Connect with us

Cerca articoli

Sport & Diritti

Giallo, Rosso e…Verde: il Cartellino per il Fair Play

Chi si ricorda quel gesto straordinario di Paolo Di Canio quando giocava in Premier League? L’allora giocatore del West Ham, con il portiere della squadra avversaria a terra, volle interrompere un’azione d’attacco dei suoi compagni, bloccando il pallone con le mani, per consentire al portiere di riprendersi. Come sarebbe andata a finire, quell’azione di gioco, non possiamo saperlo. Ma comunque, quel gesto di puro “fair play” valse a Di Canio i complimenti di tutta la squadra avversaria.

Ecco, a partire da adesso, se un gesto del genere succedesse anche in Italia, il Di Canio di turno si beccherebbe un bel cartellino verde. Si proprio così: verde. Non rosso nè giallo. L’ultima trovata del calcio italiano, adottata dalla serie cadetta,  si chiama infatti “cartellino verde”. Il cartellino nazionale del gioco pulito. A partire da ora gli arbitri di serie B, avranno perciò a disposizione, nel taschino della giacca, tre cartellini : il giallo, il rosso e appunto, anche il verde, figurativamente parlando.

E’ la nuova proposta per premiare i comportamenti corretti, che prenderà il via a partire dall’anticipo di stasera Spezia – Bari. E prevede che, oltre ai “cattivi”, dovranno essere premiati anche i più “buoni”: coloro che nel corso della gara si renderanno protagonisti di gesti “speciali ed esemplari”. Ma non è detto che siano calciatori. Al contrario, potranno esserlo anche i dirigenti. E la persona da premiare verrà segnalata dall’arbitro e dai suoi collaboratori attraverso uno specifico modulo fornito dalla Lega che al termine della partita, consegnato al Delegato presente sul campo.

La “green card” del calcio italiano, è un’altra idea targata Andrea Abodi, il presidente della serie cadetta, già promotore di alcune misure volte ad inasprire le sanzioni contro il calcio scommesse ed altre rivolte, invece, a premiare tutti coloro che denunciano i casi di partite “truccate”. Il quale ha fortemente voluto il “cartellino verde” accettando la proposta di un Comitato Etico all’interno del quale siedono tra gli altri il giornalista Marino Bartoletti, il compositore Mogol, l’allenatore Mondonico e la moglie di Stefano Borgonovo, Chantal.

Nell’ottica dei suoi promotori, l’iniziativa dovrà riportare l‘attenzione su quelle che sono considerate le “tematiche sensibili” di uno sport: il rispetto, la cultura sportiva e la responsabilità sociale. Secondo Abodi, come riporta anche il Corriere della Sera, l’iniziativa avrà “forte carico educativo ed emulativo perchè tutto quello che accade di positivo ha enorme riflesso nella mente dei tifosi”.

Basterà per ripulire il calcio dalle mele marce? Qualcuno pensa che no, non basterà. Come Il Foglio, il quotidiano fondato da Giuliano Ferrara e diretto da Claudio Cerasa, che la scorsa estate scrisse a proposito del cartellino verde come “l’ultimo atto di un moralismo nazionale”, che si è espanso a macchia d’olio, dalla politica è arrivato fino allo sport. In effetti, in politica, molte volte andrebbe usato il cartellino rosso.

social banner

 

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

0 Comments

  1. Avatar

    Pasquinho

    Gennaio 15, 2016 at 6:05 pm

    si, ma che succede secondo regolamenteo quando si riceve un cartellino verde? viene abbonata un’ammonizione? o non succede nulla?

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Piermario è caro al cielo Citato ogni volta da mio padre, quando avveniva una morte prematura per lui ingiusta. Ormai appartiene a Piermario. Piermario...

Calcio

Se lo Sport si inchina alla Fede: Calcio e Ramadan, un’integrazione difficile Nelle prossime settimane, per alcuni allenatori di diverse compagini, composte principalmente da...

Integratori

Dieta e Integratori: ecco la bibbia per ogni sportivo Programmare settimanalmente dei momenti da dedicare all’attività fisica è diventato un aspetto sempre più presente...

Calcio

Helenio Herrera: Morte e Misteri dell’Inter del Mago Il 10 aprile 1910 nasceva Helenio Herrera, il Mago dell’Inter capace di vincere tutto. Della sua...

Calcio

Lo monetina di Alemao e gli altri misteri del Campionato 1989-90 L’8 aprile 1990 durante la partita tra Atalanta e Napoli, il centrocampista brasiliano...

Altri Sport

L’Aquila 12 anni dopo: storie di sportivi portate via da un terremoto Il 6 aprile 2009, alle ore 03:32 di notte, un terremoto di...

Calcio

Il “Best friulano”: Ezio Vendrame, la mezzala che sarebbe diventata un poeta  Ieri si è ricordata la scomparsa avvenuta il 4 aprile dello scorso...

Calcio

Fabrizio Frizzi e lo Sport: dal Bologna alla Nazionale Cantanti “Hai un amico in me. Un grande amico in me. Se la strada non...

Calcio

Giuseppe Chiappella: Firenze andata e ritorno Lombardo come Prandelli, tornò anche lui sulla panchina della Fiorentina. Giuseppe Chiappella scrisse pagine importanti della storia gigliata,...

Calcio

Sarnano, 1 Aprile 1944: Partigiani contro Nazisti 1 a 1 Il Primo Aprile 1944, in centro Italia, si sarebbe giocata una partita di calcio...

Altri Sport

La rivoluzione del Surf: Shahla Yasini, la prima iraniana sulla cresta dell’onda Il primo aprile 1979 viene proclamata la nascita della Repubblica Islamica dell’Iran...

Calcio

La storia di Alec Stock, esonerato due volte dall’irriconoscenza Il 30 Marzo 1917 nasceva Alec Stock, la cui storia rappresenta perfettamente la vita dell’allenatore...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro