Connect with us

Cerca articoli

Sport & Diritti

Giallo, Rosso e…Verde: il Cartellino per il Fair Play

Chi si ricorda quel gesto straordinario di Paolo Di Canio quando giocava in Premier League? L’allora giocatore del West Ham, con il portiere della squadra avversaria a terra, volle interrompere un’azione d’attacco dei suoi compagni, bloccando il pallone con le mani, per consentire al portiere di riprendersi. Come sarebbe andata a finire, quell’azione di gioco, non possiamo saperlo. Ma comunque, quel gesto di puro “fair play” valse a Di Canio i complimenti di tutta la squadra avversaria.

Ecco, a partire da adesso, se un gesto del genere succedesse anche in Italia, il Di Canio di turno si beccherebbe un bel cartellino verde. Si proprio così: verde. Non rosso nè giallo. L’ultima trovata del calcio italiano, adottata dalla serie cadetta,  si chiama infatti “cartellino verde”. Il cartellino nazionale del gioco pulito. A partire da ora gli arbitri di serie B, avranno perciò a disposizione, nel taschino della giacca, tre cartellini : il giallo, il rosso e appunto, anche il verde, figurativamente parlando.

E’ la nuova proposta per premiare i comportamenti corretti, che prenderà il via a partire dall’anticipo di stasera Spezia – Bari. E prevede che, oltre ai “cattivi”, dovranno essere premiati anche i più “buoni”: coloro che nel corso della gara si renderanno protagonisti di gesti “speciali ed esemplari”. Ma non è detto che siano calciatori. Al contrario, potranno esserlo anche i dirigenti. E la persona da premiare verrà segnalata dall’arbitro e dai suoi collaboratori attraverso uno specifico modulo fornito dalla Lega che al termine della partita, consegnato al Delegato presente sul campo.

La “green card” del calcio italiano, è un’altra idea targata Andrea Abodi, il presidente della serie cadetta, già promotore di alcune misure volte ad inasprire le sanzioni contro il calcio scommesse ed altre rivolte, invece, a premiare tutti coloro che denunciano i casi di partite “truccate”. Il quale ha fortemente voluto il “cartellino verde” accettando la proposta di un Comitato Etico all’interno del quale siedono tra gli altri il giornalista Marino Bartoletti, il compositore Mogol, l’allenatore Mondonico e la moglie di Stefano Borgonovo, Chantal.

Nell’ottica dei suoi promotori, l’iniziativa dovrà riportare l‘attenzione su quelle che sono considerate le “tematiche sensibili” di uno sport: il rispetto, la cultura sportiva e la responsabilità sociale. Secondo Abodi, come riporta anche il Corriere della Sera, l’iniziativa avrà “forte carico educativo ed emulativo perchè tutto quello che accade di positivo ha enorme riflesso nella mente dei tifosi”.

Basterà per ripulire il calcio dalle mele marce? Qualcuno pensa che no, non basterà. Come Il Foglio, il quotidiano fondato da Giuliano Ferrara e diretto da Claudio Cerasa, che la scorsa estate scrisse a proposito del cartellino verde come “l’ultimo atto di un moralismo nazionale”, che si è espanso a macchia d’olio, dalla politica è arrivato fino allo sport. In effetti, in politica, molte volte andrebbe usato il cartellino rosso.

social banner

 

A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

0 Comments

  1. Pasquinho

    Gennaio 15, 2016 at 6:05 pm

    si, ma che succede secondo regolamenteo quando si riceve un cartellino verde? viene abbonata un’ammonizione? o non succede nulla?

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Calcio e totalitarismo: Quali squadre tifavano i dittatori? Il 25 luglio 1943 terminava il Regime Fascista, ponendo fine alla dittatura di Benito Mussolini, un...

Calcio

149 a 0: quando una sconfitta ti regala un posto nella storia del calcio Il Madagascar, al giorno d’oggi, è conosciuto per essere la...

Calcio

Ubaldo Matildo Fillol, una vita tra i guanti Compie oggi 71 anni Ubaldo Matildo Fillol, leggendario portiere argentino campione del Mondo con l’Albiceleste nel...

Calcio

René Houseman, “El Loco Impresentable” Ieri 19 luglio nasceva nel 1953 Renè Houseman, Campione del Mondo 1978 con la sua Argentina, scomparso  per un...

Calcio

Mandela Day: il calcio di Mandela nel carcere dove trascorse 18 anni ll 18 Luglio 1918 nasceva Nelson Mandela, il presidente sudafricano che è...

Calcio

Giacinto Facchetti: Tre, come Treviglio Tra i tanti primati del calcio italiano, ce n’è uno, sempre passibile di aggiornamenti, incrociando le dita, che gli...

Calcio

Lo Sport secondo Andrea Camilleri Il 17 luglio del 2019 ci lasciava il grande scrittore siciliano Andrea Camilleri. Nato il 6 settembre 1925 a...

Calcio

Le meteore della Serie A: Adrian Pit, 41 minuti per entrare nella storia della Roma Compie oggi 38 anni Adrian Pit, l’esterno romeno che...

Calcio

La chiamarono la Guerra del Calcio Il 14 Luglio 1969 iniziava quella che viene definita la “Guerra del Calcio” tra Honduras e El Salvador....

Calcio

Ronaldo: Fenomeno, a tutti i costi Sono le 14,30 del 12 luglio 1998. Parigi. Non un città qualsiasi, né una giornata qualsiasi. In quel...

Calcio

La C2 del Licata e le origini di “Zemanlandia” Dilectissima. Così nel XIII° secolo Federico II di Svevia appellò Licata, cittadina in provincia di...

Calcio

DeFoe e Bradley sulla pelle e nel cuore, per sempre Essere personaggi pubblici per qualcuno comporta un vestito di vanità cucito da sarti spocchiosi....

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro