pugilato

Max Schmeling contro Joe Louis: Terzo Reich contro Stati Uniti  Il 2 febbraio 2005 moriva Max Schmeling, il pugile tedesco che, suo malgrado, divenne...

Calcio

Tòth e Kertész, gli eroi ungheresi più forti delle deportazioni naziste La storia di Istvàn Tòth e Géza Kertész è una di quelle che...

Calcio

Erno Erbstein, storia di un uomo che sapeva allenare Per il Giorno della Memoria vi raccontiamo la storia di Erno Erbstein, leggendario allenatore del...

Calcio

Matthias Sindelar, il patriota anti Hitler Il 23 Gennaio 1939 moriva in circostanze misteriose Matthias Sindelar, il fenomeno austriaco che con il suo gesto...

Pugilato

Johann Trollmann, il pugile sinti che prese a pugni il Nazismo Il 27 Dicembre 1907 nasceva ad Hannover, Johann Trollmann, il pugile sinti, la...

Calcio

Totò Schillaci: “Vi racconto la mia vita, quella vera” In occasione dei 56 anni compiuti oggi da Totò Schillaci, vi riproponiamo l’intervista che fece...

Altri Sport

Werner Seelenbinder, il lottatore rosso Il 24 ottobre 1944 moriva Werner Seelenbinder, il lottatore simbolo sportivo della resistenza al nazismo. Per ricordarlo vi raccontiamo...

Calcio

Jules Rimet, il visionario padre dei Mondiali che ha cambiato il ‘900 Il 14 ottobre 1873 nasceva Jules Rimet, il padre dei Mondiali di...

Altri Sport

Jesse Owens: il nero che incantò Hitler Il 12 settembre 1913 nasceva Jesse Owens, leggendario corridore statunitense che alle Olimpiadi del 1936 nella Berlino...

Altri Sport

Barcellona 1936: le Olimpiadi Popolari dell’Utopia che non ci sono mai state Le Olimpiadi di solito, dalla loro prima edizione dell’era moderna ad Atene...

Pugilato

Vibrano sempre, le sedici corde; che se uno accostasse l’orecchio gli sembrerebbe di ascoltare tutto il dolore, la fatica, la soddisfazione e l’orgoglio degli...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro