Connect with us

Cerca articoli

Sport & Diritti

Giallo, Rosso e…Verde: il Cartellino per il Fair Play

Chi si ricorda quel gesto straordinario di Paolo Di Canio quando giocava in Premier League? L’allora giocatore del West Ham, con il portiere della squadra avversaria a terra, volle interrompere un’azione d’attacco dei suoi compagni, bloccando il pallone con le mani, per consentire al portiere di riprendersi. Come sarebbe andata a finire, quell’azione di gioco, non possiamo saperlo. Ma comunque, quel gesto di puro “fair play” valse a Di Canio i complimenti di tutta la squadra avversaria.

Ecco, a partire da adesso, se un gesto del genere succedesse anche in Italia, il Di Canio di turno si beccherebbe un bel cartellino verde. Si proprio così: verde. Non rosso nè giallo. L’ultima trovata del calcio italiano, adottata dalla serie cadetta,  si chiama infatti “cartellino verde”. Il cartellino nazionale del gioco pulito. A partire da ora gli arbitri di serie B, avranno perciò a disposizione, nel taschino della giacca, tre cartellini : il giallo, il rosso e appunto, anche il verde, figurativamente parlando.

E’ la nuova proposta per premiare i comportamenti corretti, che prenderà il via a partire dall’anticipo di stasera Spezia – Bari. E prevede che, oltre ai “cattivi”, dovranno essere premiati anche i più “buoni”: coloro che nel corso della gara si renderanno protagonisti di gesti “speciali ed esemplari”. Ma non è detto che siano calciatori. Al contrario, potranno esserlo anche i dirigenti. E la persona da premiare verrà segnalata dall’arbitro e dai suoi collaboratori attraverso uno specifico modulo fornito dalla Lega che al termine della partita, consegnato al Delegato presente sul campo.

La “green card” del calcio italiano, è un’altra idea targata Andrea Abodi, il presidente della serie cadetta, già promotore di alcune misure volte ad inasprire le sanzioni contro il calcio scommesse ed altre rivolte, invece, a premiare tutti coloro che denunciano i casi di partite “truccate”. Il quale ha fortemente voluto il “cartellino verde” accettando la proposta di un Comitato Etico all’interno del quale siedono tra gli altri il giornalista Marino Bartoletti, il compositore Mogol, l’allenatore Mondonico e la moglie di Stefano Borgonovo, Chantal.

Nell’ottica dei suoi promotori, l’iniziativa dovrà riportare l‘attenzione su quelle che sono considerate le “tematiche sensibili” di uno sport: il rispetto, la cultura sportiva e la responsabilità sociale. Secondo Abodi, come riporta anche il Corriere della Sera, l’iniziativa avrà “forte carico educativo ed emulativo perchè tutto quello che accade di positivo ha enorme riflesso nella mente dei tifosi”.

Basterà per ripulire il calcio dalle mele marce? Qualcuno pensa che no, non basterà. Come Il Foglio, il quotidiano fondato da Giuliano Ferrara e diretto da Claudio Cerasa, che la scorsa estate scrisse a proposito del cartellino verde come “l’ultimo atto di un moralismo nazionale”, che si è espanso a macchia d’olio, dalla politica è arrivato fino allo sport. In effetti, in politica, molte volte andrebbe usato il cartellino rosso.

social banner

 

A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

0 Comments

  1. Pasquinho

    Gennaio 15, 2016 at 6:05 pm

    si, ma che succede secondo regolamenteo quando si riceve un cartellino verde? viene abbonata un’ammonizione? o non succede nulla?

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Un Ufo alla partita di calcio: quando lo Stadio Franchi sembrò Roswell Il 27 ottobre 1954 le cronache del tempo raccontano che, durante una...

Calcio

Vasilis Chadzipanagis: il Maradona Greco che ha dovuto combattere con il destino Compie oggi 67 anni Vasilis Chadzipanagis è un nome che potrebbe non...

Storie di Sport

Roma-Napoli: una storia di calcio, cinema, musica e passione Si gioca oggi alle ore 18 all’Olimpico Roma-Napoli, una partita che un tempo era definita...

Calcio

Giovanni Paolo II, l’Atleta di Dio. Il 22 ottobre di 42 anni fa Karol Wojtyla dava inizio al suo pontificato. Fu il primo papa...

Calcio

Jules Rimet, il visionario padre dei Mondiali che ha cambiato il ‘900 Il 14 ottobre 1873 nasceva Jules Rimet, il padre dei Mondiali di...

Calcio

Una piccola storia ignobile Il ragazzo, senegalese, quando prende palla è difficile fermarlo; sin dal primo tempo si alternano, gli avversari, nel tentare di...

Calcio

Dario Fo: il Premio Nobel che amava il calcio “vecchie maniere” Il 13 Ottobre 2016 moriva Dario Fo, uno degli artisti italiani più stimati...

Calcio

Arbitri, Tifosi e Calciatori: una Storia di sangue Le ultime settimane di calcio si sono contraddistinte per due episodi di violenza nei confronti degli...

Calcio

Justin Fashanu, il fratello “sbagliato” I trentenni, o chi gli gira intorno, a quell’età, ricordando John Fashanu. “Idolo” della Gialappa’s e di “Mai dire...

Altri Sport

10Cosa significa essere Gianni Mura Avrebbe compiuto ieri 76 anni Gianni Mura, maestro di giornalismo e non solo, che ci ha lasciato lo scorso...

Calcio

Didi, il calcio in due sillabe L’8 ottobre 1928 nasceva Valdir Pereira, meglio noto con lo pseudonimo Didi, uno dei calciatori più iconici della...

Calcio

Aldo Biscardi: dalle intercettazioni con Moggi al “Moviolone” divenuto realtà Sono passati quattro esatti dalla morte di Aldo Biscardi. Il giornalista, autore e conduttore...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro